Home » Bellezza » Cura del corpo » Pediluvio fai da te: prodotti, strumenti e come fare passo per passo
come fare un pediluvio fai da te a casa
Pediluvio fai da te: guida passo per passo. Scopri come fare un pediluvio fatto in casa per rilassare i piedi stanchi e gonfi, quali prodotti usare, le ricette, i nostri consigli e cosa fare per avere sempre piedi curati e perfetti.

Pediluvio fai da te: prodotti, strumenti e come fare passo per passo

Sei reduce da una giornata pesante e i tuoi piedi sono gonfi e stanchi? Per ripagare i piedi delle fatiche della giornata concediti una coccola per la cura dei tuoi piedi: il pediluvio fai da te. Farlo non è difficile, anzi, è molto più semplice di quanto si possa immaginare! In questo articolo, troverete una guida passo per passo su come fare il pediluvio a casa, tutto l’occorrente (prodotti e strumenti) e i nostri consigli su come rilassare i piedi affaticati.

Il pediluvio è una pratica sottovalutata, ecco perché dovresti farne uno:

  • rilassa;
  • ammorbidisce;
  • depura.

Pensa alla tua giornata di corsa: in piedi, vai di qua e di là, hai camminato, hai corso, hai messo i tacchi, hai camminato senza scarpe…e dopo tutto questo? Piedi stanchi e pesanti, se non doloranti proprio. La soluzione è proprio un bel pediluvio caldo arricchito che ridona benessere ai piedi ed al corpo.

Come fare un pediluvio in casa

Per fare un pediluvio fatto in casa questo è l’occorrente che ti serve:

  • bacinella profonda;
  • sale o bicarbonato a seconda delle necessità;
  • oli essenziali a seconda delle necessità;
  • tè o tisane;
  • acqua calda;
  • asciugamano.

Il pediluvio fai da te è molto semplice, naturalmente occorre tempo (un quarto d’ora almeno) in cui si deve stare con i piedi comodamente immersi nell’acqua senza possibilità che accadono catastrofi che richiedono la tua immediata presenza.

Personalmente, quando decido di fare un pediluvio: suona il postino, il telefono che ho scordato lontano suona, qualcuno mi chiama, etc etc… Quindi sistemati in un posto comodo, chiudi la porta, prepara già tutto ciò che ti serve e poi vabbè mentre fai il trattamento puoi massaggiare, chiamare, leggere o…scrivere, come me in questo momento.

Quando si deve fare un pediluvio?

Quando si notano:

  • piedi gonfi;
  • piedi stanchi;
  • piedi doloranti;
  • piedi arrossati;
  • piedi con pelle ispessita;
  • piedi con talloni screpolati.

Un pediluvio puoi farlo:

  • la sera per riposare i piedi;
  • d’inverno, di ritorno a casa per…scongelarli;
  • durante la pedicure fai da te;
  • quando ci si sente gonfi;
  • quando si ha bisogno di depurarsi.

Pediluvio fai da te: come fare passo per passo

Vediamo dunque come preparare un buon pediluvio.

  • Passo 1: lava bene i piedi con un sapone non aggressivo, risciacqua bene ed asciuga;
  • Passo 2: riempire la bacinella di acqua calda, non è che devi lessarti i piedi ma non dev’esser nemmeno tiepida/quasi fredda. L’acqua deve sommergere anche le caviglie;
  • Passo 3: versa nell’acqua i sali e ciò che ti occorre a seconda del pediluvio che scegli (vedi ricette sotto);
  • Passo 4: immergi i piedi per almeno un quarto d’ora;
  • Passo 5: asciuga bene i piedi (è importante lasciargli bagnati aiuta la proliferazione di funghi e batteri) e procedi con la pedicure, o i massaggi e la crema idratante.

Facile vero?

Pediluvio fai da te: le ricette

Passiamo alle ricette per i pediluvi fatti in casa, partiamo dalle più basilari fino alle detox.

Pediluvio base:

  • sale grosso;
  • acqua calda.

