Home » Alimentazione » Piante officinali » Timo: proprietà, benefici per la salute, utilizzi e controindicazioni
timo proprietà benefici controindicazioni effetti collaterali
Timo: proprietà, benefici e controindicazioni. Scopri le proprietà del timo, i benefici per la salute, tutti gli utilizzi in cucina e come rimedio naturale, le controindicazioni e gli effetti collaterali.

Timo: proprietà, benefici per la salute, utilizzi e controindicazioni

Molti credono che il timo sia una pianta aromatica da utilizzare solo in cucina, per condire la carne o le patate, in realtà questa pianta è anche un ottimo rimedio naturale per via delle sue benefiche proprietà.

Timo: caratteristiche generali

Il nome botanico “Thymus” deriva dal greco e significa “forza” o “coraggio”, in termini popolari è conosciuto anche come erbuccia o sermollo. Fa parte della famiglia delle Lamiaceae e si presenta come una pianta arbustiva, perenne, che raggiunge in altezza il mezzo metro al massimo. Il fusto è legnoso, le foglie piccole color verde argento che formano un cespuglio molto compatto. I fiori sono bianco-rosa raggruppati in spighe appaiono in marzo e si raccolgono in piena fioritura. I frutti sono degli acheni.

Le proprietà medicamentose del timo erano già note agli egizi, che lo utilizzavano per le imbalsamazioni. I greci utilizzavano questa pianta per preparati balsamici a base di miele ed anche per cosmetici.

Da un uso romano arriverebbe la credenza popolare per cui bere infusi di timo infonderebbe coraggio. Ma vi è un’altra curiosità che riguarda questa pianta: mettendo un sacchetto contenente le foglie sotto il cuscino, si allontanerebbero gli incubi, tale credenza si diffuse nel Medioevo ma permane tutt’ora. Sempre nel Medioevo, le dame ricamavano piante di timo nelle insegne dei cavalieri come segno di buona fortuna. Inoltre, anticamente, questa pianta era utilizzata anche per purificare l’aria, per conservare gli alimenti e per produrre collutori e dei deodoranti naturali.

Varietà di timo

Abbiamo diverse varietà di timo:

  • Thymus vulgaris;
  • Thymus serpillum o timo cedrato;
  • Thymus Herba Barona dall’aroma simile al cumino;
  • Thymus citriodorus dall’aroma simile a quello.

Coltivazione del timo

Se lo si vuol coltivare si tenga presente che mal sopporta il freddo. Si semina in marzo e si trapianta, in caso di spostamento, in autunno provvedendo alla pacciamatura delle radici. La durata della coltura è di 4 anni al massimo. Non va concimata spesso. Della pianta si usano foglie e fiori per ricavarne rimedi naturali e l’olio essenziale (le foglie basali son più ricche di essenze). Foglie e fiori si essiccano all’ombra, in un luogo ventilato

Timo: proprietà e benefici per la salute

Dunque il timo è una pianta medicinale, utile come rimedio per diversi mali. Sicuramente fra le spezie lo avete anche voi, avete mai pensato che lo si possa usare come medicina naturale?

Se vi state domandando come sia possibile, ecco l’elenco dei principi attivi che possiede:

  • oli essenziali: carvacrolo, p-cimene, borneolo, timolo, litanolo e pinene;
  • vitamine B1, B2, B3, B5, B6, A e C;
  • flavonoidi;
  • minerali: potassio, calcio, sodio, fosforo, ferro, magnesio, zinco, rame e manganese;
  • aminoacidi: leucina, isoleucina, lisina, treonina, valina e triptofano.

Quali sono dunque le proprietà del timo?

In primis aiuta tantissimo la gola irritata ed i disturbi del cavo orale, in quanto antisettico. Va da sé che dunque sia consigliato contro tosse, raffreddore, mal di gola e sintomi influenzali.

In particolare, sono da accennarsi gli ottimi risultati che questa pianta apporta nella cura contro le malattie asmatiche, non solo è utile anche per disinfettare l’apparato urinario.

Anche lo stomaco beneficia dei rimedi a base di timo, che è carminativo ed aiuta contro la dispepsia e per contrastare l’inappetenza.

Questa pianta ha anche proprietà antimicotiche difatti è ottimo per combattere funghi e batteri.

Può essere anche un buon rimedio contro la cefalea, in quanto antiinfiammatorio.

Espettorante: è una delle qualità più note del timo che è un buon rimedio naturale contro la tosse grassa.

Antistress e calmante: giornata pesante? Nervi a fior di pelle? Ci vuole un bel massaggio con l’olio di timo oppure un bagno caldo con l’essenza di timo.

Antiage, difatti previene i danni dei radicali liberi.

Ha inoltre proprietà toniche: rafforza le difese immunitarie ed il sistema nervoso.

Aiuta a regolare la pressione ed il colesterolo, proteggendo l’apparato cardiovascolare.

Applicato alle ferite, l’olio di timo, agevola una veloce cicatrizzazione.

E’ utile anche contro i reumatismi essendo antireumatico.

Non è tutto: se si soffre di ciclo irregolare e doloroso o se si hanno problemi di forfora, di caduta dei capelli e pelle grassa, si troverà nel timo un ottimo alleato. Infine è un ottimo disinfettante.

Il timo quindi è:

  • antisettico
  • antispasmodico
  • antimicotico
  • carminativo
  • antinfiammatorio
  • espettorante
  • antiage
  • tonificante
  • regolarizzante
  • cicatrizzante
  • antireumatico
  • disinfettante

Timo: tutti gli utilizzi

Oltre ad essere usato in cucina per per insaporire i nostri piatti, questa pianta si può usare come rimedio naturale contro diversi disturbi.

ATTENZIONE: ricordo a chi legge che questo articolo ha uno scopo informativo, non è pertanto da considerarsi una prescrizione medica. Prima di assumere rimedi a base di timo, consultare il proprio medico di famiglia.

La tisana di timo è un rimedio naturale che si può utilizzare per molteplici problemi.

Ingredienti della tisana:

  • 2 cucchiaini di foglie di timo secco
  • un bricco d’acqua

Bollire per una decina di minuti, filtrare e bere.

La tisana calda di timo è ottima contro:

La tisana di timo fredda è utile come:

  • collutorio
  • disinfettante (in caso di mastite ad esempio ci si può disinfettare il capezzolo)
  • infuso contro forfora e per rinforzare i capelli
  • tonico contro acne

L’olio essenziale di timo è ottimo come antimicotico, defaticante, lo si può aggiungere all’aceto ed annusare il tutto contro la cefalea o da massaggiare nei punti doloranti.

L’olio essenziale non si usa mai puro masempre diluito in un altro olio vegetale.

Timo: controindicazioni ed effetti collaterali

ATTENZIONE: un uso eccessivo di timo può comportare degli effetti collaterali, come nausea, vomito, aritmia, astenia, difficoltà respiratorie, orticaria e abbassamento della temperatura corporea.

Non è indicato in gravidanza, nei bambini, durante l’allattamento ed in soggetti allergici nei quali può causare rash cutaneo.

L’olio essenziale è per esclusivo uso esterno.

I rimedi naturali a base di timo sono sconsigliati in soggetti che hanno problemi di tiroide.

Prima di assumere rimedi naturali a base di timo chiedere consiglio al medico di famiglia.

Che cosa ne pensate del timo? Conoscevate tutte queste sue proprietà? Lo avete mai usato come rimedio naturale oltre che per insaporire i cibi?

Autore Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *