martedì, Aprile 16 2024

Le lenti a contatto su una vera e propria comodità per chi non ama indossare gli occhiali durante l’intera giornata. Si tratta di dispositivi medici che vengono applicati sulla pellicola lacrimale, una parte molto delicata dell’occhio.

Esistono diverse tipologie, alcuni lenti sono morbide e altre rigide, la scelta deve essere fatta tenendo conto delle condizioni di salute del bulbo oculare.

Mettere e togliere le lenti a contatto può essere difficile per chi non le ha mai utilizzate, ma con un po’ di pratica, diventa un gesto semplice e automatico.

Tutti possono indossare le lenti a contatto?

Prima di acquistare le lenti a contatto, bisogna sottoporsi a una visita oculistica, sarà il medico a decidere se è possibile utilizzarle e quale tipologia di lente applicare.

Non tutte le persone sono predisposte all’uso delle lenti a contatto, ad esempio, chi soffre di infezioni oculari, allergie, secchezza oculare o lavora in ambienti molto polverosi, dovrebbe evitarle.

Inoltre, bisogna sapere come prendersene cura e come applicarle correttamente. Un’errata conservazione e applicazione può provocare fastidi e arrossamento agli occhi.

Come mettere le lenti a contatto

Che si tratti di lenti a contatto morbide o rigide, la prima cosa da fare è lavare bene le mani utilizzando un sapone neutro. Asciugale e controlla che non ci siano residui. Poi procedi in questo modo:

  • Posiziona una lente sul polpastrello. Controlla che si curvata verso l’alto.
  • Con l’altro mano tieni aperto l’occhio e guarda in alto. Posiziona la lente sull’occhio fino a completa aderenza alla cornea.
  • Fai scorrere la lente al centro e muovi l’occhio in modo che si posizioni.

Le prime volte può essere qualche difficoltà, ma ripetendo il gesto ogni giorno, verrà spontaneo e basteranno pochi secondi per l’applicazione.

Quante ore si possono portare le lenti a contatto?

Le lenti a contatto morbide possono essere indossate per non oltre 8 ore al giorno, perché ingombrano di più e stressano l’occhio.

Le rigide, invece, garantiscono un ricambio di ossigeno migliore, grazie al minore diametro. In ogni caso, è meglio non indossarle per più di 12 ore al giorno. Inoltre, non è consigliato dormire indossandole.

Consigliamo di rispettare le indicazioni sulle tempistiche, perché un uso troppo prolungato può causare sofferenza corneale e problemi agli occhi come secchezza, irritazioni, congiuntivi, risolvibili con dei colliri.

Come rimuovere le lenti a contatto

Anche in fase di rimozione, l’igiene è fondamentale, bisogna lavare accuratamente le mani e poi procedere.

Per togliere le lenti a contatto morbide:

  • Abbassa la palpebra inferiore col dito lascia che la lente scivoli verso il basso;
  • Pizzica leggermente la lente usando pollice e indice e rimuovila.

Nel caso le lenti siano riutilizzabili, abbi cura di pulirle e disinfettarle e poi riporle nell’apposita custodia.

Per rimuovere le lenti rigide, tira l’angolo esterno della palpebra col dito e poi muovi la palpebra per fare in modo che la lente si stacchi. Tieni un dito pronto per prenderla e non farla cadere.

Come conservare correttamente le lenti a contatto riutilizzabili

Mentre le lenti a contatto usa e getta possono essere rimosse e smaltite, quelle riutilizzabili vanno conservate con cura. Devi disinfettarle usando una soluzione apposita, ma prima lava e asciuga bene le mani.

Poi versane un po’ sul palmo della mano e strofina le lenti con delicatezza. Ripeti l’operazione un’altra volta e poi riponile nel rispettivo porta-lenti.

Previous

Muco nelle urine: le cause e quando preoccuparsi

Next

Sushi in gravidanza: fa sempre male?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe Interessarti Anche