martedì, Giugno 18 2024

Un gatto che non mangia e beve desta preoccupazione, soprattutto se questo comportamento si verifica all’improvviso e senza una causa evidente. I nostri amici felini sono abituati a celare eventuali segni di malattia, per cui è molto difficile capire se il nostro gatto sta vivendo uno stato di malessere.

È molto importante consultare il veterinario ai primi segnali insoliti, per sottoporlo a una visita e valutare l’eventuale presenza di un problema di salute.

Perché il gatto non mangia?

La perdita di appetito nei gatti, nota come “anoressia” o “iporessia” può derivare da diverse cause. Spesso, il gatto può rifiutare il cibo a causa di disagio gastrico provocato da cibo avariato, dolci o oggetti estranei come boli di pelo.

L’iporessia può anche essere legata a abitudini alimentari selettive, cambiamenti nella dieta o stress emotivo dovuto a fattori come traslochi o separazioni dal proprietario.

Problemi dentali, parassiti, infezioni respiratorie, allergie alimentari, tossine, corpo estraneo ingerito o effetti collaterali dei farmaci, sono altre possibili spiegazioni.

In alcuni casi, la perdita di appetito può essere un segnale di condizioni mediche sottostanti come malattie renali, epatiche, ipertiroidismo, diabete o cancro. Un’attenta valutazione veterinaria è essenziale per identificare la causa e scegliere il trattamento migliore.

Perché il gatto non beve?

Se il gatto beve poco o non beve, la causa potrebbe essere legata a un cambiamento alimentare. Ad esempio, se forniamo cibo umido o con un più elevato contenuto di umidità, il gatto potrebbe assumere meno acqua durante la giornata. Ed è assolutamente normale.

Se invece, mangia poco e beve più del solito, potrebbe essere il segnale di un problema di salute, in particolare di un’insufficienza renale o del diabete.

Cosa fare se il gatto non mangia e non beve

Il gatto non può rimanere senza cibo per più di 4 giorni a causa del rischio di lipidosi epatica, una condizione medica grave caratterizzata da un accumulo eccessivo di grassi nel fegato.

Questo disturbo può verificarsi quando un gatto smette improvvisamente di mangiare o riduce drasticamente l’apporto alimentare, spesso a causa di anoressia o perdita di appetito prolungata.

La condizione è frequente soprattutto nei gatti obesi e può causare insufficienza epatica oppure disidratazione grave, se il gatto non beve.

Quindi cosa fare se il gatto non beve o non mangia più?

  • Se il gatto non gradisce il cibo, va cambiato gradualmente. Il passaggio deve avvenire in modo progressivo, anche nel caso in cui sia necessario modificare l’alimentazione per motivi di salute.
  • Fare attenzione anche alle quantità di cibo, che potrebbe essere eccessivo rispetto al suo fabbisogno.
  • Controllare che le ciotole siano posizionate in zone libere e pulite. I gatti sono attenti all’igiene e non amano ambienti sporchi o con forti odori.
  • Verificare che non ci siano ostruzioni provocate dalle palle di pelo.

Il gatto può anche mangiare meno in base alla stagione, in particolare, in estate. Se il micio è anziano, può ridurre la quantità di cibo ingerita durante la giornata, poiché non ha più bisogno di molta energia per muoversi e correre.

È molto importante osservare anche il comportamento del gatto, se è annoiato e apatico, potrebbe soffrire di depressione e, di conseguenza, anche mangiare e bere meno.

In questo caso, bisogna cercare di comprendere il suo disagio, stargli più vicino possibile e aiutarlo a superare il momento.

Nei casi peggiori, ovvero in presenza di malattie, sarà il veterinario a prescrivere il piano terapeutico da seguire per risolvere il problema.

Previous

Lo zenzero fa male? Ecco quando evitarlo

Next

Macchia o puntino rosso nell’occhio: di cosa si tratta?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe Interessarti Anche