Home » Alimentazione » Piante officinali » Tè verde: proprietà, benefici, usi e controindicazioni. Cosa dice la scienza e dove comprarlo
Tè verde: proprietà, benefici per la salute, preparazione, utilizzi e controindicazioni
Tè verde: proprietà, benefici per la salute, preparazione, utilizzi e controindicazioni. Scopri quali sono le proprietà benefiche e curative del tè verde, i benefici per la salute, come preparare una tazza di tè verde e le controindicazioni.

Tè verde: proprietà, benefici, usi e controindicazioni. Cosa dice la scienza e dove comprarlo

Tè verde: proprietà, benefici per la salute, utilizzi e controindicazioni

Il tè verde è una tra le bevande più sane del pianeta ed il suo consumo è raccomandato a tutti. Il tè verde è ricco di proprietà benefiche, di antiossidanti e nutrienti che hanno potenti effetti sul nostro corpo, quali ad esempio: un miglioramento delle funzioni cerebrali, dimagrire, un minore rischio di cancro e molti altri impressionanti benefici per la salute.

Da tempo noto anche in occidente, viene prevalentemente consumato per le sue proprietà benefiche, tanto da esser considerato un vero e proprio toccasana naturale. Questo ha fatto si che si trovi ormai in ogni supermercato e negozio di nutrizione, sia sotto forma di foglie che di compresse ed estratto in polvere ( qui puoi trovare interessanti offerte di prodotti al tè verde direttamente online ).

La storia del tè verde

La tipica bevanda orientale, affonda le sue radici storiche in una leggenda: un giorno l’imperatore della Cina Shen Nung (2.737 a.C.), sedeva presso un albero bevendo una tazza di acqua calda, quando ne cadde una foglia nella tazza nacque il tè, una bevanda che lui trovò rinfrescante e rinvigorente. Da quel momento si diffuse la coltivazione della pianta, anche se in origine questa bevanda era riservata ad alti ceti sociali, i poveri dovevano continuare a consumare “tè bianco” ovvero semplice acqua calda.

A seguito della diffusione del tè verde, questi passa dall’esser una semplice bevanda ad un momento di convivialità e ristoro fino a sostituire dei pasti o a coadiuvarne la preparazione di un pasto (uno tipico dei ceti più poveri era l’ochazuke, ovvero riso avanzato immerso in tè bollente con l’aggiunta di ciò che si poteva reperire, verdure, un po’ di pesce o nulla).

Nel tempo sono state create diverse miscele con diverse qualità e pregi, fra queste vi è il tè verde, composta da foglie di Camellia sinesis che durante la lavorazione non subisce processi di ossidazione né fermentativi, le foglie vengono sottoposte a torrefazione, quindi essiccate e rullate. Le qualità più pregiate si fanno risalire alle dinastie Pu-Erh e Tuocha ed alle dinastie Song e Ming.

La pianta del tè verde non è difficile da riconoscere: si tratta di un cespuglio sempreverde, con foglie ovali dal margine dentellato, di un verde lucido, i fiori sono piccoli e bianchi con una sfumatura dorata al centro data dagli stami. Predilige i climi tropicali e subtropicali.

Esistono numerosissime varietà di tè verde, troppo lunghe da elencare, dovute a diverse zone di provenienza, diversi tipi di coltivazione e diversi processi di lavorazione.

Tè verde: le proprietà ed i benefici per la salute

Le scoperte sul tè verde non cessano mai di stupirci. Sono millenari gli studi compiuti sulle proprietà benefiche del tè verde, intraprese dai monaci che hanno scritto su questa bevanda libri e trattati elogiandone i benefici curativi.

Nel corso degli studi si è scoperto che ha più proprietà antiossidanti del tè nero; che contiene meno caffeina; è in grado d’inibire la proliferazione di cellule tumorali; che può esser utile come rimedio naturale per diversi disturbi e che è in grado di preservare la giovinezza e quindi è da sempre considerato un vero e proprio elisir (nel 1211 d.C. lo afferma il monaco giapponese Eisai, nel suo trattato “Mantenere la salute bevendo tè“).

