venerdì , 22 settembre 2017
Home » Rimedi Naturali » Influenza: cause e rimedi naturali
influenza rimedi naturali

Influenza: cause e rimedi naturali

Cause, sintomi e rimedi naturali contro l’influenza, ovvero conoscerla e saperla affrontare senza ricorrere subito ai farmaci se si tratta di un caso lieve.

Che cosa scatena l’influenza? Quali sono le prime avvisaglie? Come si corre ai ripari naturalmente? Scopritelo insieme a noi.

Arriva l’autunno, e puntualmente si ricomincia a parlare di influenza. Tuttavia, prima di parlarvi delle peculiarità dell’influenza che sta arrivando, ci piace ricordarvi che qualunque patologia infettiva virale stagionale (i malanni da raffreddamento classici) può essere opportunamente combattuta, e anche prevenuta, attraverso rimedi naturali e uno stile di vita volto al rafforzamento del nostro sistema immunitario.

Influenza: le cause

La causa dell’influenza è un virus, di cui esistono tre classi: A, B, C.

  • il virus A provoca le epidemie stagionali e pandemiche dell’uomo e degli animali;
  • il virus B provoca delle piccole epidemie e si trova in circolo solo nell’uomo, soprattutto nei bambini;
  • il virus C è responsabile di infezioni che non presentano sintomi e non scatenano epidemie, si trova in circolo esclusivamente nell’uomo.

Il virus A è fra i più noti, ne abbiamo sentito parlare spesso in televisione, perchè si trasmette dall’animale all’uomo, in particolare lo si riscontra in polli, cavalli, foche, gatti, maiali, tigri e cani. Il virus si trasmette tramite la saliva con la tosse o gli starnuti che va colpire le mucose di chi è a stretto contatto. Nel passaggio fra uomo ed animali o fra gli animali stessi si ha la formazione di virus nuovi che riescono ad infiltrarsi nell’uomo quando raggiungono l’adattabilità umana, in tal senso si evolvono e la trasmissione può avvenire anche da uomo a uomo. Ecco perchè inizialmente non si viene colpiti tutti insieme dal virus, la sua compatibilità con l’uomo non è ancora perfezionata. Fa eccezione l’aviara che fino ad ora può esser trasmessa solo da animale ed uomo, non da a uomo. L’incubazione del virus può durare dai quattro ai sette giorni ma il contagio può avvenire anche il primo giorno.

Per evitare dunque che si venga colpiti dall’influenza solitamente si fa il vaccino, su cui però occorre sempre ben informarsi.

Esiste la credenza che sia il tempo a farci ammalare, ovvero il cima freddo ma in realtà influenza e clima sono correlati in modo diverso, L’influenza arriva solo tramite contagio del virus, chiaramente stando in inverno in luoghi chiusi, caldi e asciutti, il virus prolifera e si diffonde più facilmente, il freddo inoltre abbassa le difese immunitarie.

Influenza: sintomi

Bene o male tutti siamo in grado di capire quando siamo stati colpiti dall’influenza o da magari un banale raffreddore. La sintomatologia dell’influenza comporta: dolori muscolari, brividi, febbre che può essere lieve (37°) o grave (41°), mal di testa, spossatezza, arrossamento degli occhi, tracheite nausea, tosse, raffreddore, naso chiuso, vertigini, naso che cola, sudorazione, perdita dell’appetito, stato confusionale e respiro corto. I sintomi durano sette giorni in linea di massima, si possono protrarre nei bambini.

Quali sono le categorie più a rischio di contrarre l’influenza?

Gli anziani, quindi le persone che hanno superato i cinquant’anni, i bambini ed i neonati, dai 6 mesi ai 2 anni, le donne in stato di gravidanza e chi ha sofferto di malattie croniche. In questi casi l’influenza non va mai sottovalutata. Nei casi di precedenti malattie croniche, l’influenza può costituire l’anticamera per ulteriori gravi complicazioni quali: polmoniti, encefaliti, broncopolmoniti ed infezioni varie.

Come si distingue in questi casi una semplice influenza da una complicazione? Sempre in base alla sintomatologia. In questo caso dopo una fase in cui la febbre scompare, ritorna in fase acuta, si riacutizza la tosse che diventa grassa, secrezioni dense, dolore intenso alle orecchie, mal di testa e rigidità del collo, respiro molto affannoso e doloroso, spossatezza ed indebolimento.

Influenza: rimedi naturali

Cosa fare in caso d’influenza? Ecco i rimedi naturali da mettere in atto per far fronte ai fastidiosi sintomi dell’influenza. E’ importante ricordare che la febbre ha una funzione, così come la sudorazione servono a debellare virus e tossine, ma è bene che la febbre non superi i 38° ed è bene se si suda non esporsi a correnti d’aria, ad umidità e non bere liquidi freddi.

Quando la temperatura aumenta e passa i 38° è il caso di fare delle spugnature di aceto, nei polsi e nella nuca, eventualmente si possono poggiare anche delle pezze fredde sulla fronte. Se la febbre non scende occorre rivolgersi al medico.

E’ molto importante bere, assumere liquidi, anche zuccherati, che aiutino a rimanere in forze ed idratati. Anche il cibo dev’esser preferibilmente liquido per non affaticare l’organismo, come il brodo di pollo caldo che è un ottimo ricostituente ed è meglio consumare molta frutta e verdura. Fra i cibi che sono consigliati durante l’influenza abbiamo: riso in bianco bollito, budino di riso, frutta cotta, patate bollite o al forno, mele, banane e zuppe di verdure.

In caso di tosse e raffreddore è bene fare dei suffumigi balsamici e bere una tazza di latte caldo con miele e cannella.

Il migliore fra i rimedi naturali contro l’influenza è senza dubbio il riposo, stare a letto aspettando che i sintomi passino.

Alle prime avvisaglie di sintomi d’influenza inoltre si possono preparare delle tisane antibiotiche a casa. Si possono usare aglio, scorza di limone e zenzero: basta prendere uno spicchio d’aglio, lavarlo, non mondarlo, e metterlo a bollire con tre fettine di zenzero e la buccia di un limone. Quindi filtrare, dolcificare con il miele e bere. Oppure si può fare una tisana con tre fichi secchi tagliati, ottima in caso di abbondanti secrezioni.

Se l’influenza comporta fastidi a stomaco ed intestino allora si può provare con l’acqua e alloro, si prendono 4 foglie di alloro che si fanno bollire per un quarto d’ora in un bricco d’acqua, lasciar riposare dieci minuti, filtrare e bere.

In alternativa si può provare uno dei classici rimedi della nonna, il decotto di sambuco. Si prendono, in erboristeria, 50 gr di fiori di sambuco che si fanno bollire in mezzo litro d’acqua con la scorsza di mezzo limone. Si filtra, si dolcifica e si beve.

Meno noto ma altrettanto efficace è lo spicchio d’aglio pestato e messo nel latte caldo dolcificato con il miele, molto efficace.

Un altro rimedio naturale contro l’influenza consiste nel fare un pediluvio d’acqua calda in cui si sono sciolti oli essenziali balsamici o di lavanda.

Bisogna ricordare che non occorre abusare dei farmaci, ma se la situazione si fa critica è bene non ignorare il parere del medico, soprattutto nel caso il soggetto ammalato sia un bambino oppure un anziano. I rimedi naturali fanno bene ma vanno somministrati con criterio insieme ad un’adeguata terapia.

Autore Redazione Portale Benessere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close