domenica, Marzo 3 2024

Coprire le cicatrici, è spesso necessario, seppur questo piccolo inestetismo cutaneo possa essere trascurato, capita che si presenti in parti del corpo molto visibili, come ad esempio le labbra o il viso, provocando un forte disagio.

La loro presenza può avere varie origini, in alcuni casi essere la conseguenza di eventi traumatici, tagli o infortuni, ma anche interventi chirurgici e patologie della pelle.

Possono presentare caratteristiche diverse, in base alla tipologia: quelle che vengono chiamate “cicatrici bianche” sono le meno preoccupanti perché sono secche e prive di irritazioni; le “cicatrice rosse” invece, difficilmente regrediscono, sono molto evidenti sulla pelle e spesso causano irritazione e prurito.

Per comprendere meglio, vediamo quali sono le fasi di una cicatrice e poi scopriamo come fare per nasconderle o eleminarle.

Le fasi della cicatrizzazione

Una ferita del derma provocata da un trauma passa per il processo di cicatrizzazione che comprende diverse fasi:

  • Fase infiammatoria: il coagulo di sangue blocca l’emorragia, il tessuto danneggiato è assorbito dalle cellule e il corpo dà il via ai meccanismi di protezione contro le infezioni.
  • Fase riparatoria: si forma un nuovo epitelio sulla parte di tessuto persa. La ferita si contrae e i bordi si avvicinano. Questa fase è importante per evitare deturpazioni. Tuttavia, le zone del corpo non cicatrizzano tutte allo stesso modo, ci sono punti meno efficienti tra cui torace, schiena e articolazioni.
  • Fase di maturazione: la vascolarizzazione torna normale, la pelle torna ad acquistare elasticità grazie al collagene e alle fibre di elastina. Ci vorranno poi un paio di anni per recuperare l’equilibrio.

Prima di eliminare una cicatrice è importante sottoporsi a una visita medica per verificare che il tessuto cicatriziale sia stabile e non ancora in fase transitoria.

Come nascondere le cicatrici

Nascondere le cicatrici è diverso dall’eliminarle, parliamo, infatti, di soluzioni temporanee che non sono una soluzione concreta, ma che permettono di limitare l’esposizione.

Ad esempio, si possono nascondere utilizzando del make-up, come il fondotinta per cicatrici, o semplicemente indossando dei vestiti. C’è anche chi le copre facendosi fare un tatuaggio sulla zona.

Possono davvero essere coperte in molteplici modi, ma chi cerca una soluzione definitiva deve pensare alla rimozione.

Come eliminare le cicatrici

Oggi, esistono diversi modi per cancellare le cicatrici definitivamente, tutti molto efficaci, quindi prima di pensare di nasconderle, potrebbe essere un’idea valutare le opportunità disponibili per eliminare del tutto questi inestetismi. È possibile scegliere tra trattamenti medici e chirurgici.

Trattamenti medici

I trattamenti medici più utilizzati sono:

  • Massaggio sulla cicatrice fino a farla rimarginare;
  • Applicazione di creme e cerotti a base di quercetina e vitamina E o gel al silicone, che favoriscono il processo di riparazione e guarigione della cicatrice;
  • Compressione costante sulla lesione (cicatrici ipertrofiche e cheloidi);
  • Iniezioni con il cortisone (cicatrici ipertrofiche e cheloidi);
  • Trattamenti laser ablativi e non ablativi.
  • Dermoabrasione: agisce levigando lo strato più superficiale della pelle per uniformarla.

Inoltre, molto efficaci sono i peelings chimici che prevedono l’uso di sostanze acide capaci di ridurre la rilevatezza delle cicatrici, e l’infiltrazione di fillers, che migliorano l’aspetto dell’inestetismo riducendone la profondità. Solitamente sono a base di acido ialuronico e vengono usate soprattutto per le cicatrici sclero-atrofiche e retraenti.

Trattamenti chirurgici

I trattamenti chirurgici più utilizzati per eliminare le cicatrici sono:

  • Escissione intralesionale;
  • Escissione completa (esportazione totale del tessuto cicatriziale);
  • Dermopigmentazione paramedicale.

La decisione per la scelta del trattamento dipende dalla tipologia delle cicatrici e dal tipo di risultato che si vuole ottenere, e in quanto tempo. In ogni caso, a decidere quello più adatto sarà lo specialista, dopo una visita accurata e approfondita.

Previous

Cisti sebacea: come farla assorbire

Next

Come eliminare i peli sulle dita dei piedi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe Interessarti Anche