Home » Rimedi Naturali » Acidità di stomaco: cause, sintomi, rimedi naturali, cosa mangiare e cibi da evitare
Acidità di stomaco: cause, sintomi, rimedi naturali, cosa mangiare e cibi da evitare
Acidità di stomaco: cause, sintomi, rimedi naturali, cosa mangiare e cibi da evitare. Scopri cosa fare contro il bruciore di stomaco, cosa si può mangiare, quali alimenti sono da evitare, alcuni consigli utili per alleviare i sintomi e i migliori rimedi naturali e veloci contro l'acidità di stomaco.

Acidità di stomaco: cause, sintomi, rimedi naturali, cosa mangiare e cibi da evitare

L’acidità di stomaco, chiamata anche “bruciore di stomaco” è un problema che colpisce molte persone, purtroppo anche me. Ho imparato a curarla con i rimedi naturali, perché tendenzialmente i medici preferiscono elargire antiacidi e medicinali che a lungo andare più che migliorare la situazione la peggiorano.

Con questo non voglio dire che non dobbiate consultare il medico, assolutamente dovete e dovete fare gli esami che vi prescrive naturalmente, per poter scoprire le cause e poter avere una terapia adeguata. Ciò non toglie comunque che i rimedi naturali allevino il fastidio.

In questi giorni purtroppo, ma per lo più dopo le feste, ho avuto modo di sperimentare per via diretta l’acidità di stomaco e la pesantezza, decisamente troppo cioccolato, troppi fritti e ultimamente ho ripreso a bere del latte caldo che evidentemente il mio stomaco non gradisce molto.

La regola di base contro il bruciore di stomaco: ascoltate voi stessi!

Ci sono dei cibi che irritano il vostro stomaco o che son pesanti o che non son graditi. Mangiateli con la minore frequenza possibile. Lo so che il cioccolato è buono, la pasta col sugo è buona, il caffè anche ma se per caso il vostro stomaco non li tollera cercate delle alternative buone che non lo infastidiscano. Così io alterno periodi di pasta al sugo e periodi di pasta condita diversamente, perché so che il mio stomaco non tollera molto i pomodori, il sugo specialmente, e a lungo andare mi crea acidità.

Detto questo vediamo di esplorare le cause ed i sintomi dell’acidità gastrica.

Acidità di stomaco: cause e sintomi

La pirosi, ovvero il bruciore di stomaco, può essere una conseguenza di alimentazione sbagliata o la spia d’allarme per un problema più serio. Ragion per cui è importante farsi visitare da un medico.

In sostanza l’acidità gastrica è un malfunzionamento dell’apparato gastrointestinale che può, o non, derivare da una patologia: l’ulcera ad esempio, il reflusso gastrico, etc… Oppure può essere di origine nervosa, per cui entra in gioco la psiche e magari lo stato ansioso, il rimuginare sui torti, dei nervi molto sensibili creano disagi che si ripercuotono sul nostro stomaco. Delle volte la gastrite è causata da un eccessivo uso di farmaci, alcoli o anche dal fumo. Ma la causa più imputata è l’alimentazione: tutto ciò che è acido, fritto, molto dolce e molto grasso inevitabilmente attacca lo stomaco.

Ricapitolando le cause dell’acidità di stomaco:

  • farmaci;
  • alcol;
  • fumo;
  • ansia e nervoso;
  • alimentazione;
  • patologie pregresse;
  • cattiva digestione;
  • stress.

L’acidità di stomaco si distingue per la seguente sintomatologia:

  • bruciore;
  • crampi dolorosi;
  • aerofagia;
  • rigurgito e nausea;
  • gorgoglii;
  • difficoltà di digestione;

I sintomi possono essere sporadici, segno che magari la vostra alimentazione è sbagliata o soffrite di disturbi nervosi o di reflusso; oppure possono essere persistenti ed in questo caso è meglio farsi visitare il più presto possibile perché potrebbe degenerare in un’ulcera.

Raccomando la gastroscopia, è un esame noioso e fastidioso, me ne rendo conto, ma necessario.

L’acidità di stomaco non è da sottovalutare può diventare cronica e dunque evolversi in gastrite e può diventare una vera e propria patologia.

Acidità di stomaco: alimentazione (cosa mangiare e cibi da evitare)

Il cibo può essere la causa dell’acidità ma anche la soluzione del problema: ci sono infatti cibi che provocano l’acidità e cibi che la riassorbono, i “cibi tampone”.

Vediamo quali sono i cibi da evitare in caso di bruciore di stomaco:

  • cibi fritti;
  • zuccheri raffinati;
  • spezie piccanti;
  • bevande gassate;
  • alcolici;
  • succhi di frutta;
  • frutta con alta percentuale di acidità, secca o acerba;
  • moderazione con i lieviti;
  • carne rossa (consumare meno frequentemente);
  • sughi pronti;
  • pomodori e salsa di pomodoro;
  • cibi grassi;
  • intingoli elaborati;
  • cioccolato e merendine varie;
  • snack salati;
  • latte e formaggio;
  • insaccati;
  • crostacei;
  • cibo arrosto;
  • glutammato;
  • salse;
  • caffè.

Vediamo invece cosa mangiare in caso di acidità di stomaco:

  • mele, banane e la frutta cotta;
  • verdure lesse quali carote, zucchine e patate;
  • yogurt e ricotta;
  • riso e pasta integrali;
  • fette biscottate;
  • pesce magro e carne magra;
  • uova bollite;
  • tisane rilassanti;
  • liquirizia;
  • finocchi e sedano.

Acidità di stomaco: consigli

Sottolineo che: i rimedi naturali non sostituiscono le terapie farmacologiche, non sono uguali per tutti poiché non a tutti fanno lo stesso effetto e dunque occorre sempre il parere di un medico.

In primis ci tengo a dire che molto spesso l’acidità è dovuta ad ansia/stress/nervoso: rilassatevi! Non importa chi vi ha fatto un torto, se la giornata è andata storta e se la vostra vita non è tutta rose e fiori…il vostro stomaco non c’entra nulla, quindi risparmiatevi l’acidità e la gastrite. Rilassatevi, distendetevi, calmatevi, prendete un rimedio naturale, distraetevi e aspettate che passi.

I dieci comandamenti antistress (ed anticidità):

  1. Tutti commettiamo errori, perdonate voi stessi e gli altri;
  2. Non rimuginate;
  3. Non fatevi venire l’ansia per cose che non sono ancora successe;
  4. Non pensate all’ansia;
  5. Curate e risolvete le vostre paure;
  6. Prendete tutto come viene con calma e serenità;
  7. Un problema per volta, non risolveteli tutti assieme;
  8. Se siete nervosi fatevelo passare, non serve a niente;
  9. Sfogatevi andando a correre o prendendo a pugni un sacco e poi rilassatevi;
  10. Non tenetevi dentro ansie, rancori e paure…parlatene con qualcuno.

Questi sono i più concreti e migliori consigli, efficaci, che potranno mai darvi. La vita non è semplice, il più delle volte lo è e siamo noi a complicarla e poi ci viene l’acidità di stomaco.

Undicesimo comandamento: non complicatevi la vita.

Ok, detto questo passiamo ai rimedi naturali contro il bruciore di stomaco.

Acidità di stomaco: rimedi naturali

Personalmente in caso di acidità di stomaco o gastrite bevo del succo di mela (fatto in casa) tiepido e mi passa tutto velocemente.

Alcuni prediligono la camomilla perché calma i dolori, mentre invece molti scelgono il bicarbonato di sodio. Benne, attenzione però ai farmaci che state prendendo perché il bicarbonato di sodio non va d’accordo con tutti.

Come tisane digestive vi consiglio: liquirizia, finocchio e alloro. Sono ottime per la digestione, contro i dolori e per alleggerire lo stomaco.

Per contrastare l’acidità di stomaco risulta utile anche il latte di mandorla, che al contrario del vaccino non irrita la mucosa gastrica. Lo yogurt non è ben tollerato da tutti ma è un rimedio da provare.

Fra i rimedi naturali contro l’acidità di stomaco, in molti citano l’argilla che personalmente non ho sperimentato e per cui vi consiglierei di parlarne con un medico o con un’erborista.

Lo zenzero, pur avendo un gusto molto piccante, ha il pregio di calmare i bruciori dello stomaco e la nausea. Ne si può masticare una fettina o berne una tisana.

Per prevenire l’acidità di stomaco ci sono degli utili consigli da tener sempre presenti.

  1. Stilare una lista dei cibi che scatenano l’acidità ed evitarli;
  2. Stilare un elenco di situazioni che creano l’acidità e trovare una soluzione;
  3. Stilare un elenco di farmaci e capire quali sono quelli che più danneggiano lo stomaco;
  4. Prendere sempre una protezione per lo stomaco;
  5. Masticare bene e mangiare con calma;
  6. Fare esercizio fisico ma soprattutto praticare meditazione, respiro consapevole e training autogeno;
  7. Smettere di fumare e bere alcol;
  8. Mangiare con moderazione;
  9. Mangiare ad orari fissi;
  10. Non sdraiarsi subito dopo mangiato;
  11. Bere acqua soprattutto lontano dai pasti.

Autore Redazione Portale Benessere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close