Home » Farmaci e Integratori » Momenxsin®: contro i sintomi del raffreddore.
Momenxsin®: foglietto illustrativo, generalità, composizione, uso, prezzo, controindicazioni ed effetti collaterali. Scopri per quali malattie si usa Momenxsin®, a cosa serve, come si usa, quando non dev'essere usato, le controindicazioni e gli effetti collaterali di Momenxsin®.
(proprietà dell'immagine: ACRAF S.p.A.)

Momenxsin®: contro i sintomi del raffreddore.

Momenxsin® è un farmaco utile contro i sintomi del raffreddore quali naso chiuso, mal di testa, e febbre.

GENERALITA’

Indicazioni:

  • Congestione nasale associata a cefalea o febbre.

Forma di somministrazione:

  • Compresse (confezione da 12 compresse).

Principi attivi: ibuprofene 200 mg, pseudoefedrina cloridrato 30 mg.

Eccipienti: Cellulosa microcristallina Calcio idrogeno fosfato anidro, Croscarmellosa sodica, Amido di mais, Silice colloidale anidra, Magnesio stearato, Ipromellosa, Macrogol 400, Talco, Titanio diossido (E171), Ossido di ferro giallo (E172).

Obbligo di ricetta:

  • Momenxsin® è un farmaco da banco, di libera vendita nelle parafarmacie e farmacie, senza obbligo di ricetta medica.

Prezzo di listino:

  • Momenxsin® 12 compresse, € 8,50.

*La spesa è detraibile dalla dichiarazione dei redditi.

Rimborsabilità del S.S.N.

Momenxsin® non è rimborsato dal S.S.N.

Azienda:

Angelini (ACRAF S.p.A.) – Roma.

(proprietà dell’immagine: ACRAF S.p.A.)

DESCRIZIONE

Raffreddore

E’ un’affezione virale che interessa le cavità nasali e la rinofaringe (la parte più alta della faringe), può interessare anche la rimanente parte della faringe (gola).

Il raffreddore si manifesta con lo starnuto; questi è un atto riflesso involontario che ha la funzione di eliminare gli agenti estranei dalle vie respiratorie.

I virus a contatto con le mucose nasali e faringee innescano la risposta infiammatoria difensiva (rinite e faringite) che si manifesta con i seguenti sintomi:

La risposta infiammatoria può estendersi anche nelle mucose dei seni paranasali (sinusite).

Momenxsin®

Il farmaco è utile come sintomatico per ridurre la rinorrea, la congestione nasale, il mal di testa e la febbre moderata.

Momenxsin® non ha alcuna azione sulla causa virale del raffreddore; l’affezione, in genere, si risolve spontaneamente se non aggravata da sovra-infezioni batteriche.

Nei casi in cui sia presente un solo tipo di sintomatologia (es. solo mal di testa, o solo naso chiuso) è preferibile ricorrere a farmaci specifici che abbiamo un solo principio attivo così da limitare gli effetti indesiderati.

Se sono presenti anche mal di gola e tosse è bene ricorrere a sintomatici più specifici.

LA SUA AZIONE

Momenxsin® contiene due principi attivi: ibuprofene e pseudoefedrina.

Ibuprofene

Questo principio attivo è un antinfiammatorio appartenente alla classe dei FANS (Farmaci Antinfiammatori Non Steroidei), cioè agli antinfiammatori non cortisonici. Come tutti i FANS, l’ibuprofene riduce la formazione delle sostanze pro-infiammatorie andando ad inibire l’azione dell’enzima ciclossigenasi.

Le sostante pro-infiammatorie hanno varie funzioni utili tra le quali stimolare la difesa immunitaria della parte colpita, stimolare la riparazione dei tessuti, “avvertirci” che c’è un problema di atto aumentando la nostra sensibilità al dolore.

Inibendo le ciclossigenasi (sia la I che la II) l’ibuprofene diminuisce lo stato infiammatorio delle mucose respiratorie e la nostra sensibilità al dolore.

Inoltre l’ibuprofene ha un’ottima azione antipiretica utile per abbassare la febbre; nel caso di Momenxsin® ci si riferisce a febbre moderata da trattare occasionalmente perché l’uso eccessivo determina effetti indesiderati importanti.

Pseudoefedrina

La pseudoefedrina è principio attivo “simpatico-mimetico”; la sostanza è infatti in grado di mimare le azioni del sistema nervoso simpatico, in particolare a livello dei vasi sanguigni.

Questo principio attivo è infatti un vasocostrittore, cioè produce il restringimento dei vasi sanguigni periferici; in questo modo limita la fuoriuscita dei fluidi dal sangue verso lo spazio extravasale: lo stato edematoso delle mucose naso-faringee e paranasali viene ridotto. Contestualmente la produzione di muco viene rallentata.

La pseudoefedrina produce inoltre un rilassamento della muscolatura liscia dei bronchi determinando così la loro dilatazione; questo effetto migliora la capacità respiratoria.

UTILIZZO

Momenxsin® è disponibile in compresse da deglutire intere, con acqua, secondo la seguente posologia:

  • Adulti, e ragazzi (di età superiore ai 15 anni): 1 compressa ogni 6 ore (laddove sia necessario).

Se i sintomi sono particolarmente severi possono essere assunte anche 2 compresse ogni 6 ore.

*In ogni caso la dose massima di 6 compresse nelle 24 ore non deve essere superata.

*La durata massima del trattamento deve essere limitata a 4 giorni negli adulti, ed a 3 giorni nei ragazzi (di età superiore ai 15 anni). Se si ravvisa la necessità del farmaco oltre questi limiti è bene consultare il medico.

*E’ preferibile l’assunzione durante i pasti.

POSSIBILI EFFETTI INDESIDERATI

Momenxsin® può arrecare i seguenti effetti indesiderati:

  • disturbi gastro-intestinali: indigestione, dolori addominali, nausea, vomito, diarrea o stipsi, flatulenza, sanguinamento, ulcera, colite, (in particolare negli anziani);
  • disturbi neurologici: capogiri, crisi convulsive, allucinazioni, disturbi comportamentali, agitazione, insonnia, cefalee, (in particolare nei bambini o negli anziani);
  • disuria e ritenzione urinaria, specialmente nei soggetti con problemi prostatici o all’uretra;
  • attacchi di asma, in particolare nei soggetti allergici;
  • ipertensione, tachicardia, palpitazioni, aritmie;
  • eruzioni cutanee o reazioni alle mucose o altri segni di ipersensibilità;
  • disturbi della vista.

N.B. Momenxsin® deve essere interrotto al comparire dei suddetti sintomi.

La fertilità femminile può essere alterata; tale effetto è reversibile alla sospensione del trattamento.

CONTROINDICAZIONI E CAUTELE

Consiglio

Nessun farmaco o integratore deve essere usato dietro consiglio di persone che non siano professionisti sanitari qualificati (farmacisti, medici, biologi, erboristi).

Non utilizzate farmaci o integratori dietro consiglio di persone non qualificate solo perché esse ne hanno avuto giovamento: ognuno di noi è un caso “unico” che può essere valutato solo da un professionista.

Pediatria – Gravidanza – Allattamento

Momenxsin® non deve essere assunto dai ragazzi di età inferiore ai 15 anni.

Momenxsin® non deve essere assunto in gravidanza o in allattamento.

Malattie in atto

Momenxsin® non deve essere assunto dai soggetti che hanno, o hanno avuto, le seguenti patologie:

  • ulcera peptica, emorragia o perforazione gastro-intestinale;
  • emorragia cerebrovascolare o di altra natura;
  • ictus o fattori predisponenti ad esso, infarto;
  • anomalie emopoietiche;
  • grave insufficienza epatica, o renale, o cardiaca;
  • gravi disturbi cardiovascolari, cardiopatie, ipertensione, angina pectoris, tachicardia;
  • ipertiroidismo, diabete, feocromocitoma;
  • glaucoma ad angolo chiuso o fattori predisponenti ad esso;
  • disturbi prostatici o dell’uretra che predispongano a rischio di ritenzione urinaria;
  • crisi convulsive;
  • Lupus eritematoso sistemico;
  • asma (utilizzare solo sotto controllo medico);
  • soggetti allergici (vedi “allergie ed ipersensibilità”).

