venerdì, Febbraio 23 2024

Chirurgia estetica: le tecniche, i prezzi, a chi affidarsi e le varie tipologie esistenti

Migliorarsi e piacersi, oggi, è sicuramente uno degli obbiettivi maggiori dell’essere umano nella società moderna.

Ma questo non vuol dire stravolgere la nostra figura o cambiare completamente la nostra estetica; difatti, quando si parla di “miglioramento estetico”, seppur attraverso tecniche di chirurgia plastica estetica differenti, si parla di conservare ciò che abbiamo di più naturale ed eliminare solamente i difetti più evidenti.

Ma vediamo ora come lavora la chirurgia estetica sul nostro corpo: le tecniche, i prezzi, a chi affidarsi e le varie tipologie esistenti oggi.

 

Chirurgia estetica: le tecniche

Le tecniche relative alla chirurgia estetica e alla chirurgia plastica sono molteplici, questo perché tutte strettamente legate alle necessità totalmente personali e soggettive di ogni paziente.

Con tecniche chirurgiche all’avanguardia, oltre che l’affidabilità del personale medico, si possono raggiungere tutti gli obbiettivi di bellezza estetica richiesti, correggendo quelli che sono i principali inestetismi indesiderati del nostro corpo e mantenendo, allo stesso tempo, la naturalezza di tutte le parti.

Perché la chirurgia estetica, soprattutto lì dove operata con passione e dedizione, deve migliorare non solo l’estetica del paziente, ma anche la consapevolezza dello stesso che riesce a vedersi e a sentirsi meglio.

 

Chirurgia estetica: i prezzi

Così come le tecniche di chirurgia plastica ed estetica sono molteplici, anche i prezzi variano.

Questo perché ogni visita e valutazione, se accurata ed eseguita da specialisti idonei del settore, fornisce risultati e richieste d’interventi differenti. Sono infatti le caratteristiche di ogni paziente, oltre che le differenti esigenze, che influenzano il trattamento da fare.

Complessivamente, il prezzo è legato a:

  • Area da trattare;
  • Difetto corrispondente;
  • Materiali da utilizzare;
  • Tecnica scelta;
  • Richieste specifiche del paziente;

Ma non solo, difatti, quando si parla di fasce di prezzo, è importante anche considerare altri elementi, quali: esperienza dello specialista in questione, garanzia di un ambiente sanitario idoneo e perfettamente sicuro e che rispetti i parametri di sterilità di legge.

 

Chirurgia estetica: a chi affidarsi

Sappiamo quanto i postumi d’interventi generici, estetici nello specifico, abbiano bisogno di essere seguiti nella maniera più idonea, così come sappiamo che potrebbero insorgere problematiche post operatorie; è per questo che bisogna sempre affidarsi a personale adatto al fine di evitare complicanze successive che potrebbero danneggiare la salute.

Perciò, quando si cerca il miglior chirurgo, come ad esempio nella zona della Chirurgia estetica Roma, bisogna sempre far riferimento a:

  • Curriculum del chirurgo in questione;
  • Caratteristiche della clinica in cui opera;
  • Materiali che utilizza nello specifico;

Difatti è la figura del chirurgo a stabilire l’esperienza e, va da sé, il vero nodo centrale della questione affidabilità.

 

Chirurgia estetica: le varie tipologie esistenti

Le tipologie di interventi di chirurgia plastica estetica sono 3 e riguardano le differenti zone di:

  • Viso;
  • Seno;
  • Corpo;

A sua volta, ogni tipologia di intervento, si divide in sottogruppi differenti.

Ad esempio, quando parliamo di interventi dedicati interamente all’area del viso, abbiamo a che fare con:

  • Lifting: al fine di correggere rilassamento cutaneo e sottocutaneo;
  • Blefaroplastica: Correggere l’eccesso di pelle delle palpebre superiori e/o inferiori;
  • Lipofilling: iniezioni di grasso corporeo del paziente stesso, in un’altra area interessata al trattamento;
  • Minilifting: ringiovanimento di zone specifiche del viso;
  • Rinoplastica: correggere e modellare la forma del naso;
  • Otoplastica: modificare la forma delle orecchie;
  • Plastica degli zigomi;
  • Mentoplastica: al fine di aumentare o ridurre la forma del mento, agendo sul tessuto molle e/o sulla parte ossea;
  • Micro impianti di capelli: si tratta di una tecnica che prevede l’infoltimento dei capelli prendendone altri da zone non soggette ad alopecia, quindi più ricche, e andare ad inserirli nelle parti rade;

Mentre, per quanto riguarda la zona del seno, abbiamo 3 sole tipologie di interventi:

  • Mastopessi: per il riposizionamento e rimodellamento di un seno cadente;
  • Mastoplastica additiva: per aumentare il volume del seno;
  • Mastoplastica riduttiva: per ridurre il volume del seno;

Per finire, abbiamo poi le tipologie di interventi di chirurgia estetica dedicati al corpo:

  • Addominoplastica: rimodellamento dell’addome, eliminando grasso e pelle in eccesso;
  • Lipoaspirazione: aspirare via, tramite cannule apposite, il grasso corporeo situato in diverse parti del corpo;
  • Gluteoplastica additiva: per aumentare il volume dei glutei;
  • Lifting crurale: per eliminare l’eccesso cutaneo nell’interno coscia;
  • Lifting brachiale: per eliminare il grasso o il tessuto di rilassamento cutaneo nelle braccia;
  • Ginecomastia: al fine di risolvere l’insolito aumento di volume della ghiandola mammaria maschile;
  • Chirurgia dell’intimo: al fine di rimodellare le simmetrie e le proporzioni degli organi intimi;
  • Cura dell’iper-sudorazione: che prevede la scelta tra un intervento chirurgico, tramite asportazione della zona contenente la maggior parte delle ghiandole sudoripare, oppure una tipologia d’intervento non chirurgica, che prevede invece l’iniezione in loco di tossina botulinica, che però risolve il problema solo per un periodo limitato di tempo (circa 4 mesi);

 

 

 

 

 

Previous

La nutraceutica: sostanze naturali per capelli sempre belli

Next

Qual è la posizione migliore per dormire?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe Interessarti Anche