Home » Alimentazione » Piante officinali » Aloe: proprietà, benefici e controindicazioni
Aloe vera arborescens proprietà benefici e controindicazioni

Aloe: proprietà, benefici e controindicazioni

L’aloe è forse una delle piante più antiche, le cui proprietà medicinali sono conosciute fin dall’inizio dei tempi. Ne si trova citazione nell’Antico Testamento e nel Papiro di Ebers, quindi si sa per certo che era già conosciuta nel 1500 a.C. come si sa anche che era nota, in ambito medico, Ippocrate e Dioscoride. Le conoscenze delle virtù medicamentali dell’aloe giunsero anche in Europa in epoca medievale.

Informazioni e curiosità sull’aloe

L’aloe, appartenente alla famiglia delle Liliaceae, fa parte di oltre 250 specie ed è originaria dell’Africa. Il suo nome significherebbe “amaro” in arabo ma è anche conosciuta con il nome di Giglio del Deserto. Si tratta di una pianta perenne che trova il suo habitat favorevole vicino al mare. L’aloe può crescere fino ad un metro di altezza e le sue foglie sono disposte a guisa di petali di fiore, sono lanceolate e munite di spine, al loro interno sono costituite da un gel. I fiori sormontano lunghi steli legnosi, sono di colore rosso e si riuniscono in grappoli. Si adatta a tutti i tipi di terreno ma il suo clima ideale è caldo e secco.

Specie di Aloe

Al genere dell’aloe appartengono più di 250 specie di piante che vengono tutte coltivate principalmente per le foglie succulente. Le specie più conosciute sono l’aloe vera (Aloe barbadensis Miller) e l’aloe arborescens.  L’aloe vera si distingue dall’aloe arborescens in quanto quest’ultima ha foglie molto più piccole e contiene meno gel all’interno.

Aloe Vera vs. Aloe Arborescens

  • L’aloe vera (più carnosa, succulenta, con una foglia più grande) pare abbia una minor concentrazione di principi attivi, ma maggiori benefici per uso esterno, ad esempio nella terapia per curare la pelle.
  • L’aloe arborescens che si denota per una foglia più piccola, invece pare abbia più principi attivi, e maggiori benefici una volta ingerita (succo).

Rispetto alla Barbadensis Miller (Aloe Vera), l’Arborescens contiene peraltro una concentrazione maggiore di elementi antrachinonici, come le aloine, che hanno effetti lassativi e proprietà citoprotettive e antinfiammatorie.

I principi attivi dell’aloe

L’aloe si compone di zuccheri, antrachinoni, sali minerali, vitamine, aminoacidi, acidi organici, fosfolipidi, enzimi, lignine, saponine, acido cinnamico, utilissimo come germicida, barbalonia, resistanolo, olio di etere e aloina.

Aloe: proprietà e benefici

ATTENZIONE: questo articolo è a scopo puramente informativo pertanto non è da considerarsi e non sostituisce la prescrizione medica. I rimedi naturali vanno utilizzati con cautela e su consiglio del medico.

Fra le proprietà dell’aloe troviamo quella rigenerante e cicatrizzante, difatti il suo gel viene utilizzato per rimarginare le ferite.

Svolge un’azione antinfiammatoria difatti riduce gli arrossamenti, i gonfiori ed i dolori causati da infiammazioni ai muscoli ed ai tendini.

Ha un’azione antiulcera dovuta all’aloctina A ed è inoltre antipiretica, quindi può essere applicato in caso di febbre. E’ anche un gel idratante, con azione analgesica.

Si sono studiati anche effetti antimicotici, batteriostatici e virostatici ovvero ostacola la crescita e l’attacco dei funghi, dei batteri e dei virus. Inoltre stimola le difese immunitarie.

Ha inoltre un’azione lenitiva, si può applicare sulle ustioni solari, sugli arrossamenti e sulle punture di zanzara.

Infine la parte esterna delle foglie ha proprietà lassative ma se ne SCONSIGLIA l’assunzione, poiché la foglia non trattata presenta sostanze irritanti per il colon.

L’aloe viene soventemente utilizzato anche come integratore alimentare per via della sua ricca concentrazione di nutrienti.

Non sono in molti a conoscere gli effetti depuranti che aiutano l’organismo contro l’assorbimento di sostanze tossiche. Sono anche meno note le proprietà coagulanti che aiutano a riparare i tessuti lesionati.

Aloe e cosmesi

Nella cosmesi l’aloe viene adoperata per le sue proprietà lenitive, idratanti ed emollienti in saponi, creme e detergenti per il corpo. Inoltre è utilizzata contro le dermatiti del cuoio cappelluto, in particolare quelle seborroiche che causano forfora. Meno noto è l’impiego come battericida per la bocca, difatti esistono degli estratti d’aloe per l’igiene dentale.

Maschere per il viso a base di aloe

Maschera viso nutriente per pelli delicate

Questa maschera è adatta a tutti i tipi di pelle in realtà, se volete ricorrere a un trattamento molto soft. Per le pelli molto delicate è perfetta, perchè nutrirà in profondità la pelle, purificandola e rendendola morbida e vellutata. Pochi ingredienti, nessuna controindicazione.

Ingredienti: due cucchiai di succo di aloe, un cucchiaio di succo di melograno, due cucchiai di miele d’acacia, mezza banana.

Preparazione: prendete la banana, sbucciatela e tagliatela a metà. Una metà mettetela da parte che non vi servirà, l’altra la tagliate a fettine che successivamente schiaccerete con un pestello rendendo il frutto in poltiglia. Nella stessa ciotolina della banana, versate il un cucchiaio di succo di melograno e mescolate. Separatamente unite e mescolate i due cucchiai di succo di aloe e i due di miele. Quando il prodotto sarà omogeneo, unitelo all’altro composto con banana e melograno. Mescolate con cura e lasciate la maschera in frigorifero per 15 minuti. Dopodichè stendete sul viso massaggiando delicatamente e lasciate in posa 20 minuti. Infine, sciacquate il viso con acqua tiepida.

Maschera-Scrub viso per pelli acneiche e impure

Questa maschera ha un ottima azione detergente e antinfiammatoria naturale.

Ingredienti: 5 gocce di Tee tree oil, 2 cucchiaini di Ghassoul, 1 cucchiaio di succo di aloe.

Preparazione: mescolare gli ingredienti e lasciare sul viso per almeno 15 minuti, sciacquare via dolcemente strofinando sul viso come un qualsiasi scrub.

Maschera viso per pelle grassa e impura

Ingredienti: 2 cucchiai di succo di aloe, 2 cucchiaini di yogurt naturale magro.

Preparazione: mescolare fino ad ottenere un composto cremoso; tenere in posa per 10-15 min quindi sciacquare.

L’Aloe e le proprietà antitumorali

Si vocifera da un po’ di tempo che gli estratti dell’aloe avrebbero proprietà antitumorali grazie all’azione della lecitina che stimolerebbe le difese, tuttavia è ASSOLUTAMENTE SCONSIGLIATO frullare le foglie e bere il liquidi ottenuto in quanto l’aloe contiene anche sostanza tossiche, come l’aloina, perciò la foglia ed il gel vanno trattati in laboratorio.

Aloe: controindicazioni ed effetti collaterali

Assolutamente sconsigliato assumere l’aloe durante la gravidanza, può avere effetti abortivi, e l’allattamento. Non somministrare ai bambini. Assolutamente sconsigliata l’assunzione delle foglie e del succo non trattato. L’eccessivo uso per via orale di preparati a base di aloe possono comportare dissenteria e crampi. Da evitare anche in caso di cure ipoglicemizzanti, in quanto il succo dell’aloe tende ad abbassare notevolmente la glicemia. L’aloe può inoltre interferire con farmaci diuretici, digitalici, antiaritmici e cortisonici.

Uso corretto dell’aloe

Usata correttamente, secondo le dosi prescritte ed acquistando i prodotti in negozi sicuri, l’aloe ha tutte le proprietà elencate è inoltre energetica, riequilibrante e idrata i tessuti.

Uso domestico corretto: cosa si può fare dunque con la pianta d’aloe che abbiamo in casa? La si può applicare sulle ustioni solari e gli arrossamenti, ci si possono fare maschere per il viso ed utilizzarla per idratare la pelle secca specie dopo la depilazione. Il procedimento per utilizzarla è molto semplice: si prende una foglia la si lava, la si asciuga e si monda dalle spine e da tutta la parte verde, quindi si frulla o si spalma il gel ottenuto.

Ripetiamo ancora che: il gel estratto in casa NON SI BEVE e NON VANNO INGERITE parti delle foglie o della pianta. In caso di bruciore cutaneo cessare subito l’applicazione e sciacquare con abbondante acqua fredda, in caso d’ingestione involontaria del gel consultare un medico.

Un Commento

  1. ma perchè ditte che non si consuma il gel dalla pianta che abiiamo in casa? per comperarlo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close