Vediamo la composizione chimica del tè verde:

  • vitamine B, K, E e C;
  • flavonoidi, flavonoli e flavonglicosidi (kempferolo, quercitina, mirecitina, e loro glicosidi);
  • polifenoli (catechine, epigallocatechina, epicatechina e epicatechina gallato);
  • alcaloidi (caffeina, teofillina, teobromina o teina);
  • acidi fendici;
  • tannini idrolizzatali;
  • saponine;
  • minerali ed oligoelementi (zinco, alluminio, manganese);
  • amminoacidi.

Fra le sostanze più importanti contenute nel tè verde troviamo:

  • i tannini, le catechine ma soprattutto l’epigallocatechina sostanze che aiuterebbero a prevenire il cancro e vari tipi di virus;
  • le saponine che aiutano a tenere sotto controllo il livello di colesterolo oltre a proteggere l’apparato gastrointestinale dai tumori e rinforzare il sistema immunitario;
  • le vitamine, specialmente l’elevato contenuto di vitamina C che aiuta l’organismo a difendersi dall’attacco dei virus e delle cellule tumorali, mentre la vitamina B protegge nervi ed encefalo, favorendo relax e concentrazione al tempo stesso, aiuta il buon funzionamento del metabolismo, favorisce il normale sviluppo delle cellule rafforzando pelle e capelli mentre la vitamina E combatte la diffusione dei radicali liberi e la vitamina K aiuta la coagulazione del sangue ed il buon funzionamento del fegato e dei reni.

Vediamo quindi un riassunto delle proprietà benefiche del tè verde:

  1. combatte ipercolesterolemia e riequilibra la glicemia, dunque si prevengono diabete ed arteriosclerosi, inoltre protegge e stimola il buon funzionamento del pancreas;
  2. protegge il cuore, come sopra detto aiuta a mantenere pulite le arterie dalle ostruzioni di colesterolo cattivo;
  3. protegge il cervello, aiuta le cellule cerebrali a ripararsi e proteggersi dalle malattie neurodegenerative e della patologie alla trasmissione nervosa;
  4. rallenta l’invecchiamento di tutto l’organismo, poiché i suoi componenti combattono la diffusione dei radicali liberi e favoriscono la riparazione e la moltiplicazione delle cellule;
  5. previene la formazione dei calcoli, dunque consumare tè verde è un importante gesto depurativo che facilita la diuresi e che aiuta gli organi emuntori nel loro compito e li preserva dalle patologie;
  6. protegge e stimola le difese immunitarie, evitando così l’esposizione ai virus ed ostacolandone lo sviluppo;
  7. effetti benefici sull’apparato gastrointestinale, il tè verde facilita la digestione, regola il metabolismo, contribuisce allo smaltimento dei grassi e protegge dai tumori;
  8. diminuisce il senso di fatica, aiuta ad alleviare stress e tensione ed ha un effetto tonificante su corpo e mente;
  9. proprietà antinfiammatorie, difatti il tè verde aiuta a combattere i processi infiammatori a carico delle ossa e delle articolazioni;
  10. proprietà antitumorali, il tè verde previene la formazione di tumori a carico dei polmoni, del seno, del colon, dello stomaco, dell’ovaio e della prostata;

Tè verde: preparazione ed uso

Consigli per preparare un’ottima tazza di tè verde:

1. Per prima cosa il consiglio più importante è quello di usare una teiera in ceramica in cui sia già stato fatto bollire del tè, poiché così si riuscirà ad apprezzarne maggiormente profumo e sapore. Quindi si devono scaldare sia la tazza che la teiera e poi procedere al riscaldamento dell’acqua.

2. In secondo luogo quando si prepara una tazza di tè verde, l’acqua non deve bollire ma scaldarsi quando emana vapore è pronta. La si lascia riposare due minuti senza fiamma accesa.

3. Quindi si procede all’infusione del tè verde, dentro la teiera, pare che se lo si lasci per più di cinque minuti i tannini prevalgano sulla caffeina rendendo il tè meno “eccitante” purtroppo io ho provato e non sembra esser vero, ma potrebbe dipendere dai nervi di ciascuno, i miei non sopportano né thè né caffè. In realtà l’infusione non dovrebbe andare oltre i due minuti.

E’ preferibile usare le foglie sistemate in un filtro, ma anche le bustine vanno benissimo.

Esistono anche integratori al tè verde, estratti e naturalmente il gelato ( qui puoi trovare un ottimo integratore al té verde da acquistare direttamente online ).

In cosmesi il tè verde può esser usato come tonico per il viso, per diluire maschere di argilla per il viso o maschere di hennè per capelli o ancora durante i lavaggi per rinforzare e lucidare i capelli.

Controindicazioni del tè verde

Non eccedete nel consumo di tè verde perché può causare insonnia, nausea, ansia, ipersudorazione, vertigini e nervosismo.

Sconsigliato a chi soffre di ulcera gastrica.

Cosa dice la scienza sul tè verde

Finora vi abbiamo elencato i molti benefici e le poche controindicazioni di questo ottimo alimento. Per chi volesse approfondire gli studi scientifici che stanno dietro queste affermazioni, qui di seguito abbiamo raccolto i vari studi raccogliendoli in base ai benefici. Cliccando sul numero della referenza bibliografica, potrete leggere direttamente la fonte dello studio.

1. Contiene molti composti bioattivi che migliorano la salute

Il tè verde è, decisamente, più di una semplice bevanda!

Molti composti vegetali presenti nelle foglie di tè verde sono presenti anche nel “prodotto finale”, che quindi contiene grandi quantità di importanti nutrienti (1). Ad esempio, il tè è ricco di polifenoli che hanno effetti quali: ridurre le infiammazioni ed aiutare a combattere il cancro.

Il tè verde è costituito per il 30% da polifenoli, incluse grosse quantità di una catechina chiamata EGCG. Le catechine sono antiossidanti naturali che aiutano a prevenire il danneggiamento delle cellule e forniscono inoltre altri benefici.

Queste sostanze possono aiutare a ridurre la formazione di radicali liberi nel corpo, proteggendo le cellule e le molecole da eventuali danni. È risaputo che questi radicali liberi svolgono un ruolo fondamentale nell’invecchiamento e in qualsiasi tipo di malattia.

L’EGCG (gallato di epigallocatechina) è una delle sostanze benefiche più potenti presenti nel tè verde. È stato provato che è in grado di trattare diverse malattie e ciò potrebbe essere una delle ragioni principali per cui il tè verde fa bene alla salute e ha delle proprietà mediche così forti (2).

Il tè verde contiene anche altre piccole quantità di minerali molto importanti per la salute.

Se hai intenzione di acquistare il Tè Verde cerca di scegliere una marca di alta qualità, poiché alcuni tè di “qualità inferiore” possono contenere dosi eccessive di fluoruro (3). Nonostante ciò, anche se sceglierai un marchio di bassa qualità, puoi star tranquillo che i benefici che ne trarrai supereranno qualsiasi rischio.

Riassumendo:

Il tè verde è ricco di polifenoli antiossidanti, inclusa una catechina chiamata EGCG. Questi antiossidanti possono avere diversi effetti benefici sulla nostra salute.

2. Migliora le funzioni cerebrali

Il tè verde non si limita solo a tenerti sveglio, può anche renderti più intelligente! L’ingrediente chiave è la caffeina, che è un noto stimolante.

Il tè verde non contiene tanta caffeina quanta ve ne è nel caffè, ma ne possiede quanto basta per produrre una risposta senza causare quegli effetti “nervosi” associati al bere troppo caffè.

