Home » Mamma » Gravidanza » Test di gravidanza, quando farlo e come funziona
Test di gravidanza, quando farlo e come funziona per sapere se sei incinta. Scopri quando fare il test di gravidanza, come funziona, quanto costa, quale ha il prezzo più basso e qual è il migliore test di gravidanza fai da te.

Test di gravidanza, quando farlo e come funziona

Il test di gravidanza può essere fatto comodamente tra le pareti di casa. Si acquista in farmacia per pochi euro e ci dice, con un certo margine di errore, se siamo incinte oppure no. Un comodo stick che rileva grazie all’urina il nostro stato. Ma come funziona il test di gravidanza, quando farlo e come? E’ davvero sufficiente per capire se stiamo aspettando un bambino? Tutto ciò che c’è da sapere sul test di gravidanza, in questo articolo!

Il test di gravidanza viene fatto dalle donne che sospettano di essere incinte, di solito alcuni giorni dopo il ritardo delle mestruazioni. In realtà è più corretto di parlare di due diversi test di gravidanza. C’è lo stick che si acquista in farmacia, cioè l’analisi delle urine e l’esame del sangue. In questo articolo vi parlo di tutte e due le possibilità. Lo scopo di tutti questi test è quello di individuare all’interno di urine o sangue, la presenza di Beta HCG. E’ un ormone che di sicuro avete già sentito nominare. E’ chiamano infatti ormone della gravidanza ed è prodotto da quella parte di embrione che da la vita alla placenta. Solo quando l’embrione si impianta nell’utero inizia la sintesi, quindi circa una settimana dopo il concepimento.

Quando fare il test di gravidanza

La breve spiegazione qui sopra relativa all’ormone dovrebbe aver già chiarito quando fare il test di gravidanza e quando no. Se lo stick che si acquista in farmacia o gli altri due tipi di analisi dipendono dalla presenza dell’ormone Beta HCG e questo non è presente prima di una settimana da quando il concepimento è avvenuto, è chiaro che non potete fare il test uno o due giorni dopo dal rapporto non protetto, anche se questo c’è stato durante il periodo fertile.

Dovete sempre aspettare una settimana e magari, qualche giorno in più. L’ideale in realtà è non lasciarsi condizionare troppo dall’idea del bambino e aspettare le mestruazioni. Se queste ritardano qualche giorno (e voi di solito avete un ciclo regolare), allora è il momento buono per fare il test.

Più aspettate meglio il test di gravidanza rintraccia la sua presenza e meno margini di rischio ci sono. La sua concentrazione considerate che raddoppia ogni due giorni nelle prime settimane della gravidanza!

Questo ormone può essere rilevato sia nel sangue che nelle urine, perché non appena il corpo lo produce lo butta nel flusso ematico e da qui poi viene eliminato e perciò riconosciuto nelle urine.

Stick per le urine, come funziona?

Lo stick è il metodo prediletto, anche se poi il ginecologo richiede sempre le analisi del sangue per avere conferma. Questo perché il test di gravidanza a uso domestico può essere acquistato tranquillamente in un qualsiasi supermercato o in una farmacia. Non c’è bisogno di andare all’ospedale, cosa che mette sempre un po’ di ansia, e nemmeno di render nota la cosa ad anima viva. Basta comprare lo stick, fare un po’ di pipì sulla striscia dello stick per pochi secondi e dopo 3 o 4 minuti leggere sulla finestrella di controllo il responso.

Se lo desiderate potete farlo già dal primo giorno di ritardo. Di solito però è meglio aspettare qualche giorno, specialmente se non avete un ciclo particolarmente regolare. Non dovete rispettare particolari regole. Non è vero che dovete farlo per forza la mattina, va bene in qualsiasi momento della giornata, e non è vero che non dovete bere prima di farlo. Se l’HCG è presente, il test lo individua ugualmente!

Questo test ha un’attendibilità del 99%. Se la seconda linea appare, anche in modo tenue, sulla finestrella di contorno, vuol dire che c’è una gravidanza in corso. Se invece non appare, vuol dire che non siete incinte. Ricordatevi però di rispettare i tempi. Se la fate troppo presto e quindi non c’è ancora HCG, potreste ottenere un falso negativo. Perciò potreste credere di non essere incinte, quando in realtà lo siete.

Quanto costa il test di gravidanza?

Dipende ovviamente da quale volete acquistare. Vi offro alcuni suggerimenti. Uno dei più famosi è Clearblue. Un solo stick costa 7 euro. Se volete la confezione doppia, per lo stick di controllo, dovete pagare 14€. L’azienda recentemente ha messo in commercio anche Clearblue in modalità digitale, il costo per la confezione singola è di 12€. C’è First response, esiste solo la versione singola tradizionale al costo di 9€. C’è poi analysis, un solo test di gravidanza a 8€. Costa invece 15€ se volete quello con il doppio stick. Ci sono poi gli stick canadesi, commercializzati come Wondfo, costano pochissimo, circa 10 o 20 centesimi. Potete comprarli online. Sono sensibilissimi all’ormone ma comunque dovete far attenzione perché per essere letti occorre sapere come fare, non sono uguali ai test a cui siete abituate.

