Home » Consigli per la casa » Montascale e altri rimedi: come prevenire gli incidenti domestici
Montascale
Montascale

Montascale e altri rimedi: come prevenire gli incidenti domestici

Montascale e altri rimedi: come prevenire gli incidenti domestici

Quando si convive con impedimenti motori di varia natura, disabilità e/o problemi dovuti all’età, bisogna ricorrere a soluzioni che possano farci stare bene e vivere anche dentro casa in maniera quanto più comoda possibile.

Grazie ai prezzi dei montascale per disabili, oggi molto favorevoli, è possibile acquistare soluzioni di svariato genere e tipologia, in grado di adattarsi a qualsiasi scala o salva spazio e d’istallazione in sole 24h, potrebbero essere la sola e unica soluzione per vivere serenamente gli spazi di vita quotidiana ed evitare eventuali incidenti domestici.

E non si tratta solamente di un bisogno fisico, perché anche sapere che, all’interno della propria abitazione, è possibile godere di un certo tipo di indipendenza nel movimento, genera comunque un senso di sicurezza maggiore, oltre che di benessere psicologico e di conseguenza fisico.

Questo perché, quantomeno, si può essere comunque indipendenti, senza per forza l’ausilio di un familiare o persona esterna.

Vediamo allora cosa sono i montascale e come funzionano, quante tipologie ne esistono, la manutenzione, i prezzi e le agevolazioni fiscali per acquistarli.

 

Montascale: cosa sono e come funzionano

Anziani e disabili, soprattutto lì dove presenti ostacoli quotidiani, come le scale, hanno bisogno di strumenti che possano aiutarli in tutte le loro esigenze.

I montascale soprattutto sono fondamentali a questo fine: per consentire loro la libertà necessaria di muoversi ovunque, su più piani, dentro e fuori casa, con strutture facilmente gestibili tutti i giorni, senza bisogno di aiuto esterno, nemmeno per l’accensione.

E mentre prima la possibilità di vederli era maggiore negli spazi pubblici, oggi ci sono impianti molto semplici da installare, piccoli e poco ingombranti, che permettono di farlo anche dentro la propria abitazione.

Si tratta di strutture motorizzate che vengono appositamente montate appena sopra le scale, e con un sistema di accensione, una poltroncina, o una piattaforma, vengono guidati sino in cima.

Ovviamente il tutto deve essere appositamente certificato secondo le norme internazionali ISO 9001 ed europee EN 29001.

Generalmente, i montascale sono sistemi dotati anche di dispositivi di sicurezza, come ad esempio la presenza del sensore che, in caso di ostacoli nel movimenti, blocca l’intero ingranaggio.

 

Montascale: tipologie

I montascale possono essere di diverse tipologie, in base a 2 fattori predominanti:

  • La struttura;
  • La funzione;

Quando si parla di struttura, allora dipende dalla scala a cui il montascale deve essere associato:

rettilinei: scale perfettamente dritte, senza curve;

con curve: scale con una o più curve;

monorotaia (nel lato interno della scala);

a doppia rotaia (nel lato esterno della scala);

 

Per quanto riguarda, invece, la funzione, ne abbiamo diversi:

-pignone e cremagliera: quando la parte mobile della struttura ha il motore di movimento su di una ruota dentata lungo la guida;

-aderenza: sistema di rulli che aderiscono alla ruota del motore di movimento;

fune: soluzione che occupa meno spazio ed evita vibrazioni eccessive, si tratta di una fune che traina verso l’alto la poltroncina o la piattaforma, e, viceversa, verso il basso;

Ma non solo, in realtà il montascale può essere munito di poltroncina, più comune per anziani o disabilità minori, oppure di piattaforma, molto più comoda per persone con disabilità maggiori agli arti inferiori, e quindi per sedie a rotelle.

 

Montascale: manutenzione

In base al Decreto DM 236/89, la manutenzione va eseguita ogni 6 mesi al massimo, al fine di garantire l’efficienza completa dell’impianto.

L’esperto, generalmente, si occuperà di diverse mansioni, tra cui:

  • Verificare i meccanismi elettrici e meccanici;
  • Controllare lo stato di usura del montascale;
  • Pulire tutti i meccanismi interni (questo almeno 1 volta l’anno);
  • Controllare l’esatta posizione della poltroncina o della piattaforma montata sul montascale;
  • Provare sempre il funzionamento corretto del montascale;

 

Montascale: prezzi

Ovviamente, essendo di diversa tipologia, i montascale possono avere costi differenti, in quanto appunto possono anche essere personalizzati, in base alla struttura della propria scala, e quindi avere più costi di materiale e/o montaggio.

I principali punti che ne determinano costi e spese sono:

  • Lunghezza e dimensione delle scale;
  • Caratteristiche delle scale (rettilinee, curve, con pianerottoli o altre particolarità);
  • necessità fisiche;
  • design della casa stessa e gusti personali;
  • Uso interno o esterno;
  • Portata (Peso – Kg);
  • Dimensione della piattaforma utilizzata (poltroncina, etc…);
  • Metri di percorso, con numero di rampe e fermate possibili;
  • Numero e gradi delle curve, in caso di scala a chiocciola (90°, 180°, a Pedoca, a raggio variabile, etc…);
  • Tempo e tipologia di Garanzia;

 

Montascale: agevolazioni fiscali

Per chi desidera acquistare un montascale, vi sono delle adeguate agevolazioni fiscali, al fine di supportare chi ha davvero bisogno di ausili di movimento dentro la propria abitazione.

Le agevolazioni fiscali, non cumulabili, sono:

  • Detrazioni Irpef del 50% per tutto ciò che riguarda le ristrutturazioni, come quindi interventi atti a prevedere il superamento umano delle barriere architettoniche;
  • Detrazioni Irpef del 19% per tutto ciò che concerne acquisti di dispositivi medici;

Poi, in aggiunta, bisogna sempre ricordare l’agevolazione dell’IVA al 4%.

 

 

 

 

Autore Redazione Bellezza e Make Up

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *