venerdì , 24 marzo 2017
Home » Rimedi Naturali » Diarrea: cause, rimedi naturali, alimentazione e consigli
Diarrea: cause, rimedi naturali, cosa fare e cosa mangiare e bere. Scopri i più efficaci rimedi naturali contro la diarrea, come fermare le scariche di diarrea velocemente, cosa mangiare e i cibi da evitare con la diarrea.

Diarrea: cause, rimedi naturali, alimentazione e consigli

La diarrea è un disturbo, a volte cronico ed a volte temporaneo, per cui vengono espulse feci liquide. Nei casi temporanei passa da sola dopo alcune scariche, altrimenti si ricorre ai rimedi naturali o in casi acuti ai farmaci, nei casi cronici invece può essere segnale di patologie.

La diarrea di per sé non è una malattia, ma piuttosto un sintomo.

C’è da fare una sostanziale precisazione: la diarrea temporanea è una forma di difesa dell’organismo, mentre quella cronica è la spia che qualcosa non sta funzionando a dovere.

Vi è mai capitato di andare a mangiare fuori o in vacanza è avere mal di pancia? Si tratta di un sintomo d’intossicazione, nel caso del vacanza si chiama “la maledizione di Montezuma”.

Domanda: perché le feci sono liquide? Perché l’organismo cerca di espellere tutto ciò che si è ingerito e tutto ciò che ristagna nell’organismo, liquidi compresi, un metodo efficace per debellare virus e tossine. Questo comporta una notevole perdita di liquidi che vanno compensati come vedremo.

In caso di diarrea acuta, che dura più di due giorni, è il caso di consultare il medico per verificare che non siano in corso patologie serie. Vediamo nello specifico diversi casi:

  • Dissenteria acuta: la sua causa possono essere infezioni virali o batteriche, può durare una ventina di giorni ed occorre consultare il medico;
  • Dissenteria ricorrente e temporanea: può presentarsi sporadicamente o a periodi e può essere causata da una scorretta alimentazione;
  • Dissenteria cronica: dura nel tempo e può essere causata da patologie, pertanto è indispensabile il parere del medico.

Diarrea: le cause

La diarrea può essere causata da diversi fattori:

  • ipersecrezione d’acqua dell’intestino
  • mal funzionamento dell’intestino
  • farmaci
  • infiammazioni
  • virus o batteri
  • intossicazione alimentare
  • intolleranze alimentari
  • colpo di freddo
  • sindrome del colon irritabile
  • colite
  • morbo di Crohn
  • stati emotivi

Le situazioni più frequenti in cui si presenta la dissenteria sono quelle in cui si è influenzati, si contrae un virus, oppure si mangia del cibo avariato o si è intolleranti al lattosio o celiachi ad esempio.

Quando bisogna consultare il medico?

  1. Quando la diarrea supera i 3 giorni
  2. Quando sono presenti tracce di sangue
  3. Quando il dolore è intollerabile
  4. Quando sono associati febbre e nausea

Per accertare la natura del problema il medico suggerirà esami del sangue, delle feci e del colon.

Diarrea: i sintomi

I sintomi della diarrea sono ben definiti e noti:

  • forte dolore addominale
  • crampi
  • gonfiore
  • feci molli o liquide
  • meteorismo
  • possibilità di comparsa di nausea, febbre e dimagrimento nel caso di dissenteria acuta. In caso di tracce di sangue, disidratazione e forte dimagrimento consultare subito un medico.

In caso di disidratazione da diarrea si hanno i seguenti sintomi:

  • sete
  • vertigini
  • mal di testa
  • minzione frequente con urina scura
  • spossatezza
  • secchezza della bocca e della pelle.

E’ importante ricordare pertanto che si devono assumere liquidi in piccole dosi, possibilmente con dentro sciolti dei Sali minerali.

Diarrea: rimedi naturali efficaci

Cosa mangiare con diarrea e rimedi naturali veloci

In caso di diarrea è bene tenere a mente qualche rimedio della nonna. E’ importante ricordare che l’alimentazione gioca un ruolo importante pertanto occorre: mangiare pane asciutto, possibilmente tostato (se non si è celiaci) non consumare latticini tranne lo yogurt, mangiare patate lesse e riso in bianco con limone oppure riso con tuorlo d’uovo, mele cotte, bere acqua a piccoli sorsi, acqua e zucchero, tè e limonata non zuccherata. Sono da evitare anche grassi, dolci, frutta molto zuccherata (come cachi e fichi) e caffè.

Cosa mangiare in caso di diarrea?

Come dicevamo fra i rimedi naturali per eccellenza, contro la diarrea, ci sono vari cibi. Ecco cosa mangiare in caso di diarrea:

  • patate lesse
  • pollo senza pelle
  • pesci magri bolliti e con succo di limone
  • riso integrale e riso bianco
  • limone
  • tuorlo d’uovo
  • mela cotta
  • carote cotte
  • ananas
  • pompelmo
  • banane (ottime per reintegrale il potassio)
  • yogurt (che contiene fermenti lattici)
  • aglio crudo (che aiuta a sconfiggere i batteri)
  • crusca d’avena (perché ricca di fibre che assorbono l’acqua).

Diarrea: quali sono i cibi da evitare?

  • Cibi conservati, insaccati
  • Fritture, stufati, umidi, brodetti
  • Cavoli e verdure ricche di fibre
  • Arance, castagne, uva, frutta acerba
  • Formaggi grassi o fermentati, panna, ricotta
  • Antipasti, pane fresco
  • Brodi di carne
  • Carni grasse e selvaggina
  • Bevande ghiacciate, gelati
  • Liquori.

Cosa fare in concreto se le scariche di diarrea non passano?

  1. Spremere dei limoni e berne il succo;
  2. In alternativa mettere a bollire un pentolino d’acqua con dentro un limone tagliato in quattro, filtrare e bere;
  3. Bere un tè non zuccherato e non bollente;
  4. Bere una tisana contro i dolori a base di malva, o tiglio, o camomilla o melissa;
  5. Anche l’acqua di cottura del riso è ottima perché contiene molto amido.

L’ideale è chiedere un consulto all’erborista sui rimedi naturali a base di agrimonia, alchemilla, potentilla, more, mirtilli, carrube, menta piperita ed estratto di semi di pompelmo; hanno tutti eccellenti qualità astringenti.

Esempio di tisana contro la diarrea

Per preparare una tisana contro la diarrea al mirtillo vi servono 4 cucchiai di mirtillo in bacche essiccate da far bollire in un litro d’acqua per cinque minuti; lasciate riposare per altri 5, quindi filtrate e consumarne due tazze lontano dai pasti.

Un valido aiuto viene anche dal decotto di corteccia di quercia, dalle ottime proprietà astringenti, che si può preparare portando ad ebollizione 30 grammi di corteccia di quercia in 1 litro di acqua da lasciare raffreddare per 10 minuti per, poi, filtrarne i residui prima di poterne consumare 3 tazze al giorno.

Per quanto riguarda i rimedi della medicina alternativa, ci sono diverse soluzioni.

  • Fiori di Bach: le preparazioni variano a seconda dei casi per tanto è bene rivolgersi ad uno specialista
  • Omeopatia: vengono prescritti soprattutto Aloe 5 CH, Argentum nitricum 15 CH, Podophillum 9 CH, Arsenicum Album 15 CH, Chamomilla 15 CH.
  • Aromaterapia: sono consigliati solitamente l’olio essenziale di basilico, cannella, menta e zenzero.

Fra i rimedi naturali, qua e là, si trovano molte imprecisioni, ricordiamo che è bene:

  1. non assumere latte specie se non si sa se si è intolleranti;
  2. non mangiare pane o alimenti contenenti glutine se si è intolleranti o non si sa per certo;
  3. non bere bevande gassate;
  4. non bere alcolici;
  5. non assumere farmaci a casaccio;
  6. non mangiare “pasta in bianco” magari condita con burro o margarina;

Consigli contro la diarrea

E’ importante soprattutto ascoltare il proprio corpo, mangiare solo ciò che ci si sente quando se ne ha voglia, se si necessita di digiuno consultare il medico.

E’ importante ricordare che la diarrea è un meccanismo di difesa, pertanto non va bloccata immediatamente, ma solo se non passa da sola o se i dolori sono insopportabili.

Non sono da sottovalutare mai gli stati emotivi, che causano scompensi e talvolta appunto dissenteria, in questo caso è bene cercare di rilassarsi, respirare e metabolizzare l’emozione.

2 commenti

  1. Mio figlio da 45 giorni ha saltuariamente scariche diarroiche senza motivo,esami parassitari, tifo,paratifo,salmonella,Brucella, ecc…tutti negativi non è intollerante al glutine ed al lattosio,età 14 anni,ha preso fermenti lattici per circa 20 giorni,però continua ad avere scariche ha appetito e mangia tutto,che cosa può essere?La pediatra mi ha consigliato una visita dal gastroenterologo.

    • Sign.Marcuccu Bruno posso chiederle come e se ha risolto con suo figlio???perché leggendo quello che ha scritto è analogo a quello che sto vivendo io con mio figlio che però ha 2anni!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close