mercoledì , 18 ottobre 2017
Home » Ricette » Come cucinare la verza: ricette facili e veloci
Come cucinare la verza - Ricette con la verza facili e veloci
Come cucinare la verza - Ricette con la verza facili e veloci. Scopri le migliori ricette con la verza, primi piatti, secondi e contorni sfiziosi e veloci con la verza.

Come cucinare la verza: ricette facili e veloci

La verza è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Crucifere; conosciuta anche con il nome di cavolo verza è coltivata in tutta Italia.Conosciuta fin dall’antichità per le sue proprietà medicinali, oggi è molto apprezzata sulle nostre tavole per il suo gusto particolare che si concilia con molteplici piatti, dai più semplici ai più sofisticati. Scopriamo in questo articolo come cucinare la verza ed alcune ricette con la verza facili e veloci.

Proprietà e benefici della verza

Per le proprietà nutritive di cui questa verdura è ricca, se ne consiglia un abbondante uso.

  • Proprietà diuretiche e rimineralizzanti: ricca d’acqua del 90%, la verza è considerata fin dall’antichità un ottimo diuretico, consigliata a chi soffre di stipsi, ipertensione ed obesità. La grande quantità di minerali in essa contenuta aiuta lo sportivo nelle sue prestazioni.
  • Proprietà antinfiammatorie: Coloro che soffrono di patologie legale all’apparato respiratorio, infiammatorie urinarie ed emorroidi, devono arricchire la loro dieta con la verza per trarne dei benefici soddisfacenti.
  • Proprietà antitumorali: Studi recenti hanno rilevato la presenza di un glucosinolato, la Sinigrina che previene alcune forme di tumore alla vescica, al colon e alla prostata.
  • Proprietà antiossidanti: La verza è ricca di beta-carotene, utile alla vista e alla pelle, combattendo contro l’invecchiamento.
  • La vitamina C rafforza le difese immunitarie e contrasta l’attività dei radicali liberi, combattendo l’invecchiamento cellulare.
  • Le vitamine del gruppo B e la clorofilla sono di supporto alle anemie croniche e la vit. K è utile nella prevenzione e nella cura dell’arteriosclerosi.

Come pulire e tagliare la verza

Per prima cosa bisogna eliminare la parte dura del torsolo, poi le foglie esterne che sono solitamente ingiallite e aride. A seconda di cosa dovete preparare, potete tagliare la verza a listarelle, a metà oppure lasciarla intera.

Staccate tutte le foglie sotto l’acqua corrente, poi mettetela a riposare in una grande scodella d’acqua fredda in cui aggiungerete del bicarbonato che ha lo scopo di depurare la verdura. Quindi risciacquare la verza ed assicurarsi che l’acqua sia priva di terra.

Se dovete tagliare la verza a striscioline, usate le foglie centrali per preparare un’insalata oppure le foglie esterne per preparare delle minestre.

Come cucinare la verza

La verza si inserisce in varie ricette ed è molto amata come insalata fresca da consumare con un filo d’olio e dell’aceto, ma è molto gustosa anche cotta a vapore per una cena serale ristoratrice. Si può inserire alle zuppe di lenticchie, alle minestre e anche cotta in piastra o al forno. Si può accompagnare ad altri piatti come un contorno, si può anche farcire con della carne tritata o del prosciutto e formaggio ed utilizzare per preparare degli involtini molto freschi che potete chiudere con dello spago o uno stecchino.

Ricette con la verza: primi piatti

Rigatoni integrali con verza al formaggio

Vi proponiamo come primo un piatto vegetariano molto gustoso, ma non per questo mancante di nutrienti. Abbiamo scelto di usare la pasta integrale, arricchendola, però, di formaggi molto saporiti, ricchi di proteine. Per completare il piatto abbiamo aggiunto la verza, con la sua nota acidula e completa di tutte le sostanze nutritive di cui il nostro organismo necessita. Infine la frutta secca, con le sue proprietà antitumorali.

Per questo primo piatto, vi consigliamo un fino rosso secco che contrasta con i sapori piccanti dei formaggi.

Ingredienti per 4 persone:

  • 320 gr di rigatoni integrali
  • 350 gr di verza
  • 100 gr di pepato
  • 70 grammi pecorino
  • 1 spicchio d’aglio
  • 50 gr di gherigli di noci
  • 20 gr di mandorle pelate
  • olio evo q.b.
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

Procedimento:

Pulite la verza, eliminando il torsolo, staccando le foglie e riducendole a striscioline. Lavatele bene ed asciugatele.

Mettete i formaggi su un tagliere, privateli della crosta e tagliateli a fette molto sottili.

Fate dorare l’aglio in una casseruola con poco d’olio evo, aggiungete la frutta secca tagliuzzata grossolanamente e la verza, aggiungete sale e pepe q.b. e mescolate continuamente, fino a quando la verza risulterà cotta. minuti.