Ideale per piedi gonfi e stanchi e per migliorare la circolazione, ottimo anche per combattere le infiammazioni da unghia incarnita. Per migliorare la circolazione mettere i piedi, al termine del pediluvio, sotto un delicato getto prima di acqua fredda e poi di acqua calda. Asciugare con cura.

Per rilassare i piedi affaticati:

  • acqua calda;
  • tre cucchiai di bicarbonato;
  • qualche goccia di olio essenziale di lavanda;

Se si è stanchi questo è un pediluvio efficace per rilassarsi.

Per piedi gonfi:

  • sale grosso;
  • decotto di aghi di pino;
  • acqua calda.

Versare il decotto con gli aghi nell’acqua (in parti uguali) insieme al sale. Si tratta di un buon pediluvio se si è passato molto tempo in piedi, con scarpe magari scomode.

Pediluvio fai da te lenitivo:

  • acqua calda;
  • bicarbonato di sodio;
  • olio essenziale di camomilla o calendula.

Ottimo pediluvio per piedi arrossati dal freddo, dal caldo, dalle screpolature o che presentano ragadi (solo pelle screpolata non ferite, in caso di ragadi sanguinanti rivolgersi al medico).

Contro i geloni:

  • acqua calda;
  • bicarbonato di sodio;
  • decotto di foglie di sedano o di bucce di patata.

Versare il decotto dentro l’acqua calda (in parti uguali), quindi il bicarbonato ed immergere i piedi, sempre per 15 minuti. Decisamente questo è un pediluvio invernale, un vero toccasana contro il freddo.

Pediluvio detox 1:

Ecco un buon trattamento per aiutare ad eliminare le tossine partendo dalla radice, ovvero la pianta del piede.

Pediluvio detox 2:

  • sale grosso;
  • acqua calda;
  • 2 bustine di tè verde;
  • 2 cucchiai di magnesio solubile.

Anche in questo caso si aiuta il corpo ad assorbire i benefici del tè verde e del magnesio aiutando il corpo a depurarsi.

Pediluvio fai da te emolliente:

Questo è un pediluvio molto ricco per coccolare i piedi stanchi e secchi.

Pediluvio per iperidrosi:

  • acqua calda;
  • bicarbonato di sodio;
  • infuso di foglie di noce;
  • olio essenziale di limone.

Si tratta di un pediluvio ideale per chi soffre di una sudorazione eccessiva.

Pediluvio distensivo:

  • bicarbonato di sodio;
  • acqua calda;
  • infuso di buccia di cetriolo e lattuga.

Ecco un pediluvio fatto con i resti della cucina, vecchie foglie di lattuga e buccia di cetriolo. E’ un bel pediluvio rilassante, che aiuta a distendere ma anche ad ammorbidire i piedi.

Pediluvio tonificante:

  • sale grosso;
  • acqua calda;
  • olio essenziale di rosmarino.

Questo trattamento è tonificante ed energizzante per ridare sprint ai piedi affaticati.

Pediluvio fai da te: i consigli finali

  1. L’acqua dev’esser calda, non bollente;
  2. Non tenere a mollo i piedi più di 25 minuti;
  3. Approfittare del dopo per fare la pedicure fai da te, impacchi e massaggi;
  4. Dopo il pediluvio per sgonfiare ancora di più i piedi cercare di tenersi in alto (più in alto del cuore, questo favorisce il ritorno venoso);
  5. Usare la tecnica dell’acqua calda e fredda se si ha un ristagno di circolazione che però non sia patologico, quindi evitare su vene varicose o in caso di pelle, capillari e vene fragili;
  6. Prima di mettere la crema, dopo il pediluvio, massaggiare i piedi con un olio vegetale e due gocce di un olio essenziale (bergamotto e lavanda per il riposo, camomilla e calendula per le infiammazioni, timo e limone per piedi che sudano, tea tre oil contro ile micosi e menta piperita contro il gonfiore).

Fateci sapere se anche voi proverete a fare a casa questa cura per i piedi e se troverete dei benefici! Aspettiamo anche consigli e suggerimenti!

Autore Redazione Portale Benessere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close