Home » Salute » Lo spazzolino elettrico: vantaggi rispetto allo spazzolino manuale, tipologie, come funziona e come sceglierlo
Lo spazzolino elettrico: vantaggi rispetto allo spazzolino manuale, tipologie, come funziona e come sceglierlo
Lo spazzolino elettrico: vantaggi rispetto allo spazzolino manuale, tipologie, come funziona e come sceglierlo

Lo spazzolino elettrico: vantaggi rispetto allo spazzolino manuale, tipologie, come funziona e come sceglierlo

Lo spazzolino elettrico: vantaggi rispetto allo spazzolino manuale, tipologie, come funziona e come sceglierlo

I vantaggi di usare abitualmente uno spazzolino elettrico

Sono molti coloro che sottovalutano l’importanza di una corretta igiene orale. L’utilizzo sporadico di uno spazzolino, spesso manuale, è ciò che buona parte delle persone considera più che sufficiente per mantenere i denti sani. In realtà invece è fondamentale mantenere costantemente i denti puliti, lavandoli almeno 2 volte al giorno, al mattino e prima di andare a letto la sera. Il metodo migliore consiste nell’utilizzare lo spazzolino elettrico, un dispositivo facile da trovare nei negozi che garantisce un’igiene orale impeccabile.

Perché si lavano i denti

C’è chi lava i denti per avere un alito piacevole, con il classico aroma di menta che hanno molti dentifrici e collutori. Questi soggetti forse non sanno che l’alito fresco è solo uno dei risultati che si ottengono con il dentifricio, usato invece per pulire i denti, soprattutto negli interstizi alla base delle gengive. L’accumulo di detriti correlati al consumo di cibo e bevande e la proliferazione di batteri in queste aree sono infatti tra le principali cause di carie, gengiviti e problemi dentali di vario genere. La motivazione per cui si lavano i denti è quindi quella di migliorarne la salute e di scongiurare il manifestarsi di alcune patologie, in alcuni casi anche gravi.

Perché usare lo spazzolino elettrico

La motivazione è semplice: solo lo spazzolino elettrico garantisce una corretta igiene orale. La testina rotante infatti permette di pulire al meglio i denti, in ogni loro parte. Con uno spazzolino manuale si esegue una pulizia poco approfondita e spesso insufficiente. In commercio si trovano poi spazzolini elettrici muniti anche di funzionalità aggiuntive, come ad esempio la produzione di onde soniche durante l’uso del dispositivo. Queste onde creano moltissime micro bolle, che disgregano la placca e ne permettono una rimozione più efficace. Inoltre le bolle piccolissime si insinuano anche dove le setole dello spazzolino non arrivano, ad esempio negli spazi interdentali.

L’efficacia di uno spazzolino elettrico

Un dispositivo di questo genere è in grado di rimuovere fino a 10 volte più placca rispetto a uno spazzolino manuale. Questo permette di mantenere sane le gengive e di scongiurare gli attacchi da parte della carie. La presenza di placca batterica infatti indebolisce lo smalto, permettendo al tartaro di depositarsi e alla carie di intaccare lo strato sottostante dei denti, causando i danni ben noti a tutti. La pulizia intensa ma delicata degli spazzolini elettrici di nuova generazione va a colpire dove necessario; quindi rimuove la placca senza agire in modo aggressivo sulle gengive. A tale scopo i migliori spazzolini elettrici permettono di utilizzare diversi programmi di pulizia dentale, oltre ad essere muniti di sensori di pressione, per evitare di agire eccessivamente sulle gengive.

Lo spazzolino elettrico e le macchie

Grazie ad una pulizia più efficace e corretta, lo spazzolino elettrico, se utilizzato con regolarità ogni giorno, permette di rimuovere anche buona parte delle macchie dentali e quindi rendere i denti più bianchi. Sono infatti causate da depositi colorati, prodotti da alimenti e bevande fortemente colorati. Le setole dello spazzolino elettrico, già dopo solo 7 giorni, permettono di ridurre visibilmente la presenza di macchie sui denti.

Tipologia di spazzolini elettrici

Gli spazzolini elettrici si suddividono in base al tipo di movimento della testina, che può essere:

  • Roto-oscillante: testina che combina un movimento oscillante a quello classico rotante;
  • Pulsante: movimento roto-oscillante più leggere pulsazioni, aumentando così la forza di rimozione della placca;
  • Sonico: dove è l’azione fluido dinamica ad eliminare la placca. Infatti la testina non rotea, bensì vibra molto velocemente (dalle 12.000 alle 24.000 micro vibrazioni al minuto);

Quest’ultima tipologia è molto più delicata rispetto alle altre due ma, allo stesso tempo,  anche un po’ più invadente per le eccessive vibrazioni e il rumore leggermente più forte.

Come funziona lo spazzolino elettrico

Come già detto in precedenza, la pulizia dei denti risulta essere molto più efficace con un spazzolino elettrico rispetto ad uno classico, proprio grazie alle sue oscillazioni, che vanno dalle 5.000 alle 30.000.

Semplice: basta posizionare il dentifricio sulla testina  e appoggiarla sulla superficie dei denti. Ci si sofferma su un dente alla volta, muovendosi, con piccoli movimenti, in senso verticale per poi passare al dente successivo.

Alcuni tra i più moderni dispositivi sono anche forniti di timer interno che ci segnala il tempo più adeguato da dedicare alle singole arcate. Alcuni rilasciano una doppia vibrazione, altri un breve suono, questo per segnalarci di passare all’arcata dentale successiva.

Come scegliere lo spazzolino elettrico più adatto a noi

Queste riportate qui sotto sono tra le più importanti caratteristiche da non dimenticare per valutare la scelta del nostro spazzolino elettrico:

  1. Timer: come detto in precedenza, alcuni dispositivi presentano un timer che ci permette di capire il tempo minimo raccomandato dai dentisti per una completa e quanto più corretta igiene orale (suono o breve vibrazione che sia);
  2. Blocco: il dispositivo si blocca in automatico se esercitiamo troppa pressione, così da evitare di danneggiare denti e/o gengive;
  3. Testina tonda: pulizia più profonda di ogni singolo dente;
  4. Manico antiscivolo: presa migliore del dispositivo;

L’alimentazione dello spazzolino elettrico: batteria usa e getta o ricarica?

L’alimentazione degli spazzolini elettrici può essere di due tipi: a pila o a batteria ricaricabile.

  • Gli spazzolini a batteria hanno una base di ricarica collegata ad un cavo di alimentazione che, ovviamente, deve essere collegato alla corrente elettrica. Ovviamente risultano aver bisogno di più spazio ma, allo stesso tempo, hanno anche funzionalità aggiuntive e maggiori accessori rispetto a quelli a pila; mentre il costo delle testine è maggiore rispetto a questi ultimi;
  • Gli spazzolini a pila sono sicuramente meno ingombranti, perché non hanno una basetta da dover tenere poggiata su un mobile del bagno o un lavandino ma, allo stesso tempo, l’impugnatura sarà notevolmente più grande e meno pratica da maneggiare, questo perché deve contenere le batterie al proprio interno.

Post in collaborazione con Philips

Autore Redazione Portalebenessere.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *