mercoledì , 26 aprile 2017
Home » Alimentazione » Mirtillo: proprietà, benefici e controindicazioni
Mirtillo proprietà benefici e controindicazioni

Mirtillo: proprietà, benefici e controindicazioni

Esistono due varietà di mirtilli, quello rosso (Vaccinum vitis idea) e quello nero (Vaccinium myrtillus) ma entrambi appartengono alla famiglia delle Ericacee.

I mirtilli si trovano nel sottobosco e si trovano in agosto e si possono consumare al naturale o nei dolci o in marmellata.

Se ci capita di passeggiare per il bosco dunque, come facciamo a riconoscerli? Il mirtillo cresce su un piccolo arbusto, con foglie ovali dal margine dentellato e dai fiori penduli, non raggruppati, di colore bianco/rosa. Il frutto è il mirtillo sferico e di colore rosso o nero, a seconda della varietà. Il mirtillo trova il suo habitat ideale nelle zone montane, come alpi ed Appennini, ma cresce spontaneamente anche in boschi e brughiere.

Secondo la tradizione popolare, il mirtillo, sarebbe in grado di preservare dalla cattiva sorte, mentre secondo la scienza è ottimo per proteggere occhi, intestino, fegato, cuore, capillari e vie urinarie.

Mirtillo: proprietà e benefici

Il mirtillo nero contiene zuccheri, acido citrico, l’acido ossalico, l’idrocinnamico che protegge dai tumori e il gamma-linolenico che preserva dalla nefropatia diabetica. Contiene una buona dose di acido folico, tannini, vitamina B9 e antocianici che rafforzano l’apparato circolatorio. Fra le proprietà dei mirtilli evidenziamo anche quella di aiutare la funzionalità dell’intestino e la salute del fegato. La principale proprietà è naturalmente quella antiossidante che protegge l’organismo dai radicali liberi. I mirtilli posseggono anche proprietà antinfiammatorie e sono particolarmente indicati nei casi di cistite ed infezioni delle vie urinarie, soprattutto i mirtilli rossi che riducono i livelli di calcio nell’urina.

Del mirtillo rosso, in particolare, specifichiamo che ha proprietà rinfrescanti, astringenti, toniche, e diuretiche. Contiene vitamine A e C, l’acido citrico e quello malico, la mirtillina, fosforo, calcio, manganese, non è ottimo solo per proteggere le vie urinarie ma anche per proteggere i capillari ed è molto consigliato in caso di couperose.

Modalità d’uso del mirtillo

I mirtilli li possono consumare al naturale oppure in succhi ed estratti in capsule. Se ne possono fare dolci e marmellate o purea da utilizzare ad esempio come maschera per il viso.

Gli estratti secchi vanno assunti lontano dai pasti. L’infuso si ottiene facendo bollire le bacche in un litro d’acqua. Esiste anche la tintura madre che si assume in base alla prescrizione medica. Infine il macerato glicerico si assume lontano dai pasti.

Controindicazioni del mirtillo

Il mirtillo è molto indicato per problemi di diuresi o dissenteria ma è bene non esagerare, perchè gli ossalati e fosfati possono dar luogo a calcoli renali. Sono inoltre sconsigliati ai diabetici per via dell’alto contenuto di zuccheri. In soggetti sensibili i mirtilli possono dar luogo a reazioni allergiche quali gonfiore delle labbra, delle palpebre ed orticaria. In questo caso rivolgersi al medico di famiglia.

Suggerimenti

Essendo i mirtilli facilmente deperibili è consigliato di conservarli in frigo e congelarli in caso di grandi quantità oppure trasformarli in marmellata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close