Home » Ricette » Ricette Fit » Creme spalmabili proteiche fatte in casa: ingredienti e ricette
Creme spalmabili home-made: come restare in forma con gusto
Creme spalmabili home-made: come restare in forma con gusto

Creme spalmabili proteiche fatte in casa: ingredienti e ricette

Creme spalmabili proteiche fatte in casa: ingredienti e ricette

Quante volte, al supermercato, abbiamo ceduto alla tentazione di creme spalmabili di tutti i tipi: cioccolato al latte, bianco, gianduia, e la più amata di tutti, la Nutella, che la maggior parte di noi ha quasi sempre in casa.

Purtroppo però, questo come altri alimenti di cui ci rimpinziamo ogni giorno, non sono salutari per il nostro organismo e tendono a farci ingrassare, oltre che a portare diverse problematiche nel corso del tempo.

C’è una soluzione, però: possiamo godere comunque di queste favolose creme, facendole in casa con materie prime di qualità, che non solo non fanno male ma addirittura diventano necessarie per preservare la nostra salute.

Perciò, in questo articolo vedremo: i super-food da utilizzare per preparare le creme spalmabili e la loro importanza per il nostro organismo, perché è meglio realizzarle in casa e qualche ricetta sul come farle al meglio.

Super-food: l’importanza di questo ingrediente

Allora, andiamo prima di tutto a svelare qual è l’ingrediente principale per realizzare le nostre creme spalmabili home-made: si tratta della frutta secca.

Mandorle, nocciole, noci, etc… sono tutti alimenti importantissimi per il nostro regime alimentare. Per questo si parla di Super-food o super-alimento, perché contengono una grande quantità di nutrienti utilissimi per la salute e l’energia quotidiana.

Ovviamente dobbiamo sempre ricordarci di consumarne entro un certo limite di quantità, almeno giornalmente.

Ad esempio, per quanto riguarda le mandorle, ne va consumata al massimo una quantità di 30 grammi al giorno. Queste sono considerate uno tra gli alimenti più completi, in quando contengono: vitamine del gruppo B, vitamina E, grandi quantità di proteine vegetali, calcio, ferro, magnesio, potassio, rame, fibre, fosforo e Omega-3.

Le proprietà delle mandorle sono diverse:

Anche le nocciole sono tra i super-food più conosciuti per la loro importanza. In quanto ricche di Vitamina E e B, magnesio, grassi buoni, riuscendo a favorire ed attivare gli enzimi digestivi, il metabolismo di carboidrati e proteine, rinforzare muscoli e ossa e prevenire malattie cardiovascolari.

La noce, invece, resta più grassa ma migliora il nostro umore, combatte il nervosismo, lo stress e la depressione, oltre ad avere proprietà antinfiammatorie e ridurre di gran lunga il dolore articolare.

Perché fare le creme spalmabili proteiche in casa?

Gli aspetti sopra enunciati non sono gli unici che ci devono spingere a realizzare queste creme in casa, infatti dobbiamo anche ricordarci che la maggior parte dei marchi industriali, aggiungono alle classiche creme, una serie di grassi idrogenati e zuccheri non necessari, anzi deleteri, al nostro organismo.

Perciò non è solo importante che una crema sia a base di frutta secca, molto nutriente, ma che non abbia al proprio interno ingredienti secondari superflui e del tutto nocivi per il nostro organismo e la nostra salute (zuccheri industriali, etc…)

Ricette

Ciò che ci occorre è ben poco:

  • Frutta secca a scelta
  • Robot da cucina
  • Aromi a piacere

Ma ora vediamo insieme come realizzarne qualcuna:

  1. Ricetta della Crema spalmabile di nocciole

Prima di tutto bisognerà occuparci di tostare l’ingrediente principale: le nocciole. Basteranno pochi minuti al forno oppure in padella. Le bucce si possono lasciare oppure togliere in base al gusto personale. Ricordate però che, sia il grado di tostatura e sia la presenza o meno dell’involucro esterno, influiranno sul sapore finale della crema.

Ora ci servirà solamente un robot da cucina che possa frullare le nocciole. Facciamo tutto ad intervalli per non surriscaldare troppo la macchina, quindi ogni tot di tempo spegniamo, apriamo, diamo una mescolata e ripartiamo. Ci vorrà un po’ ma alla fine vedrete che, con un po’ di pazienza si otterrà una crema liscia, omogenea e gustosa.

Alla fine si potrà aggiungere ciò che si vuole, in base ai propri gusti:

  • lasciarla naturale;
  • cacao amaro o qualche quadratino di cioccolato fondente fuso;
  • qualche goccia di dolcificante naturale o meno;
  • aromi come vaniglia o cannella;
  1. Ricetta della Crema spalmabile alle mandorle

Il procedimento resta lo stesso, con la differenza che per le mandorle si può aggiungere qualche goccia di aroma di mandorla e dolcificante per enfatizzarne il sapore, oppure ancora qualche cucchiaio di cocco rapè per donargli maggior consistenza durante la masticazione e il leggero sentore di cocco che, a mio avviso, con la mandorla sta davvero bene.

L’importanza resta sempre la tostatura, per conferire maggior sapore a tutto, e l’utilizzo paziente del robot da cucina, passando da: scaglie a briciole, da farina a crema. Un processo lento ma che ci darà davvero tante soddisfazioni una volta terminato.

  1. Ricetta della Crema spalmabile alle arachidi

Conosciuto oggi anche come burro di arachidi, ma tendenzialmente sempre venduto con aggiunta di olio e zucchero, ora abbiamo la possibilità di prepararlo in casa, di modo da renderlo salutare ma ugualmente buono.

Come? Il procedimento resta sempre lo stesso ma questa volta consiglio l’aggiunta di un pizzico di sale, oppure dolcificante se lo si preferisce più dolce. Nessuno poi ci vieta di aggiungere qualche arachide sbriciolata per donare la consistenza ‘crunchy’ al tutto.

Sarà buonissimo la mattina per una super colazione, magari assieme ad una banana; oppure per merenda, magari sui pancake proteici.

Ovviamente dobbiamo sempre ricordare l’importanza di gestire le quantità, perché nonostante si tratti di super-food, hanno comunque un certo quantitativo di grasso al proprio interno.

Come conservare le creme proteiche spalmabili in casa

Per quanto riguarda la conservazione: basterà mettere queste creme in barattoli sterili ed ermetici; una volta in frigo si conservano per un massimo di due settimane ma fate sempre attenzione al tipo di aggiunte che inserite all’interno delle creme, perché le potrebbero far rovinare prima del tempo.

Con questo stesso procedimento possiamo creare creme più disparate: di anacardi, noci, etc… aggiungendo altra frutta secca a piacere per ricreare mix in base ai nostri gusti.

Autore Redazione Bellezza e Make Up

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *