Home » Salute » Blefaroplastica: cos’è, a cosa serve, come si esegue, rischi e costi
Blefaroplastica: cos'è, a cosa serve, come si esegue, rischi e prezzo. La blefaroplastica è la procedura di chirurgia estetica dedicata alla correzione degli inestetismi delle palpebre.

Blefaroplastica: cos’è, a cosa serve, come si esegue, rischi e costi

Blefaroplastica, trattasi di un intervento molto popolare insieme al lifting. In cosa consiste? Qual è il suo scopo? Ci sono dei rischi? Quanto costa un intervento di blefaroplastica?

Non si tratta di un intervento particolarmente difficile, ma risulta molto utile, specie quando la vista e la mobilità oculare sono compromessi.

Chi vuole affrontarlo si pone tante domande, cerchiamo di rispondere a tutte.

Blefaroplastica: cos’è, a cosa serve e come si esegue

La blefaroplastica è un intervento che mira a ridurre la ptosi delle palpebre, non si tratta di una ragione esclusivamente estetica, ma anche funzionale.

Questo intervento può essere eseguito superiormente o inferiormente o entrambi a seconda dei casi.

Nella blefaroplastica superiore l’obiettivo è quello di eliminare l’eccesso cutaneo e adiposo accumulatosi per via dell’invecchiamento. Si esegue con una incisione la cui cicatrice è posizionata nella piega palpebrale e quindi normalmente non visibile. Dura circa 20 minuti.

La blefaroplastica inferiore ha l’obiettivo di ridurre il gonfiore con l’asportazione degli accumuli adiposi. Rimangono delle cicatrici lungo le ciglia quasi invisibili. Anche questo intervento dura 20 minuti.

Riassumendo, la blefaroplastica serve per:

  • eliminare la pelle in eccesso, sopra e sotto l’occhio
  • eliminare gli accumuli di adipe
  • togliere le borse sotto gli occhi

A seconda appunto della necessità si possono eseguire:

  • Blefaroplastica completa
  • Blefaroplastica della palpebra superiore
  • Blefaroplastica della palpebra inferiore
  • Blefaroplastica trans-congiuntivale
  • Blefaroplastica con rimozione del tessuto osseo

Perché si deve ricorrere alla chirurgia?

Inevitabilmente, con il passare del tempo, la zona del contorno occhi risente dell’età per questo le palpebre si appesantiscono.

Inoltre esistono dei fattori che aggravano il problema:

  • fumo
  • sovrappeso
  • poco sonno
  • alimentazione scorretta
  • il mancato uso di creme solari

Il rilassamento della cute attorno agli occhi non solo causa inestetismo ma anche difficoltà della vista e del movimento della palpebra.

L’intervento non è difficile, né lungo né doloroso ed il decorso post operatorio è abbastanza breve.

Si effettua in day hospital con sedazione anestesiologica.

Il chirurgo plastico procede con l’asportazione dei tessuti in eccesso senza coinvolgere gli occhi. Prima dell’operazione si esegue un disegno che ridefinisce le palpebre.

La sutura intradermica viene effettuata con fili chirurgici del diametro di un capello che vengono sfilati precocemente dopo quattro-cinque giorni, le cicatrici sono pressochè invisibili.

L’intervento può anche essere eseguito con il laser che incide con precisione lungo la linea naturale delle palpebre, ha inoltre un’azione fotocaougulante che favorisce la riduzione al minimo del sanguinamento.

Vediamo i vantaggi di questa tecnica:

  • anestesia locale
  • riduzione del sanguinamento
  • maggiore precisione nell’incisione
  • assenza di contatto fisico tra strumentazione chirurgica e tessuti
  • minore comparsa di ecchimosi ed edemi
  • convalescenza rapida

Blefaroplastica: cosa fare prima e dopo

Dopo l’operazione di blefaroplastica è necessario fare impacchi freddi, bene la camomilla che è lenitiva.

Si può optare per un collirio (chiedere al medico) in caso di irritazione e secchezza. Dormire con la testa leggermente sollevata per favorire la circolazione ridurre il gonfiore.

Evitare l’esposizione del viso al sole per almeno 40 giorni.

Non sforzare la vista e curare l’igiene. Evitare le saune. Non uscire se si tratta di giornate ventose.

Se dovessero verificarsi infezioni o particolari dolori forti ed infiammazioni avvisare subito il medico.

Le cicatrici sono pressochè invisibili ma chiaramente inizialmente possono causare fastidi.

Prima dell’operazione è necessaria una visita preliminare con il medico chirurgo che si occuperà di eseguire l’operazione. Il chirurgo valuterà la struttura ossea, la cute, la qualità del tessuto muscolare, il tipo di inestetismo e vaglierà le eventuali controindicazioni.

Prima dell’intervento sospendere i farmaci indicati, non fumare e non bere alcolici. Effettuare le visite e le analisi prescritte.

Evitare di assumere alcuni fluidificanti del sangue come l’aspirina, l’ibuprofene per 10 giorni prima dell’intervento.

Blefaroplastica: rischi e costi

Dopo l’intervento si può avvertire bruciore, secchezza, sensibilità alla luce (usare gli occhiali scuri) e visione distorta.

Fra le complicazioni abbiamo la difficoltà a chiudere completamente gli occhi nel sonno e questo può essere dovuto ad una cattiva cicatrizzazione. Vi sono poi i rischi correlati all’uso di anestetici e le infezioni.

L’intervento della blefaroplastica se non è per motivi esclusivamente estetici può essere mutuabile, in caso contrario, il prezzo della blefaroplastica si aggira fra i 2.000 ed i 7.000 euro.

Blefaroplastica: consigli utili

  1. affidatevi a strutture competenti, preferibilmente chiedete informazioni a chi ha già subito l’intervento ed ha avuto buoni risultati;
  2. l’età in cui ci si sottopone alla blefaroplastica solitamente va dai 35 agli 80 anni, ma a 35 anni è consigliabile avere un parere oggettivo, se il problema è di natura lieve e soprattutto estetico si può anche aspettare;
  3. se si esegue questo intervento è opportuno valutare se si necessiti anche del lifting;
  4. dopo l’anestesia si avverte del dolore per questo occorre chiedere al medico se è necessario assumere analgesici prima;
  5. gli ematomi compaiono nella prima settimana e possono persistere per 15 giorni circa inoltre vi è inizialmente difficoltà a chiudere gli occhi;
  6. non sforzare la vista soprattutto se è offuscata;
  7. si consiglia riposo per una decina di giorni;
  8. preferire lenti  contatto rispetto agli occhiali;
  9. se si ha avuto un recente intervento agli occhi bisogna informare il chirurgo;
  10. evitare di leggere e usare il pc dopo l’intervento;
  11. utilizzare gli occhiali da sole all’aperto e contro fonti di luce;
  12. evitare le fonti di calore.

Vi siete sottoposti ad un intervento di blefaroplastica? Cosa ne pensate?


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close