Ciò che la caffeina fa al cervello è bloccare ed inibire un neurotrasmettitore chiamato Adenosina. In questo modo, riesce ad aumentare le scariche tra i neuroni e la concentrazione di neurotrasmettitori come la dopamina e la norepinefrina (4, 5).

La caffeina è stata a lungo studiata in passato e i risultati hanno evidenziato che essa è in grado di portare alcuni miglioramenti in vari aspetti delle funzioni cerebrali, incluso un miglioramento dell’umore, ed andrebbe anche ad agire sull’attenzione, sui tempi di reazione e sulla memoria (6).

Le proprietà della L-Teanina contenuta nel tè verde

In ogni caso, il tè verde contiene più che semplice caffeina. Possiede anche l’amminoacido L-teanina, che è in grado di attraversare la barriera emato-encefalica (7).

L’ L-teanina aumenta l’attività del neurotrasmettitore GABA, che ha effetti anti-ansia. Aumenta anche i livelli di dopamina e la produzione di onde Alpha nel cervello (7, 8, 9).

Alcuni studi hanno mostrato che l’L-teanina e la caffeina hanno effetti sinergici. La combinazione di questi due è in particolar modo potente per migliorare le funzioni cerebrali (10, 11).

Grazie all’L-teanina e a questa piccola dose di caffeina, il tè verde fa “stonare” decisamente meno di qualche caffè.

Molte persone hanno detto di essersi sentite più energiche e molto più produttive quando bevevano del tè verde, rispetto a quando bevevano del caffè.

Riassumendo:

Il tè verde non contiene tanta caffeina quanta quella del caffè, ma ne possiede comunque abbastanza da provocare degli effetti. Contiene anche l’amminoacido L-teanina, che lavora sinergicamente con la caffeina per migliorare le funzioni del cervello.

3. Aiuta a bruciare grassi e migliora le prestazioni fisiche

Se date un’occhiata alla lista di ingredienti di qualsiasi integratore brucia-grassi, è probabile che all’interno di troviate anche il tè verde. Questo perché è stato provato, in studi clinici controllati, che il tè verde aiuta a bruciare più grassi e stimola il metabolismo (12, 13).

In uno studio fatto su 10 uomini in salute, il tè verde ha aumentato del 4% la spesa energetica (14).

Un altro studio ha mostrato che l’ossidazione dei grassi era aumentata del 17%, indicando quindi che il tè verde potrebbe essere in grado di aumentare selettivamente la bruciatura dei grassi (15).

Tuttavia, alcuni studi sul tè verde non hanno mostrato alcuna stimolazione del metabolismo, quindi gli effetti potrebbero dipendere dal singolo individuo (16).

È stato anche dimostrato come la caffeina in sé sia in grado di migliorare le prestazioni fisiche, mobilitando gli acidi grassi dal tessuto adiposo, per far sì che essi vengano utilizzati come energia (17, 18).

In due diversi studi di verifica, è stato dimostrato che la caffeina è in grado di aumentare le performance fisiche dell’11-12%, in media (19, 20).

Riassumendo:

È stato dimostrato che il tè verde accelera il metabolismo ed aiuta a bruciare grassi velocemente in breve tempo, anche se non tutti gli studi sono d’accordo al riguardo.

4. Potrebbe diminuire il rischio di alcuni tipi di cancro

Il cancro è causato da un’incontrollata crescita di cellule ed è una delle cause maggiori di morte nel mondo.

È risaputo che i danni ossidativi contribuiscono allo sviluppo del cancro e che gli antiossidanti possono avere un effetto protettivo (21).