Cuocete la pasta in abbondante acqua salata e scolatela al dente.

Versate la pasta nella casseruola con la verza ed aggiungete i formaggi.

Mescolate bene fino a quando inizierà la filatura e la pasta si sarà ben amalgamata.

Aggiungete altro pepe e servite la pasta immediatamente.

Penne rigate croccanti ai crauti rustici

Vi proponiamo un piatto gustosissimo dove i crauti vengono aggiunti alla pasta che poi è fatta gratinate in forno. E’ una scelta abbastanza rustica, ma il risultato è vincente, poiché il sapore forte dei crauti, arricchito dalle olive e dal cacio cavallo si amalgama alla corposità delle penne rigate rese cremose e filanti.

Ingredienti per 4 persone:

  • 350 gr di penne rigate
  • 1 verza
  • 2 cipollotti
  • 100 gr di pancetta tagliata a cubetti
  • 100 gr di olive nere
  • 50 gr di acciughe
  • 250 gr di cacio cavallo
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • pan grattato q.b.
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

Procedimento:

Pulite la verza, staccate tutte le foglie e lavatele in abbondante acqua.

In una casseruola, mettete la verza in pochissima acqua e aggiungete la cipolla già pulita e tagliata finemente. Cuocete a fiamma bassa e con il coperchio.

Preparate, nel frattempo, le olive nere che taglierete a pezzetti, le acciughe da pulire e lavare e il cacio cavallo tagliato a quadratini.

Aggiungete alla verza quanto avete preparato, la pancetta, un filo d’olio, sale q.b. e pepe q.b. Continuate la cottura a fuoco basso e tenendo la casseruola coperta, aggiungendo qualche mestolo d’acqua, per evitare che la verza si attacchi.

Cuocete le penne rigate in abbondante acqua salata e scolatela al dente.

Rimettete la pasta in pentola ed aggiungetevi il condimento della verza. Mescolate bene.

In una teglia da forno mettete come base del pan grattato e versate tutta la pasta. Completate con del pan grattato su tutta la superfice.

Infornate per la gratinatura.

Ricette con la verza: secondi piatti

Pane rustico filante con verza e noci

Il secondo con la verza che vi proponiamo si compone di ingredienti molto semplici, ma che costituiscono assieme, tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno. Le proprietà della verza si completano con quelle della frutta secca, in quanto la vit.C della verza associata alla vit. A della frutta secca permette il loro massimo funzionamento in sinergia. Si aggiungono, poi, anche le proteine della mozzarella.

Potete proporre questo piano per un incontro serale tra amici. Vi suggeriamo di raddoppiare le dosi perché facilmente potranno chiederne il bis.

Potete associare questo piatto a della birra fredda o se preferite a un vino bianco frizzante.

Ingredienti per 4 persone:

  • 800 grammi verza
  • 1 cipollotto
  • 40 gr di burro
  • 1 treccia di mozzarella da 1 chilo
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  • 2 rametti di salvia
  • 300 gr di noci e mandorle
  • 4 fette pane casereccio

Procedimento:

Preparate la verza, separando le foglie e lavandole. Cuocetele in acqua salata per 20 minuti, scolatele e disponetele su un canovaccio asciutto.

Asciugate le foglie e tagliatele a listelle, tritate l’erba cipollina, lavate e tritate la salvia.

Sminuzzate le noci e le mandorle ed aggiungetele alle erbe.

Fondete il burro in una padella grande ed aggiungete l’erba cipollina, la salvia ed infine la verza. Aggiustate di sale e pepe. Lasciate soffriggere per qualche minuto.

Prendete il filone di pane e con un lungo coltello tagliatene 4 grosse fette che andrete a spalmare col burro ricavato dal soffritto.

Distribuite sulle fette la verza con le altre erbe.

Prendete la treccia di mozzarella e ricavatene 4 fette che andrete a disporre su ciascuna fetta di pane, quindi aggiungete altra verza.

Infornate per 15 minuti a 150°C.

Nel frattempo tostate la frutta secca.

Sfornate ed aggiungete una manciata di pepe e frutta secca tostata su ciascun piatto.

Crocchelle di verdure affondate nella verza

E’ un piatto indicato per tutte le età. Si compone di ingredienti tutti vegetali ad eccezione dell’uovo. E’ un’idea golosa che potrete preparare per un pranzo casalingo, ma anche se avete ospiti a cena. Preparatelo dopo un primo leggero.

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 chilo di patate
  • 1 verza
  • 2 zucchine
  • 1 carota
  • 4 rametti di sedano
  • 1 cipollotto
  • 1 uovo
  • 80 gr di pangrattato
  • 40 gr di parmigiano grattugiato
  • 5 foglie basilico
  • noce moscata q.b.
  • olio evo

Procedimento:

Cuocete le patate in abbondante acqua fino a quando con una forchetta risulteranno cotte, ma non sfatte.

