Home » Rimedi Naturali » Congiuntivite: sintomi, cause, rimedi naturali e consigli utili
Congiuntivite: sintomi, cause, quanto dura, rimedi naturali e consigli utili. Scopri cos'è la congiuntivite, le cause, i sintomi, quanto dura, i rimedi naturali contro la congiuntivite più efficaci ed alcuni consigli per prevenire questo fastidio.

Congiuntivite: sintomi, cause, rimedi naturali e consigli utili

Congiuntivite, un fastidioso problema che riguarda gli occhi. Avete mai avuto la sensazione di avere un granello sotto la palpebra? Può capitare a tutti, l’occhio si arrossa, lacrima e fa male. Come intervenire? Come evitare che accada? Quali sono i rimedi naturali più efficaci contro la congiuntivite?

Congiuntivite: sintomi e cause

In poche parole la congiuntivite è la flogosi della membrana che riveste la faccia posteriore delle palpebre e la parte posteriore dell’occhio, anche detta congiuntiva.

Se prima si trattava di un fastidio poco incisivo, negli ultimi anni abbiamo assistito ad una crescita del fenomeno. In parte perché siamo maggiormente esposti ad agenti inquinanti, perché vi è un incremento delle allergie e perché i nostri occhi sono sottoposti a maggiore stress.

Vediamo quante tipologie di congiuntivite esistono:

1. Congiuntivite infettiva casata da batteri o virus, trattasi della flogosi del gigantopapillare, è una forma molto contagiosa. Colpisce generalmente chi vive o lavora in posti poco igienici;

2. Congiuntivite allergica, anche in questo caso si ha un’infiammazione del gigantopapillare, sovente è confusa con l’orzaiolo;

3. Congiuntivite micotica, la sua causa è una micosi, è abbastanza rara però può sfociare in critiche complicazioni;

4. Congiuntivite irritativa, in questo caso l’occhio entra in contatto con sostanze irritanti o nel caso in cui s’infili un corpo estraneo nell’occhio;

5. Congiuntivite attinica, dovuta ad una prolungata esposizione ai raggi solari che possono causare l’evaporazione del film lacrimale dell’occhio con conseguente sfregamento della palpebra sulla congiuntiva;

6. Congiuntivite catarrale, questa si manifesta con secrezioni giallo verdi di solito dopo che si è dormito;

7. Congiuntivite purulenta è di tipo infiammatorio e causa un edema delle palpebre e ingrossamento dei linfonodi dell’orecchio;

8. Congiuntivite membranosa è una forma grave ma rara che si caratterizza per la presenza di membrane grigiastre che staccandosi, causano un importante sanguinamento dell’occhio e può comportare problemi alla cornea.

La congiuntivite può essere:

  • acuta, ovvero si presentano inaspettatamente i sintomi e poi l’occhio guarisce da solo in poco tempo;
  • cronica, l’occhio non guarisce completamente ed il problema può essere causato da un calo del sistema immunitario oppure dovuto ad altre patologie croniche.

Quindi abbiamo preso in esame le seguenti cause:

  • igiene, vivere in un luogo con problemi di pulizia o anche solo lavorarci;
  • micosi, un attacco fungino;
  • una prolungata esposizione ai raggi solari;
  • allergeni fra cui pollini, polvere, peli di animali e acari;
  • secrezioni;
  • batteri o virus;
  • corpi estranei o sostanze irritanti;
  • carenza delle difese immunitarie;
  • affaticamento;
  • lenti a contatto;
  • cosmetici scaduti;
  • inquinamento;
  • agenti atmosferici.

Passiamo alla sintomatologia:

  • arrossamento;
  • bruciore;
  • prurito;
  • sensazione di corpo estraneo;
  • edema;
  • lacrimazione;
  • cispe;
  • fotofobia;
  • mal di testa;
  • febbre;
  • raffreddore;
  • ingrossamento dei linfonodi dell’orecchio;
  • dilatamento dei vasi sanguigni nell’occhio.

Congiuntivite: rimedi naturali e consigli per prevenire

Quando si ha la congiuntivite ci sono delle cose importanti da non fare:

  1. non sfregare l’occhio;
  2. evitare il contatto fra mani ed occhi;
  3. non condividere occhiali, asciugami, etc.

Questi tre accorgimenti servono ad evitare il contagio e che l’infiammazione peggiori.

Per quanto riguarda la prevenzione è utile dire che sul lavoro occorre indossare gli occhiali protettivi, che le lenti a contatto vanno applicate bene e non usate troppo frequentemente e comunque non mentre si ha la congiuntivite e bisogna ricordarsi di lavarsi spesso le mani.

Se si notano secrezioni sospette o se l’occhio non migliora da solo né con i rimedi naturali è bene rivolgersi al medico.

Mentre si ha la congiuntivite è importante far riposare l’occhio, non toccarlo troppo spesso e non usare make up.

Ricordarsi di lavare e cambiare frequentemente asciugamani e federe ed inoltre di avere sempre i capelli puliti che possibilmente non tocchino gli occhi.

Passiamo all’azione concreta, ovvero cosa fare in presenza di congiuntivite. Partiamo dall’alimentazione.

Non esiste una vera e propria correlazione fra cibo e congiuntivite, ma senz’altro sono da evitare i cibi che possono causare picchi di istamina, è meglio preferire i seguenti cibi:

  • olio di pesce e tuorlo d’uovo che contengono vitamina D che rafforza il sistema immunitario;
  • fegato, carne e molluschi che contengono zinco;
  • patate e pesce che contengono selenio;
  • cacao, crusca, piselli, semi ed ortaggi che contengono magnesio;
  • legumi che contengono lisina;
  • yogurt perché contiene probiotici;
  • pesce azzurro, alghe e frutta secca che contengono omega3 un buon antinfiammatorio.

Questi alimenti hanno il pregio di ridurre le infiammazioni, sono antiossidanti e rafforzano il sistema immunitario.

Vediamo infine i rimedi naturali, che vanno utilizzati sempre prestando attenzione ed informando il medico.

Uno dei rimedi della nonna più classici è l’impacco con la camomilla che riesce a calmare l’infiammazione e dare sollievo. L’impacco può essere fatto anche con acqua di fiordaliso, sambuco, piantaggine. Si prepara semplicemente lasciando in infusione per 15 minuti in acqua calda il rimedio fitoterapico scelto, quando è tiepido vi s’immerge una garza che poi va strizzata ed applicata sull’occhio per una decina di minuti.

Un altro rimedio molto diffuso è quello di applicare delle bustine da tè tiepide per alleviare l’irritazione.

L’infuso di malva è noto per le sue proprietà lenitive, un impacco freddo ha una grande azione calmante.

Si possono fare impacchi anche con acqua distillata e l’aggiunta di due gocce di olio essenziale (mai usarli puri) di tea tree o camomilla o lavanda.

Anche gli impacchi di acqua fredda sono un ottimo modo per lenire bruciore e rossore o anche l’edema, da evitare invece l’applicazione del ghiaccio.

Meno conosciuti sono gli impacchi a base di miele, se ne fa sciogliere un cucchiaino in poca acqua tiepida e poi si applica con delle garze.

I preparati a base di calendula sono un valido rimedio contro la congiuntivite perché aiutano a calmare l’irritazione.

Fra i rimedi omeopatici troviamo: Aconitum 9 CH in caso di congiuntivite dovuta ad un colpo di freddo, Apis mellifica e Belladonna 5 CH in caso di rossore interno.

In campo erboristico è molto adoperata anche la tintura madre di Amamelide unita all’olio essenziale di camomilla (una goccia), con l’aggiunta di acqua di rose.

Qualcuno consiglia anche rimedi naturali per la congiuntivite a base di succo di limone e argento colloidale, ma è meglio evitare o chiedere al medico prima di utilizzarli.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close