Cautele

Precauzionalmente è bene consultare il medico prima di assumere Momenxsin® se ci si ritrova nelle seguenti condizioni:

  • disturbi della coagulazione del sangue;
  • ipertensione, cardiopatie, arteriopatie, disturbi cerebrovascolari;
  • problemi epatici e renali;
  • assunzione di diuretici;
  • pazienti ipovolemici o disidratati;
  • ipertiroidismo, diabete;
  • assunzione di farmaci antiemicranici;
  • malattia del tessuto connettivo mista;
  • psicosi;
  • gastrite, duodenite, colite ulcerosa, morbo di Crohn, ernia iatale.

In previsione di eventuali interventi chirurgici è bene avvertire il medico per valutare l’opportunità di sospendere Momenxsin®.

Altre cautele: doping, esami medici

La presenza di pseudoefedrina è motivo di positività al test antidoping.

La pseudoefedrina può falsare una eventuale scintigrafia.

Utilizzo prolungato: cefalea

L’utilizzo prolungato di antidolorifici per alleviare il mal di testa può, nel tempo, determinarne un peggioramento.

Allergie ed ipersensibilità

Si raccomanda di osservare la composizione insieme al farmacista, sia riguardo i contenuti attivi sia riguardo gli eccipienti. Non assumere il prodotto se siete soggetti allergici o ipersensibili ad uno dei componenti.

Si fa notare che, le manifestazioni allergiche e di ipersensibilità, possono comparire anche per l’assunzione di sostanze che sono SIMILI CHIMICAMENTE a quelle che dovreste evitare. Le persone con tendenza a queste reazioni devono quindi verificare anche la presenza di queste sostanze, insieme al farmacista o al medico.

* In particolare Momenxsin® non deve essere assunto dai soggetti che hanno avuto reazioni a seguito dell’uso di altri FANS; in questi casi è possibile un attacco acuto di asma.

* I pazienti che soffrono di allergie potrebbero avere broncospasmo.

INTERAZIONI CON ALTRE SOSTANZE

L’alcool può interagire con Momenxsin® aumentandone gli effetti indesiderati.

Momenxsin®, usato a lungo, potrebbe inibire l’azione dell’acido acetilsalicilico a basso dosaggio (es. Cardioaspirin®).

Va evitato l’uso contestuale di Momenxsin® ed altri FANS, inclusi gli inibitori selettivi della ciclossigenasi II.

Momenxsin® può interagire con altri farmaci:

  • corticosteroidi orali;
  • anticoagulanti ed antiaggreganti;
  • farmaci SSRI;
  • altri vasocostrittori, come decongestionanti nasali (anche per applicazione locale) ;
  • inibitori non selettivi delle monoamino ossidasi (IMAO);
  • farmaci antiemicranici, come i vasocostrittori a base di alcaloidi della segale cornuta;
  • farmaci che possono abbassare la soglia epilettogena.

N.B. Altre interazioni sono possibili; se fate uso di farmaci è bene avvertire il farmacista o il medico.

CONSIGLI FINALI

Si consiglia di conservare il prodotto ad una temperatura non superiore ai 25°C. Tenere fuori dalla portata dei bambini.

N.B. Il prodotto è un medicinale. Per ulteriori dubbi sul suo utilizzo raccomando di leggere il foglietto illustrativo allegato nella confezione, e di rivolgervi al vostro farmacista o al vostro medico curante.

Come per l’utilizzo di qualsiasi prodotto (integratore o farmaco che sia) consiglio SEMPRE di riferire al farmacista, o al medico, eventuali malattie in atto PRIMA dell’acquisto e dell’assunzione.


Autore Dr. Livio Chiesa

mm
Dottor Livio Chiesa: Farmacista titolare di Parafarmacia privata, con 18 anni di esperienza nel settore farmaceutico, anche come Direttore tecnico. Redattore di testi di divulgazione scientifica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close