giovedì, Febbraio 22 2024

Il cortisone per il mal di schiena può essere utilizzato, ma solo in alcuni casi e in seguito alla prescrizione del medico curante o dello specialista. Il mal di schiena è una condizione dolorosa che colpisce la parte posteriore della regione lombare, cioè la zona bassa della schiena.

È uno dei disturbi più comuni al mondo, che può variare notevolmente in intensità e durata, e può presentarsi in due forme: mal di schiena acuto o cronico.

Il mal di schiena acuto si manifesta all’improvviso a causa di lesioni o tensioni muscolari, e può durare da pochi giorni a alcune settimane.

Quello cronico, invece, persiste per periodi più lunghi, spesso oltre le 12 settimane, ed è associato, in particolare, a condizioni mediche sottostanti, come ernie del disco, problemi spinali o malattie sistemiche.

Cause più frequenti del mal di schiena

Le cause del dolore lombare sono molteplici e possono dipendere da eventi e traumi specifici, oppure, da patologie che coinvolgono questa area del corpo. Vediamone alcune.

  • Cattiva postura per lunghi periodi, che mette tensione sulla colonna vertebrale.
  • Sollevamento errato di oggetti pesanti, torsioni brusche o movimenti improvvisi.
  • Sovrappeso e obesità, che mettono maggiore pressione sulla colonna vertebrale e sui muscoli della schiena.
  • Lesioni e tensioni muscolari causati da traumi e incidenti.
  • Ernia del disco
  • Osteoartrite
  • Stenosi Spinale
  • Scoliosi
  • Artrite
  • Spondilite anchilosante

E tante altre malattie che possono interessare ossa, muscoli e tutti gli altri tessuti. Il mal di schiena è sintomo anche di calcoli renali, sindrome del colon irritabile, ciclo mestruale, gravidanza, ecc.

Farmaci comuni per il mal di schiena

Se ti è capitato di andare dal medico con dolore alla schiena, ti avrà già prescritto uno o più farmaci per trattare il problema.

Solitamente sono tre le categorie di farmaci impiegati:

  • Antidolorifici
  • Antinfiammatori
  • Miorilassanti

Antidolorifici per il mal di schiena

Gli antidolorifici, o analgesici, sono farmaci utilizzati per ridurre o controllare il dolore associato al mal di schiena. Sono disponibili quelli da banco, come il paracetamolo, indicato per il dolore lieve o moderato, e quelli su prescrizione, come gli oppioidi, riservati per il dolore grave. Quest’ultimi sono da assumere sotto supervisione medica, a causa del rischio di dipendenza.

Antinfiammatori (FANS)

Gli antinfiammatori non steroidei (FANS), aiutano a ridurre l’infiammazione e il dolore associato ad essa. Sono sono spesso utilizzati per il mal di schiena causato da condizioni come l’artrite, l’osteoartrite o l’ernia del disco. Tra i più comuni ci sono l’ibuprofene e il naproxene. Vanno presi seguendo le indicazioni del medico, perché possono avere effetti collaterali a livello gastrointestinale.

Miorilassanti

I miorilassanti sono farmaci e/o integratori che agiscono sul sistema nervoso centrale per rilassare i muscoli scheletrici.

Sono utilizzati per alleviare il dolore associato a spasmi muscolari o tensione muscolare, e possono contribuire alla comparsa del mal di schiena. Solitamente il medico ne consiglia l’assunzione prima di andare a dormire, perché possono provocare sonnolenza.

Il cortisone per il mal di schiena è indicato?

Normalmente, il cortisone non viene utilizzato per gestire lo stato doloroso provocato dal mal di schiena. I farmaci corticosteroidi sono impiegati, per lo più, nel trattamento di patologie o condizioni, che tra i vari sintomi, includono il dolore alla schiena.

Ad esempio, la terapia a base di cortisone di solito viene presa in considerazione durante la fase acuta di lombosciatalgia/ cruralgia, che coinvolge il sistema radicolare.

È il medico specialista a decidere il tipo di cortisone, le dosi e la durata del trattamento, tra i più utilizzati ci sono:

Il Bentelan per il mal di schiena è quello più usato in fase acuta della lombosciatalgia, solitamente si somministra mediante iniezioni (endovena o intramuscolari). Può essere richiesto in farmacia, nel formato: Bentelan 4 mg/2 ml soluzione iniettabile 3 fiale.

Ti ricordiamo che le informazioni presenti in questo articolo sono a solo scopo informativo. Non assumere farmaci senza la prescrizione medica.

Previous

Come togliere le smagliature: i rimedi più efficaci

Next

Bruciore di stomaco in gravidanza: come rimediare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe Interessarti Anche