Pulite la verza, lavatela e cuocetela in abbondante acqua salata. Scolatela.

Pulite le altre verdure, lavatele ed asciugatele, infine tagliatele a dadini.

Rosolate il cipollotto in poco olio evo ed aggiungete le verdurine e della verza soltanto qualche foglia, mentre l’altra mettetela da parte. Cuocete per circa 20 minuti. Aggiustate con sale e pepe.

Schiacciate le patate, aggiungete l’uovo, le verdure rosolate, il parmigiano, la noce moscata, il pan grattato, il sale e il pepe.

Formate delle palline abbastanza grandi.

In un tegame, mettete a scaldare abbondante olio e friggete le crocchelle che dovranno risultare dorate.

Mettetele a sgocciolare sulla carta assorbente.

A questo punto, in un tegame fate soffriggere uno spicchio d’aglio che poi eliminerete e mettete la verza che avete precedentemente tagliato a filetti; Lasciate amalgamare per qualche minuto, aggiungendo del pepe.

Prendete un piatto lungo e disponete la verza e sopra le crocchelle fritte.

Verza ripiena

E’ un piatto gustosissimo, invernale, che può essere servito come secondo, ma anche come piatto unico.

Ingredienti:

  • un paio di cavoli verza (peso complessivo 1,2-1,5 kg)
  • 200 gr di riso
  • 200 gr di salsiccia fresca
  • 2 uova
  • 100 gr di burro
  • parmigiano grattugiato
  • prezzemolo
  • salvia
  • 1 limone
  • sale
  • pepe

Mondate le verze, togliendo le foglie esterne più dure e riducendo al minimo il torsolo che lega le altre foglie; lessatele per una buona mezz’ora in acqua bollente, abbondante, leggermente salata. Una finezza può essere quella di cambiare l’acqua, quando le verze incominciano a perdere l’aspetto di crudo.

Per il ripieno preparate il riso lessato molto al dente; la salsiccia spellata e sbriciolata; abbondante prezzemolo tritato, sale, pepe, e il succo di un limone: mescolate il tutto in una terrina.

Intanto le verze saranno arrivate a cottura: scolatele bene, apritele delicatamente su un telo (o una garza), togliete dall’interno la piccola parte fibrosa, staccate anche delicatamente, e tenete da parte, qualche foglia.

Disponete il ripieno dentro le verze a strati alternati con le foglie staccate dall’interno, poi cercate di raccogliere le verze stesse intorno al ripieno, stringendole verso l’alto, avvolgetele nel telo, legate.

Fate cuocere le verze, così farcite, ancora in acqua bollente, salata, per una ventina di minuti; toglietele dal telo o dalla garza, apritele cautamente a metà, in un grande piatto di servizio.

Versate sulle verze così preparate abbondante parmigiano grattugiato, i rossi delle uova rassodate, tritati, altro prezzemolo, e il burro, scaldato al momento opportuno in un tegamino, bollente, con qualche fogliolina di salvia.

In diversa versione, possono bastare sulle verze, alla fine, il parmigiano grattugiato e il burro fuso spumeggiante.

Ricette con la verza: contorni

Involtini verdi di verza allo spek

Il contorno che vi proponiamo è un’idea fresca e sfiziosa molto invitante dove la verza si amalgama allo spek dal gusto forte e deciso. L’involtino è insaporito dalla dolcezza dell’erba cipollina e dalla tuma, un formaggio fresco tipico siciliano, ottenuto dalla cagliata senza aggiunta di sale.

Dal punto di vista nutrizionale è un piatto ricco di tutti i nutrienti anche se si tratta solo di un contorno, che può accompagnare un secondo di pesce come la spigola cotta al forno o in piastra.

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 verza
  • 80 gr di tuma
  • 4 fette di spek
  • 100 gr di prosciutto cotto
  • 100 gr di pan grattugiato
  • olio di oliva extravergine q.b.
  • prezzemolo q.b.
  • 1 cipollotto
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

Procedimento:

Pulite la verza, usate le foglie interne migliori e 4 foglie grandi. Lavatele bene e lessatele in acqua salata.

Scolate la verza e mettetela ad asciugare su un canovaccio pulito.

Mettete 4 foglie grandi da parte e con le restanti foglie fate un trito, aggiungendo il prezzemolo, l’erba cipollina, il pan grattato, la tuma fresca e il prosciutto cotto sminuzzato.

Prendete le 4 fette di verza e su ognuna di essa disponete le fette di spek e distribuite su ognuna il composto preparato precedentemente.

Avvolgete ad involtino e disponetele in una pirofila. Aggiungete un filo d’olio evo, un pizzico di sale e di pepe.

Cuocete in forno a 180°C per 10 minuti.

Sfornate e servite ben caldi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close