Home » Alimentazione » Piante officinali » Origano: proprietà, benefici, valori nutrizionali, utilizzi e controindicazioni
Origano: proprietà, benefici, valori nutrizionali, utilizzi e controindicazioni
Origano: proprietà, benefici e controindicazioni. Scopri le proprietà dell'origano, i benefici per la salute, i valori nutrizionali e le calorie, tutti gli utilizzi in cucina e come rimedio naturale, le controindicazioni e gli effetti collaterali.

Origano: proprietà, benefici, valori nutrizionali, utilizzi e controindicazioni

L’origano è una pianta aromatica molto conosciuta ed apprezzata in cucina sin dai tempi più antichi in tutto il mondo per il suo profumo intenso e unico, ma anche per le sue proprietà benefiche sull’organismo. Scopriamo le proprietà dell’origano, i suoi benefici per la salute e le eventuali controindicazioni.

Origano: caratteristiche generali

La pianta, il cui nome scientifico è “Origanum vulgare”, è un’erbacea perenne che appartiene alla famiglia delle Lamiaceae e cresce spontanea fino ad un’altitudine di 2.000 metri circa. Derivata da due parole greche, oros e ganos, che significano rispettivamente montagna e splendore, è d’obbligo dedurre che la parola origano può essere tradotta con splendore della montagna, forse riferendosi al fatto che porta decoro e armoniosità con i suoi fiori colorati nelle zone montagnose.

La pianta dell’origano può raggiungere anche gli 80 centimetri di altezza, ha un rizoma legnoso e produce steli rossastri. Le foglie sono ovali e arrotondate, leggermente dentellate, mentre i fiori, di colore rosa o bianco, sono raggruppati in spighe che hanno la forma di una pannocchia. Compaiono a metà estate e maturano producendo piccole capsule contenenti i semi.

Si possono distinguere diverse varietà, caratterizzate ognuna da un aroma specifico. È quindi possibile, per l’appassionato, creare un piccolo angolo con una bella collezione. Il frutto dell’origano si presenta sotto forma di una piccola capsula di colore scuro nel cui interno vi sono i semi. Di questa pianta vengono utilizzate le foglie e la parte sulla cima dopo averle raccolte in estate durante la fioritura. Durante la raccolta è importante non farsi ingannare dalle piante rigogliose che magari si trovano lungo i fossati e nelle zone umide: infatti, anche se sono più alte e più fornite, non hanno lo stesso profumo e aroma dell’origano che cresce nei luoghi più aridi e caldi, ben soleggiati. Dopo la raccolta, l’origano va essiccato all’ombra riunito in mazzetti e a testa in giù, poi si può conservare all’interno di barattoli chiusi ermeticamente o in bustine di carta, in un locale ben aerato.

Origano: proprietà e benefici

Innumerevoli ed efficaci, le proprietà dell’origano sono davvero straordinarie: per cominciare, ha proprietà antibiotiche naturali e protegge dalle malattie respiratorie. Le sue proprietà antinfiammatorie, antisettiche e antispasmodiche sono tra le più annoverate mentre le proprietà analgesiche naturali lo rendono un rimedio molto efficace contro i parassiti intestinali. Oltre che essere perfetto nella eliminazione dei parassiti intestinali, le sue proprietà analgesiche sono anche particolarmente utili nella diminuzione del dolore. Ritenuto efficace in caso di mestruazioni dolorose, può essere assunto sotto forma di tisana all’origano per alleviare i dolori mestruali.

Notevoli anche le sue proprietà anticancro: da uno studio eseguito dagli esperti della Long Island University è stata rilevata all’interno dell’origano la presenza di una sostanza killer efficace contro il cancro alla prostata. In pratica, la sostanza induce le cellule cancerogene ad auto-distruggersi.

L’origano è tra gli alimenti di cui sfruttare le proprietà antiossidanti, grazie all’elevato contenuto di vitamina C, una sostanza che permette all’organismo di resistere maggiormente alle infezioni, agli agenti portatori di infiammazione e combatte i radicali liberi, una delle principali cause dell’invecchiamento precoce delle cellule dell’organismo. Infine, le proprietà anticellulite dell’origano lo rendono utile per essere utilizzato per curare gli antiestetici rigonfiamenti della cellulite risolvendo anche i disturbi di circolazione sanguigna o linfatica che possono provocarla. Gradevole in questi casi l’assunzione di infusi o soluzioni per favorire il drenaggio.

La pianta dell’origano è una spezia capace di apportare notevoli benefici all’organismo, risolvendo o alleviando alcune patologie. I suoi principi attivi variano in funzione del periodo in cui l’origano viene raccolto, ma i veri responsabili delle proprietà medicinali dell’origano sono i fenoli, in particolare il timolo e il carvacrolo. Il timolo è un antisettico e vermifugo, mentre il carvacrolo è un antisettico utilizzato spesso come ingrediente di prodotti venduti in profumeria.