Il tè verde è una fonte eccellente di potenti antiossidanti, quindi ha senso pensare che potrebbe ridurre il rischio di cancro e pare sia proprio così:

  • Cancro al seno: una meta-analisi di uno studio d’osservazione ha scoperto che le donne che bevevano più tè verde avevano un rischio del 20-30% minore di sviluppare il cancro al seno, il più comune nelle donne (22).
  • Cancro alla prostata: uno studio ha scoperto che gli uomini che bevevano tè verde avevano un rischio del 48% minore di sviluppare il cancro alla prostata, che è la forma più comune negli uomini (23).
  • Cancro colorettale: un’analisi di 29 studi ha mostrato che chi beveva tè verde aveva il 49% di possibilità in meno di sviluppare il cancro colorettale (24).

Diversi studi hanno mostrato che le persone che consumano tè verde sono meno propensi a sviluppare diversi tipi di cancro. Tuttavia, servono delle ricerche più approfondite per confermare questi effetti (25, 26).

È importante tenere a mente che potrebbe essere una cattiva idea il mettere del latte nel tè verde, perché alcuni studi dicono che riduca il valore degli antiossidanti (27).

Riassumendo:

Il tè verde possiede potenti antiossidanti che potrebbero essere in grado di proteggere dal cancro. Diversi studi hanno mostrato come chi beve tè verde sia meno propenso a sviluppare diverse forme di cancro.

5. Riduce il rischio di Alzheimer e Parkinson

Non solo il tè verde è in grado di migliorare le funzioni cerebrali nel breve periodo, ma potrebbe anche proteggere il cervello durante la vecchiaia! L’Alzheimer è la più comune malattia neurodegenerativa negli umani, nonché una delle principali cause di demenza.

Il Parkinson è la seconda malattia neurodegenerativa più diffusa e comporta la morte dei neuroni produttori di dopamina nel cervello.

Diversi studi, effettuati grazie ad alcuni test sugli animali ed in provetta, hanno mostrato che i composti di catechine presenti nel tè verde potrebbero avere diversi effetti protettivi sui neuroni, il che abbasserebbe il rischio di Alzheimer e Parkinson (28, 29, 30).

Riassumendo:

I composti bioattivi del tè verde possono avere diversi effetti protettivi sul cervello. Sarebbero infatti in grado di ridurre il rischio di Alzheimer e Parkinson, le due malattie neurodegenerative più comuni.

6. Uccide i batteri, migliorando la salute dentale ed abbassando il rischio di infezioni

Le catechine presenti nel tè verde hanno anche altri effetti biologici.

Alcuni studi hanno mostrato che possono infatti uccidere i batteri ed inibire i virus come l’influenza, abbassando potenzialmente il rischio di infezioni (31, 32, 33, 34).

Lo Streptococcus Mutans è il principale e pericoloso batterio della bocca. Provoca la formazione di placche ed è il principale contributore della carie dentaria.

Alcuni studi hanno mostrato che le catechine del tè verde possono inibire la crescita dello Streptococcus Mutans. L’assunzione di tè verde è inoltre associata ad una migliore salute dentale e ad un minor rischio di carie (35, 36, 37, 38).

Diversi studi hanno anche mostrato che il tè verde può ridurre anche l’alitosi (39, 40).

Riassumendo:

Le catechine presenti nel tè verde possono inibire la crescita dei batteri e di alcuni virus. Ciò può portare ad una diminuzione del rischio di infezioni e portare ad un miglioramento della salute dentale, con un minor rischio di carie ed una ridotta alitosi.

7. Il tè verde può abbassare il rischio del diabete di tipo 2

Il diabete di tipo 2 è una malattia che ha raggiunto proporzioni epidemiche negli ultimi decenni ed affligge adesso circa 400 milioni di persone nel mondo.

Questa malattia comporta l’avere alti livelli di zucchero nel sangue, nell’ambito dell’insulina resistenza, oppure un’incapacità di produrre insulina.

Alcuni studi hanno mostrato che il tè verde può migliorare la sensibilità insulinica e ridurre i livelli di zucchero nel sangue (41).

Uno studio fatto su alcuni individui giapponesi ha mostrato che chi beveva più tè verde aveva un rischio del 42% minore di sviluppare un diabete di tipo 2 (42).

Secondo un riesame di 7 studi, con un totale di 286,701 individui, i bevitori di tè verde avevano un rischio del 18% minore di diventare diabetici (43).

Riassumendo:

Alcuni test controllati hanno mostrato che il tè verde può causare lievi abbassamenti della concentrazione di zucchero nel sangue. Potrebbe anche abbassare il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

8. Potrebbe ridurre il rischio di malattie cardiovascolari

Le malattie cardiovascolari, inclusi gli ictus e le malattie cardiache, sono le principali cause di morte nel mondo (44).

Studi hanno mostrato come il tè verde sia in grado di migliorare alcuni dei fattori rischio di queste malattie, che includono: colesterolo totale, colesterolo LDL e trigliceridi (45).

Il tè verde, inoltre, aumenta drasticamente la capacità antiossidante del sangue, proteggendo le particelle di LDL dall’ossidazione, che è una delle strade che conducono alle malattie cardiache (46, 47).

Considerati i benefici sui fattori rischio, non sorprende vedere che i bevitori di tè verde hanno un rischio del 31% minore di contrarre malattie cardiovascolari (48, 49, 50).

Riassumendo:

È stato visto che il tè verde è in grado di abbassare il colesterolo totale e quello LDL, così come di proteggere le particelle LDL dall’ossidazione. Studi osservazionali hanno mostrato che chi beve tè verde ha un minor rischio di contrarre malattie cardiovascolari.

9. Aiuta a dimagrire e a diminuire il rischio dell’obesità

Considerando che il tè verde può velocizzare il metabolismo in breve tempo, ha senso pensare che potrebbe anche aiutare a perdere peso.

Diversi studi hanno dimostrato che il tè verde porti ad un progressivo diminuire del grasso nel corpo, specialmente in area addominale (51, 52).

Uno degli studi consisteva in un controllo randomizzato di 12 settimane su 240 tra uomini e donne. In questo studio, il gruppo che aveva assunto tè verde aveva notato un significativo abbassamento del grasso corporeo, del peso totale del corpo, del girovita e del grasso addominale (53).

Riassumendo:

Alcuni studi mostrano che il tè verde porta ad un incremento della perdita di peso. Potrebbe essere in particolar modo efficace nel ridurre il pericoloso grasso addominale.

10. Può aiutare a vivere più a lungo

Naturalmente, tutti dovremo morire prima o poi. È inevitabile.

Tuttavia, considerando che chi beve il tè verde ha meno rischi di contrarre una malattia cardiovascolare ed il cancro, non si può che pensare che potrebbe aiutarci a vivere più a lungo.

In uno studio effettuato su 40.530 adulti giapponesi, coloro che bevevano maggiori quantità di tè verde (5 o più tazze al giorno) avevano meno probabilità di morire nell’arco temporale di 11 anni (55):

  • per malattie cardiache: 31% in meno nelle donne, 22% in meno negli uomini.
  • infarto: 42% in meno nelle donne, 35% in meno negli uomini.
  • cause diverse: 23% in meno nelle donne, 12% in meno negli uomini.

Un altro studio, fatto su 14,001 giapponesi anziani, ha mostrato che chi beveva più tè verde aveva il 76% di possibilità in meno di morire nell’arco di sei anni (56).

Riassumendo

Studi hanno mostrato che è più probabile che vivano più a lungo coloro che bevono tè verde rispetto a coloro che non lo bevono.

Se desiderate acquistare del tè verde BIO di qualità (o estratto di tè verde) per voi è disponibile su Amazon un’eccellente selezione con migliaia di recensioni da parte dei clienti.

Se avete voglia di sentirvi meglio, di perdere peso e di abbassare i rischi di malattie croniche, allora dovreste proprio prendere in considerazione l’idea di iniziare a bere regolarmente del tè verde!

La rassegna degli studi scientifici sul tè verde è liberamente tratta da : healthline.com.

Autore Redazione Portalebenessere.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *