sabato, Marzo 2 2024

La tinta, un autentico rituale di bellezza, oggi si può fare comodamente a casa, sfruttando le potenzialità delle soluzioni fai-da-te, garanzia di un risultato professionale come quello del salone del parrucchiere. Per procedere in assoluta sicurezza, e ottenere un colore perfetto, non resta che sfruttare i prodotti di qualità e seguire tutti i trucchi e i segreti che ci regalano gli esperti.

Trucchi e segreti per fare la tinta a casa

Colorare i capelli a casa, in perfetta autonomia, oggi è semplice e veloce. Con l’acquisto dei prodotti giusti si può ottenere un risultato assolutamente professionale.

L’idea di sperimentare non deve preoccupare in alcun modo, perché seguendo passo dopo passo le istruzioni, e alcuni semplici consigli, i risultati ci sorprenderanno.

Di facile applicazione, e assolutamente rispettose del benessere di cute e capelli, le tinte casalinghe di ultima generazione vantano formule ricche di ingredienti attivi naturali, ricostituenti e protettivi.

Se a frenare l’idea di un cambio look casalingo è il timore di dover sopportare il forte odore di una tintura, il segreto per procedere senza difficoltà è rappresentato dall’utilizzo di una colorazione capelli senza ammoniaca.

La colorazione, con ingredienti di origine naturale, è disponibile in commercio in versione permanente o semi-permanente, è gradevole all’olfatto ma, soprattutto, è perfetta per ottenere un colore luminoso, ricco e duraturo, coprire i capelli bianchi e intervenire sull’inestetica ricrescita.

Come ottenere un colore perfetto

Affidandosi alla tinta fai-da-te, il segreto per un colore perfetto risiede nella scelta attenta della nuance. Il colore prescelto non deve essere troppo lontano da quello di base, sia nel caso si desiderino scurire i capelli che in quello in cui si vogliano schiarire, soprattutto se è la prima volta che si interviene sul colore e si ha poca dimestichezza con la tinta.

La nuance selezionata per la tinta deve rivitalizzare il colore naturale dei capelli e, soprattutto, adeguarsi alla tonalità dell’incarnato e a quella degli occhi.

Chi ancora è indeciso sulla scelta, può esplorare le tendenze colore più trendy, divertendosi a provarle virtualmente grazie al VTO, il Virtual try-on di L’Oréal Paris.

Se è la prima volta che si usa in autonomia una colorazione fai-da-te, è importante testare il prodotto su una sola ciocca e valutare il risultato alla luce del sole. Nel caso il colore non convinca totalmente, l’applicazione su una sola ciocca ci permette di invertire la rotta e fare un cambio di nuance.

Chi procede con la tinta casalinga deve opportunamente considerare di quale dose disporre. Per capelli corti o di media lunghezza una confezione di colore di solito è sufficiente per ottenere un buon risultato. Meglio utilizzarne due se la capigliatura è estremamente folta, o i capelli sono particolarmente lunghi.

Il trattamento colore step by step: tutti i consigli su come procedere

Per tingere i capelli è importante procedere con rigore, passo dopo passo, non prima di aver spazzolato accuratamente la chioma, per eliminare eventuali nodi. Il passo successivo prevede la suddivisione della capigliatura in comode ciocche, per una facile applicazione. Divisi i capelli si può stendere il prodotto, seguendo le istruzioni fornite dal produttore. Prima di procedere con l’applicazione è importante indossare i guanti e collocare una mantellina o un asciugamano sulle spalle per proteggere i vestiti.

Una volta trascorso il tempo di posa previsto non resta che lavare via il prodotto con acqua tiepida e passare in seguito alla fase di detersione con lo shampoo e all’applicazione del balsamo.

Il capello sottoposto a colorazione deve essere trattato con maggiori attenzioni e tanta delicatezza. Per evitare inutili stress, nel beauty case non possono mancare shampoo, balsamo e maschere destinati alle chiome tinte.

Uno shampoo per capelli colorati preserva il benessere della capigliatura e protegge l’intensità della tinta, ampliandone la durata nel tempo e limitando l’effetto scoloritura, che è diretta conseguenza dell’incidenza del sole e dei ripetuti lavaggi.

 

Previous

Il dentifricio sui brufoli funziona davvero?

Next

Come togliere i calli ai piedi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe Interessarti Anche