Home » Giardinaggio » Come coltivare le carote : dall’orto alla cucina

Come coltivare le carote : dall’orto alla cucina

Origini e proprietà delle carote

Delle carote abbiamo ampiamente parlato nel nostro portale : delle loro proprietà nutrizionali e dei benefici , di come cucinarle , di come impiegarle in centrifugati di verdure. In questo articolo parleremo di come coltivarle , per coniugare due importanti aspetti del nostro benessere : il piacere di coltivarle nel nostro orto , soprattutto per gli amanti del giardinaggio e dell’orto , e quello di ottenerne i benefici nutrizionali in cucina . Coltivate in vaso , possono anche avere una discreta funzione decorativa .

L’origine delle carote selvatiche è ancora controverso , probabilmente provengono dai paesi del Mediterraneo orientale , anche se inizialmente non erano pensate per l’alimentazione umana , ma come piante medicinali e alimenti per gli animali da allevamento.

Varietà di carote

Anche il colore era diverso : le prime erano di vari colori ( erano diffuse carote bianche , gialle , rosse e viola ) e la versione di colore arancione comparse in Francia e in Olanda molto tempo dopo . Oggi le varietà colorate di carote stanno tornando ad avere mercato per la nota proprietà degli ortaggi di avere proprietà nutrienti diverse in base ai diversi colori , come spiegato qui .

Anche le forme sono molto varie : esistono carote rotonde , lunghe e affusolate , cilindriche . La parte che si consuma è completamente sotterranea mentre in superficie emergono solo le foglie.

Alcune varietà sono le seguenti :

  • Carota Amsterdam forcing , di forma cilindrica , rientra tra le varietà precoci
  • Carota di Nantes , dalla radice tronca , rientra tra le varietà precoci
  • Carota Rossa di Chantenay , di forma rastremata
  • Carota Ingot , di forma cilindrica
  • Carota di St. Valery , di forma rastremata

Come coltivare le carote

Siccome ormai le carote sono così economiche da acquistare , ci si può chiedere perchè coltivarle ; la risposta è semplice : le carote fresche , colte direttamente, hanno un sapore infinitamente migliore e non c’ è paragone con quelle acquistate al supermercato.

Per coltivarle prima di tutto scegliete un terreno luminoso e preferibilmente leggero, ideali sono i terreni sabbiosi . Se il terreno è roccioso , scavare dei buchi cilindrici con un piantatoio e riempirli di compost. Questa tecnica può essere impiegata anche per coltivare le carote in vaso. Al momento della semina vanno fatti dei fori profondi 1 cm a intervalli di 15/20 cm . Prendere delle campane per seminare d’inverno e per i primi giorni di primavera , ma mai prima che il terreno raggiunga una temperatura media di 7 C. Innaffiare quando necessario.

La raccolta delle carote

Le varietà più precoci delle carote possono essere raccolte dopo circa 7 settimane dalla semina , a quelle intermedie servono all’incirca 10 settimane . Le carote delle varietà più corte si possono raccogliere facilmente a mano , per raccogliere le carote più lunghe è meglio munirsi di un forcone.

Le carote possono essere lasciate in terra fino a quando non servono e raccolte mano a mano , altrimenti le possiamo conservare pulite in cassette con sabbia umida.

Parassiti e malattie della pianta di carota

Un grande nemico delle carote è la mosca della carota , le cui larve si vanno a depositare nella radice dell’ortaggio . Le mosche della carota sono principalmente attirate dall’odore che emana l’ortaggio quando viene smosso o trapiantato . Quindi un modo naturale per confondere le mosche è piantare vicino agli ortaggi.

La malattia invece che colpisce le carote è il mal vinato, un’infezione che porta le radici a decomporsi velocemente ed ad assumere un colore violaceo. L’unico rimedio al mal vinato è bruciare le piante infette e non piantare in quel terreno carote per almeno 2 anni.

Riassumendo

  • Periodo di semina delle carote : inizio primavera e in successione fino a fine estate
  • Profondità di semina delle carote : 1 cm
  • Distanza di semina delle carote : 5-8 cm
  • Raccolta delle carote : da tarda primavera in poi
  • Distanza tra i filari di semina : 15-20cm

Autore Redazione Portalebenessere.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *