Home » Alimentazione » Piante officinali » Tè nero: proprietà, benefici per la salute, utilizzi e controindicazioni
Tè nero: proprietà, benefici per la salute, preparazione, utilizzi e controindicazioni. Scopri quali sono le proprietà benefiche e curative del tè nero, i benefici per la salute e per dimagrire, come preparare una tazza di tè nero, le controindicazioni e gli effetti collaterali.

Tè nero: proprietà, benefici per la salute, utilizzi e controindicazioni

Tè nero, tutti lo conosciamo, è forse la bevanda più antica del mondo e come sappiamo ruotano tradizioni e cerimonie intorno ad essa, in Oriente, ma anche in Inghilterra.

Tè nero: caratteristiche generali e curiosità

Si tratta di una varietà di tè ottenuto dalle foglie della pianta Camellia sinensis, dopo essere raccolte sono sottoposte a macerazione, essiccazione ed infine vengono tritate, in questo modo si ossidano e divengono scure.

La Camellia sinensis esiste in due varietà: pianta cinese C. sinensis con cui si producono tre tipi di tè e pianta assamese C. sinensis utilizzata principalmente per produrre tè nero.

La varietà di maggior pregio è il tè pecko (termine cinese che sta per peluria) fatto con germogli e foglie giovani, fra le altre varietà troviamo tè verde, bianco e oolong. La miscela di tè nero in realtà in Cina è conosciuta come tè rosso, perché effettivamente dopo l’infusione la bevanda assume un colore rossastro tendente al nero.

Perchè esistono tanti tipi di di tè? In gran parte tutto è dovuto alla lavorazione, ma anche al tipo di prodotto finale che si vuol ottenere, con diverse caratteristiche. Il tè oolong ad esempio subisce una fermentazione più breve mentre il tè verde non subisce lavorazioni quindi non scurisce. C’è da dire anche che il tè nero si conserva più a lungo del tè verde.

Come scegliere il tè nero? Come già detto c’è una qualità di maggior pregio, però è interessante anche il Sun Moon Lake da Taiwan, ambrato e con sentore di cannella. Fra i migliori troviamo anche il tè Darjeeling, indiano, con sentore di uva moscata.

In molti si chiedono ma è meglio il tè verde o il tè nero? Il tè verde conserva intatte maggiori proprietà benefiche, comunque anche il tè nero mantiene una buona dose di proprietà organolettiche, polifenoli soprattutto. Un’importante differenza sta nella percentuale di caffeina che è maggiore nel tè nero.

Tè nero: proprietà e benefici per la salute

Il tè nero, come il tè verde, fa molto bene alla salute, vediamo cosa contiene.

Valori  nutrizionali (100 gr.):

  • Calorie 1
  • Sodio 3 mg
  • Potassio 37 mg
  • Carboidrati 0,3 g
  • Caffeina 20 mg
  • Magnesio 3 mg

Contiene anche però caffeina (5 minuti d’infusione in una tazza possono contenerne tra i 40 e i 100 mg). Inoltre il tè nero contiene tannini, teofillina, teobromina, flavonoidi e polifenoli.

Vediamo le benefiche proprietà del tè nero:

  • broncodilatatore, ebbene sì, è un rimedio naturale contro l’asma e la bronchite e ciò si deve proprio alla ricchezza di teofillina;
  • protegge il sistema cardiovascolare, due tazze al giorno possono ridurre il rischio d’infarto ed ictus;
  • migliora la nostre attività cognitive e cerebrali incrementando l’attenzione, inoltre protegge dal morbo di Alzheimer;
  • aiuta a bruciare il grasso corporeo e quindi a perdere peso (è senza calorie, ma va bevuto senza latte né dolcificanti);
  • contrasta l’accumulo della placca nei denti (se lo bevete senza zucchero ovviamente), grazie ai polifenoli che inibiscono la crescita batterica nella bocca, attenzione però con il passare del tempo può macchiare lo smalto;
  • prevenzione dell’alito cattivo;
  • previene il diabete di tipo 2, secondo alcuni studi aiuta a controllare il metabolismo dei carboidrati, impedendo che alcuni enzimi digestivi producano glucosio;
  • protegge dalla formazione di cellule tumorali;
  • antiossidante, contrasta la formazione di radicali liberi;
  • tiene sotto controllo il colesterolo cattivo impedendo la formazione di placche nelle arterie;
  • aiuta ad aumentare le difese immunitarie ed è utile per contrastare i mali di stagione;
  • migliora la resistenza delle ossa e previene l’osteoporosi, consigliato in menopausa;
  • abbassa la pressione sanguigna, quindi gli ipertesi ne traggono giovamento;
  • aiuta a contrastare la formazione dei calcoli renali;
  • previene la comparsa del morbo di Parkinson;
  • ha proprietà astringenti quindi è un buon rimedio contro la diarrea.

Tè nero: uso e controindicazioni

Quanto tè nero si può bere al giorno? Chi non soffre di particolari disturbi può berne fino a tre tazze al giorno, lontano dai pasti, senza zucchero. Si fa bollire l’acqua e poi si mette la miscela in infusione per 5 minuti al massimo, si può aromatizzare come si vuole.

Chi invece non deve bere tè nero?

  • Chi soffre d’insonnia, nervosismo, ipotensione, tachicardia, ansia;
  • Gli anemici, perché riduce l’assorbimento del ferro;
  • Chi soffre di calcoli renali deve consultare il medico ed in generale chi soffre di reni deve prestare attenzione nel consumo di questa bevanda;
  • Le donne in gravidanza devono limitarlo o chiedere al medico;
  • Evitate di somministrarlo ai bambini.

Attenzione a non esagerare, un uso smodato può causare alcuni effetti collaterali:

  • Ansia;
  • Insonnia;
  • Aumento della frequenza respiratoria;
  • Cefalea;
  • Aritmia;
  • Nausea e vomito;
  • Nervosismo e irrequietezza;
  • Ronzio nelle orecchie;
  • Tremori.

Un buon consiglio: attenzione a ciò che comprate. Chi ha letto il libro “Siete pazzi a mangiarlo” di C. Brusset sa bene di cosa parlo. Molte marche acquistano miscele in Paesi con costi bassissimi e nessun controllo circa i pesticidi e sostanze chimiche che non hanno nulla a che vedere con il tè, leggete sempre da dove proviene il tè che comprate ed evitate le miscele a prezzi molto bassi e quelle recanti scritte come Extra UE.

Oltre che berlo, quali usi possiamo fare del tè nero?

  • Possiamo usarlo con lo shampoo per fortificare i capelli, o in una maschera con l’hennè per scurirli. Potete anche applicarlo sui capelli e lasciarlo agire per almeno 20 minuti quindi risciacquarlo.
  • Occhiaie o occhi gonfi oppure orzaiolo? Un classico rimedio della nonna: bustine di tè fredde da tenere in posa almeno dieci minuti.
  • Una tazza di tè freddo dopo la pulizia del viso è un ottimo tonico per la pelle.
  • Unito all’argilla forma una buona maschera rassodante in tutto il corpo, sulle cosce con un apposito fango aiuta a ridurre la cellulite. Aggiunto a limone e farina d’avena da vita ad una maschera ottima contro la pelle grassa. Con miele e yogurt bianco idrata e rinfresca la pelle.
  • Dopo la doccia in unione ad un olio vegetale (mandorle ad esempio) aiuta a nutrire la pelle e mantenere l’abbronzatura.

Quali altri rimedi naturali conoscete con il tè nero?


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close