Test delle urine in laboratorio

Vi ricordo che potete decidere anche di fare il test delle urine in laboratorio ma, contando che la stessa sensibilità e gli stessi tempi da rispettare, non ha senso farlo dopo il test preso in farmacia. A questo punto dovete invece passare alle analisi del sangue.

Test delle urine digitale e precoce

Parliamo adesso di altri due test di gravidanza. Uno è quello digitale e uno è quello precoce. Il primo funziona come un qualsiasi test di gravidanza, cioè dopo aver fatto la pipì sulla striscia di carta dello stick si attende 3 o 4 minuti. Diverso è il risultato. Compare direttamente la scritta “incinta” o “non incinta”. Se invece nel fare il test avete commesso qualche errore, la cosa viene evidenziata con dei simboli. Molti di questi test dicono anche a quale settimana di gravidanza siete. Tuttavia non è un’informazione utilissima visto che comunque sarà il ginecologo, durante la prima ecografia, a darci questa notizia e calcolare la data presunta del parto!

C’è poi il test precoce, da alcuni anni messi in commercio. Sono molto più sensibili di quelli tradizionali e sembra però che possono individuare la presunta gravidanza già 4 giorni prima dell’arrivo delle mestruazioni. Secondo gli esperti comunque non ha particolarmente senso visto che non costa niente aspettare qualche giorno in più, risparmiando tra l’altro diversi euro. Come vedremo nel paragrafo successivo poi, per le gravidanze a rischio la cosa migliore da fare è l’analisi del sangue.

Le analisi del sangue come test di gravidanza

Fare le analisi del sangue è molto semplice. Tutto quello che dovete fare è andare all’ospedale oppure prendere appuntamento in una clinica privata. Una volta eseguito il prelievo, entro 24 ore sapete la risposta. E’ un esame molto precoce, infatti rintraccia la presenza dell’ormone già dopo 8 giorni dal concepimento.

Di solito comunque non è necessario fare un test così presto e la maggior parte delle donne decide di farlo solo dopo aver avuto conferma dal test delle urine di essere incinte. E’ da preferire però in alcuni casi, cioè per esempio da quelle donne che in passato hanno avuto aborti ripetuti, così è possibile monitorare subito la gravidanza. Oppure chi ha avuto una o più gravidanze extrauterine in passato, così si capisce subito se l’embrione si è annidato nel posto giusto. Questo perché solo quando l’embrione è ben impiantato il trofoblasto può produrre la giusta quantità di HCG, aumentando poi in modo costando. Infine, devono sottoporsi il prima possibile alle analisi del sangue le donne che si sono sottoposte alla fecondazione assistita. Questo perché, in caso di gravidanza, la terapia ormonale deve essere sospesa.

Il risultato del test di gravidanza attraverso il sangue è sicuro al 100%. Chiaramente occorre però attendere quei pochi giorni dalla presunta data del concepimento.

Concludiamo con l’ecografia

Per concludere il quadro, a confermare il test di gravidanza e le analisi del sangue arriva la prima ecografia, una delle più emozionanti. E’ lei che vi mette in contatto per la prima volta con il vostro bambino! Viene eseguita nel primo trimestre. Se la fate a 6 o 7 settimane tutto quello che vedete è un fagiolino con un cuore pulsante. Se invece aspettate, anche 10 settimane, potete vedere il vostro bebè in miniatura.

Grazie a questa ecografia potete capire quanti sono i feti presenti e perciò sapere se si tratta di una gravidanza gemellare. Permette di sapere la data accurata del concepimento e perciò stabilire quella del parto. Se la fate a 11 o 12 settimane, ecco che potete vedere se ci sono eventuali anomalie. Se a quest’espoca sono già presenti, possono essere molto importanti. In questo caso vengono fatte analisi ulteriori. Rileva anomalie importanti al livello del cuore, del cervello, della vescica, dello stomaco, degli altri.

Conclusioni sul test di gravidanza

Bene, come avete potuto capire il test di gravidanza per le urine che acquistate in farmacia offre un responso corretto nel 99% dei casi. La cosa importante è che aspettiate il giusto tempo prima di farlo. Le analisi del sangue sono più precise e riescono a mostrarvi la gravidanza in corso già dopo una settimana dal concepimento (presunto o reale) e sono consigliate per le gravidanze a rischio. Una volta appurato lo stato interessante, ecco che c’è da concordare la prima ecografia, durante la quale sentirete per la prima volta il cuore del vostro bambino battere!

Autore Sara Conti

mm

Appassionata di estetica e benessere, da anni mi aggiorno seguendo corsi e studiando per saperne sempre di più. Amo viaggiare e mentre lo faccio, scrivo di tutto ciò che mi appassiona e ritengo interessante. Qui su Portale Benessere mi occupo principalmente di maternità e fertilità.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close