Home » Alimentazione » Cos’è il tè bianco : proprietà , valori nutrizionali e controindicazioni

Cos’è il tè bianco : proprietà , valori nutrizionali e controindicazioni

Il Tè Bianco

Dopo aver parlato di tè nero e tè verde, dobbiamo assolutamente approfondire un altro tipo di tè, quello che risulta avere la maggior concentrazione di polifenoli e che è riconosciuta come la varietà più pregiata di tè :  quello bianco.

Il tè bianco è una varietà di tè parzialmente ossidato, coltivato principalmente in Cina (nella provincia del Fujian). Il suo nome deriva dalla sottile peluria bianca che ricopre le gemme ancora chiuse, gemme della pianta del Tè appunto ( Camellia sinensis o Thea sinensis ), dando alla pianta un aspetto biancastro.

Queste prime gemme, insieme alle foglie, vengono raccolte a mano e fatte essiccare al sole o, nel caso dei tè bianchi  all’inizio di aprile e all’inizio di settembre), nell’arco di due soli giorni. Questa lavorazione manuale e il fatto che della pianta si raccolgano solo i primi germogli, fanno del tè bianco la varietà più pregiata e costosa tra i tè.

Proprietà e benefici del té bianco

Il tè è stato usato come medicina per anni ed anni ed è stato scoperto che in alcuni casi quello bianco agisce come alcuni farmaci da prescrizione, ma senza gli effetti collaterali. A differenza di quello nero e di quello verde, il bianco contiene meno caffeina ed una maggiore percentuale di polifenoli e fitonutrienti che apportano numerosi benefici per la salute.

Vediamo quali sono:

  • ha proprietà antiossidanti che derivano dalla massiccia presenza dei polifenoli. Quindi si può dire che il tè bianco possa avere un effetto antiaging , tardando l’invecchiamento della pelle e andando ad influire positivamente nel trattamento di inestetismi e rughe ;
  • abbassa la pressione sanguigna e riduce il colesterolo cattivo (LDL) grazie al fatto di essere ricco di vitamina C, vitamina E e flavonoidi ;
  • abbassa i livelli di glicemia nel sangue;
  • rinforza le difese immunitarie grazie alla presenza di vitamina C;
  • è un energizzante naturale;
  • favorisce la digestione riducendo l’acidità gastrica;
  • favorisce la perdita di peso grazie alla sua azione di accelerazione del metabolismo. Il tè bianco quindi funziona come rimedio naturale per ridurre il grasso corporeo in eccesso;
  • aiuta nella prevenzione di patologie tumorali legate al colon, alla prostata e allo stomaco (secondo uno studio pubblicato sulla rivista Cancer Prevention Research).

A differenza del tè verde, altrettanto conosciuto per le sue proprietà antitumorali, quello bianco riuscirebbe proprio a distruggere le cellule cancerose preservando quelle sane, agendo direttamente sul DNA.

La bevanda

La bevanda del tè, a discapito del suo nome, non è bianca o incolore, ma è assume un color giallo chiaro o leggermente più scuro a seconda della varietà ed ha un profumo ed un sapore molto delicati. Può essere bevuto in qualsiasi momento dell’anno, ma l’effetto di raffreddamento sul corpo lo rende perfetto per le stagioni più calde. Altra accortezza, avendo una certa quantità di caffeina, è consigliabile berlo di giorno, per evitare che possa influire sul sonno.

Come si prepara il tè bianco ?

Portate l’acqua a bollore e poi aspettate che si raffreddi per almeno 5/6 minuti oppure scaldatela fino al “primo bollore”. La temperatura si aggirerà quindi intorno ai 70°C, che è la temperatura ideale per questo tè. Lasciate in infusione per 7/10 minuti (le foglie di tè bianco hanno bisogno di un tempo maggiore rispetto alle altre varietà per rilasciare il loro aroma) dopo di che è arrivato il momento di gustatevi questa pregiata bevanda.

Ricordate che…

  • se l’acqua è troppo calda si otterrà un infuso amaro, meglio optare quindi per dei tempi di infusione più lunghi e a bassa temperatura;
  • è consigliabile berlo in una tazza di vetro e senza alcuna correzione di latte, limone o zucchero per gustare a pieno il sapore di questo delicatissimo tè;
  • la dose ottimale di tè bianco va da 2 a 4 tazze al giorno: in questo modo, secondo gli esperti, è possibile sfruttare al meglio tutte le benefiche proprietà della bevanda.

Controindicazioni del tè bianco

Anche se non si direbbe, viste le numerosissime proprietà benefiche che abbiamo enunciato, esistono alcune controindicazioni del tè verde:

  • le foglie di tè contengono fluoro che, se assunto in quantità eccessiva, può avere effetti indesiderati sullo smalto dentale. E’ comunque provato che il tè bianco contiene meno fluoruro rispetto al tè verde e al tè nero;
  • contiene caffeina (anche se in dosi minori rispetto agli altri tipi di tè), che può provocare effetti indesiderati come: disturbi del sonno, agitazione, ansia, nervosismo e vertigini. Per questo va consumato con attenzione e non è adatto ai bambini;
  • la presenza di flavonoidi potrebbe ridurre l’assorbimento di ferro nell’organismo, quindi meglio assumerlo lontano dai pasti;
  • il tè contiene ossalato, e un consumo eccessivo può causare calcoli renali. Quindi, anche se il tè in generale ha un contenuto di ossalato basso, se ne consiglia un consumo responsabile.

Valori nutrizionali del tè bianco

Come abbiamo detto, il tè bianco è adatto nelle diete ipocaloriche poiché è in grado di accelerare il metabolismo ma vediamone nello specifico i valori nutrizionali.

Valori nutrizionali per 100 ml circa di tè bianco

Calorie 0,5 Kcal /2 Kjoule;
Grassi 0 g;
Sale 0,03 mg;
Proteine 0,22 g;
Ferro 0,02 mg;
Magnesio 1 mg;
Potassio 8 mg;
Sodio 1 mg;
Zinco 0,01 mg;
Vitamina C 0,3 mg;
Vitamina B1 o Tiamina 0,007 mg;
Vitamina B2 o Riboflavina 0,06 mg;
Vitamina B3 o Niacina 0,03 mg;
Vitamina B6 0,005 mg;
Caffeina 15 mg.

Autore Redazione Portalebenessere.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *