sabato, Marzo 2 2024

Cervicale: 5 consigli per prevenirla

La cervicale, termine che indica la condizione di cervicalgia, ossia il dolore a carico delle prime vertebre della colonna, rappresenta una problematica non indifferente. Si tratta di una situazione che coinvolge tantissime persone di tutte le età. Quando la si chiama in causa, è necessario soffermarsi sulle basi, ossia la prevenzione. Quali sono i consigli per ottimizzarla? Nelle prossime righe, ne abbiamo selezionati cinque. Cosa aspetti a scoprirli?

Fai attenzione a quanto usi lo smartphone

Lo smartphone, nostro fedele compagno sia nella vita privata, sia nel corso dei momenti di lavoro, può essere causa di inizio o peggioramento della cervicalgia. Anche se spesso non ci pensiamo con sufficiente attenzione, il fatto di portare il mento vicino allo sterno è un atteggiamento che può essere annoverato tra i principali fattori di rischio. Alla luce di ciò, è il caso di controllare l’utilizzo che facciamo del device (il che non è certo male dato che siamo oggettivamente troppo connessi).

Allenati in maniera mirata

Quando si parla di consigli preventivi per la cervicale, ci si sente spesso ripetere di allenarsi. La domanda sorge spontanea: “Ok, ma come?”. Per ottenere risultati, è fondamentale procedere in maniera mirata, meglio se con l’aiuto di un esperto. Nell’ambito delle dritte più utili al proposito, rientra il focus sui flessori cervicali profondi. Il bello in questo caso riguarda anche la possibilità di gestire l’allenamento anche a casa. Esistono infatti alcuni esercizi molto semplici che non richiedono di frequentare la palestra. Uno di questi prevede il fatto di partire da seduti, mantenendo la schiena appoggiata alla parete. Si prosegue premendo la nuca contro il muro, senza esagerare, e piegando la testa come quando si annuisce.

L’esercizio in questione andrebbe ripetuto per una decina di volte, cercando, se possibile, di non esagerare con l’intensità.

L’importanza della notte

Dimmi come dormi e ti dirò… che risultati stai ottenendo nella prevenzione della cervicale. Tra i consigli più utili per approfittare delle ore notturne come momento per prevenire la cervicalgia, un cenno va dedicato al fatto di utilizzare un cuscino ortopedico. Come dimostrato da diversi studi, anche dormire in posizione supina, ossia a pancia in su, aiuterebbe molto da questo punto di vista.

Cosa fare e cosa no quando si va in palestra

Se si punta a prevenire la cervicale, è il caso di porre molta attenzione anche agli esercizi a cui ci si dedica quando si va in palestra. Gli esperti consigliano di evitare, se possibile, workout come lo squat e il push up. Se si è particolarmente a rischio di avere a che fare con la cervicale, è bene mettere da parte anche specifici approcci all’allenamento con i pesi, in primis il rematore con il bilanciere.

Stile di vita prima di tutto

La qualità dello stile di vita in generale è preziosa quando si parla di prevenzione della cervicale. Forse non tutti sanno che un espediente molto utile al proposito è l’addio alle sigarette. Le bionde, oltre a causare danni spesso irreversibili ai polmoni, possono essere causa dell’insorgenza di discopatie degenerative, condizioni che possono impattare fortemente sul dolore alla colonna e al rachide cervicale.

Come muoversi nei casi in cui la problematica si presenta comunque? In questi frangenti è possibile attenuare il dolore ricorrendo a una crema per cervicale, meglio se caratterizzata da attivi antinfiammatori naturali.

Nodale è anche riflettere sul proprio peso. Una condizione di eccesso ponderale può favorire la cervicale in quanto collegata a situazioni come le discopatie. In alcuni casi può bastare un leggero aggiustamento del proprio piano alimentare per tornare in forma e per dire addio alla cervicalgia.

Anche l’agopuntura può rivelarsi utile. Questa antica disciplina cinese è infatti nota per la sua straordinaria efficacia antidolorifica e miorilassante, oltre che per l’assenza di invasività ed effetti collaterali.

Previous

Stitichezza: cause e rimedi

Next

Acufene: cos'è, sintomi e possibili cure

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe Interessarti Anche