L’origano è un ottimo antinfiammatorio: infatti, studi recenti hanno permesso di scoprire che l’origano contiene il beta-cariofillene, una sostanza che ha la capacità di curare le infiammazioni. Tra i benefici apportati dall’elevata percentuale di antiossidanti indubbiamente vi è la protezione delle cellule dall’ossidazione dei radicali liberi. I costituenti con proprietà antiossidanti che contrastano i radicali liberi sono la vitamina A, criptoxantina, luteina e zeaxantina. Inoltre, il potere antiossidante consente all’organismo di aumentare le difese immunitarie e di resistere maggiormente alle infezioni.

Notevoli anche gli effetti dell’origano sulla salute del cuore, in quanto ricco di potassio, grazie al quale è possibile tenere sotto controllo la frequenza cardiaca e la pressione alta provocata dal consumo di sodio. Nell’origano si trovano anche gli acidi grassi Omega 3 che contrastano l‘infiammazione in tutto il corpo ed aiutano a prevenire le malattie cardiache.

L’origano è anche un buon antidolorifico: infatti, l’origano è utilizzato per numerose tipologie di malanni come mal di denti, dolori muscolari, mal di testa, gonfiori, allergie, stanchezza, punture d’insetti, parassiti intestinali e mal d’orecchi. L’utilizzo dell’origano per questi malanni non è però certificato dalla medicina ufficiale e sono frutto di usanze popolari.

Efficace anche per combattere l’asma, l’origano apporta benefici ai polmoni e alle vie respiratorie, grazie a sostanza come il carvacrolo, i flavonoidi ed i terpeni.

Origano: valori nutrizionali e calorie

100 g di origano contengono:

  • Calorie 265
  • Proteine 9 g
  • Carboidrati 68,92 g
  • Zuccheri 4,09 g
  • Grassi 4,28 g
  • Fibra alimentare 42,5 g
  • Sodio 25 mg
  • Potassio 1.260 mg
  • Calcio 1597 mg
  • Magnesio 270 mg
  • Ferro 36,8 mg
  • Vitamina A 1.701
  • Vitamina B6 1 mg
  • Vitamina C 2,3 mg

Origano: tutti gli utilizzi

L’origano è utilizzato principalmente per condire e insaporire insalate e carni, e per le sue proprietà digestive e aromatiche occupa in cucina un posto di rilievo, soprattutto nella preparazione di piatti mediterranei. L’origano è perfetto anche per preparare infusi per raffreddore, mal di testa e disturbi gastrointestinali; decotti, da preparare con origano essiccato, indicato in caso di tensione nervosa; è anche un cataplasma, da preparare riscaldando le foglie d’origano per alleviare il torcicollo. L’origano è anche ottimo per preparare suffumigi, inalazioni, che facilitano l’eliminazione del catarro ed esercitano una certa azione sedativa sulla tosse; gargarismi, preparati con decotto di fiori di origano sono utili per purificare la bocca e la gola.

Per un’azione deodorante e rilassante, è utile anche il bagno all’origano, sotto forma di decotto aggiunto all’acqua del bagno o ai pediluvi. Utilizzato per curare il piede d’atleta e i funghi della pelle, l’olio essenziale di origano è efficace per il suo potere antisettico. E’ importante ricordare di diluirlo prima di essere applicato. In campo cosmetico, le foglie di origano vengono utilizzate per rendere la pelle del viso più elastica e luminosa. Inoltre, anche per la cellulite l’origano si presenta particolarmente efficace nel rendere la pelle più tonica e per curare gli inestetismi della cellulite.

Origano: controindicazioni ed effetti collaterali

L’origano generalmente non ha controindicazioni particolari, ma ne è comunque sconsigliato l’utilizzo in caso di gastrite, ulcera peptica, dermatiti od ipersensibilità accertata verso uno o più componenti di questa pianta.

Anche le donne incinte devono informare il medico prima di prendere l’origano poiché è emmenagogo, ovvero favorisce le mestruazioni, e può essere pericoloso durante la gravidanza.

Inoltre, chi è allergico o intollerante a erbe come timo, salvia e basilico non deve assolutamente usarlo. In particolare, gli effetti collaterali potrebbero presentarsi con l’olio essenziale di origano, che potrebbe essere irritante per la pelle e le mucose, e potrebbe causare respiro corto, costrizione toracica, problemi di lingua o della deglutizione, prurito e gonfiore del viso. Se si verificano questi effetti è necessario chiamare immediatamente il medico. E’ sempre consigliabile quindi seguire scrupolosamente le istruzioni date dal medico, altrimenti, se lo si assume da solo, occorre seguire le istruzioni sulla bottiglia.

Autore Redazione Portale Benessere


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *