giovedì, Giugno 20 2024

I capelli non si trovano tutti nella stessa fase ma crescono con modalità e ritmi differenti. E’ infatti il ciclo follicolare a scandire la periodicità con cui ciascun capello nasce, cresce e cade. Durante il periodo di anagen i capelli sono in crescita. La fase catagen segna il periodo di involuzione, mentre la telogen è quella che accompagna il capello fino al momento della caduta.

Considerando i problemi di caduta dei capelli più frequenti, è possibile innanzitutto distinguere tra caduta fisiologica, caduta stagionale, effluvio in telogen e fenomeni che invece conducono ad una perdita definitiva dei capelli.

La caduta fisiologica dei capelli avviene al termine della fase telogen, quando il follicolo ha già prodotto un nuovo capello pronto a sostituirlo. Nel momento in cui la perdita giornaliera riguarda più capelli del normale (più di 50) e la caduta si protrae per più di 4 settimane, è tuttavia necessaria analizzare meglio una situazione che potrebbe andare oltre il consueto ricambio del capello. Un’altra problematica molto frequente è l’effluvio in telogen, che consiste nella caduta di alcune centinaia, talvolta migliaia, di capelli al giorno: è generalmente reversibile e non si assiste mai ad una vera involuzione del pelo a causa dell’atrofia del follicolo.

La caduta stagionale, invece, è legata ad un normale ricambio di strutture che raggiunge il suo picco in autunno e in primavera a causa della sincronizzazione del ciclo vitale dei follicoli: una caduta che non sfocia in altre problematiche a patto che il ricambio fra i capelli caduti e quelli nuovi si mantenga in equilibrio e che la perdita non permanga per troppo tempo, trasformandosi in una problematica più seria.

Caduta e perdita dei capelli causata da alopecia androgenetica

Se si desidera fermare la caduta capelli da alopecia androgenetica, prima ancora di riconoscere i segnali tipici del fenomeno, è necessario comprendere in cosa consiste e in che modo evolve tale problematica.

L’alopecia androgenetica è la maggiore causa di calvizie, coinvolge circa l’80% degli uomini e il 20% delle donne nel corso della propria vita. Due sono i catalizzatori che entrano in azione nella calvizie di tipo androgenetico: una forte componente ereditaria e l’azione ormonale del diidrotestosterone (DHT). Proprio tale metabolita del testosterone, viene prodotto localmente nel follicolo pilifero e arriva al follicolo attraverso i vasi sanguigni.

L’azione del DHT provoca una lenta e progressiva miniaturizzazione dei follicoli piliferi e dei capelli da essi prodotti. Si tratta di un processo degenerativo che, se non trattato a dovere, conduce i follicoli all’atrofia e li priva della possibilità di produrre un capello sano.

I follicoli sono organi cutanei presenti fin dalla nascita in quantità geneticamente determinata e nessun nuovo follicolo potrà svilupparsi nel corso della vita. Appare quindi essenziale intervenire subito, ai primi campanelli d’allarme, per evitare che il fenomeno degeneri irreversibilmente.

Che tipo di caduta capelli prevede l’alopecia androgenetica? Esistono dei segnali che permettono di riconoscerla, nonostante sia sempre necessaria la valutazione da parte di un esperto:

  • Se è già presente un diradamento anche minimo, ovvero se risulta visibile il cuoio capelluto;
  • Se i capelli che cadono appaiono più sottili, corti e depigmentati rispetto a quelli presenti nelle zone genericamente non sensibili al DHT.

Come scoprire se la caduta capelli ha un’origine genetica?

“La mia caduta di capelli è fisiologica, temporanea o c’è il rischio di andare incontro all’alopecia androgenetica?”. La ricerca mette oggi a disposizione un’efficace strumento in grado di scoprire quanto il nostro profilo genetico si dimostri predisposto allo sviluppo della calvizie androgenetica.

Il test del DNA valuta le variazioni genetiche (polimorfismi) nei geni associati alla comparsa di Alopecia Androgenetica e alla caduta di capelli in diverse aree del cuoio capelluto. Viene effettuato in stretta collaborazione con Centri Diagnostici di Bioingegneria e Biologia Molecolare, specializzati in Biologia Genetica, autorizzati e riconosciuti dalla Società Italiana di Genetica Umana, certificati UNI EN ISO 9001, UNI CEI EN ISO 13485 e UNI EN ISO 15189.

Il prelievo del DNA è semplice e non invasivo. Avviene infatti tramite un autoprelievo per mezzo di un tampone salivare. Dopo alcuni giorni, grazie ai risultati evidenziati dal test predittivo, gli esperti di Istituto Helvetico Sanders avranno la possibilità di identificare il trattamento più opportuno per rinforzare i capelli miniaturizzati, arginare la caduta ed affrontarne la progressione.

Prevenire e fermare la caduta capelli con Trattamenti efficaci

Oltre alla determinante di tipo genetico, dietro la caduta dei capelli possono nascondersi diverse cause e concause. Solo scoprendole in maniera tempestiva, si potranno mettere in condizione gli esperti di intervenire per affrontare immediatamente il problema.

Con il continuo progredire della ricerca scientifica in ambito tricologico, è cresciuta l’importanza di concepire una soluzione mirata nei confronti del follicolo pilifero, che non prevedesse controindicazioni e risultati visibili nel giro di alcuni mesi.

I trattamenti cosmetricologici si avvalgono di sostanze funzionali di origine naturale che non risultano invasive e sono prive di effetti collaterali, assicurando un’azione specifica mirata al problema. Si tratta di percorsi attentamente testati e studiati per agire sulla specifica problematica, anche in considerazione delle esigenze del soggetto.

Numerosi studi attestano l’efficacia di alcuni estratti naturali nel contrastare la progressione della caduta e della perdita del capello. Serenoa Repens, Ortica, Caffeina, Aloe Vera, Canfora, Zinco PCA e Pantenolo sono solo alcune delle sostanze funzionali, la cui azione antiandrogena è dimostrata a livello scientifico e scelta con sempre maggior frequenza per affrontare la caduta dei capelli.

Diversi sono i risultati conseguibili grazie a tali formulazioni, di natura dermocorrettiva e dermostimolante, in considerazione della tipologia di caduta capelli e dello stadio di progressione della calvizie: sarà infatti possibile agire per normalizzare il cuoio capelluto, rallentare sensibilmente il fenomeno della caduta dei capelli e, soprattutto, mantenere ed irrobustire le strutture capillari presenti.

Sottoporre il problema della Caduta capelli ad un Esperto

Istituto Helvetico Sanders opera da oltre 30 anni nel settore cosmetricologico per ripristinare il benessere psicofisico di tutte le persone che si recano nei suoi 23 centri tra Italia e Svizzera, per risolvere i propri problemi di calvizie.

Se si desidera far valutare la situazione dagli Specialisti di Istituto Helvetico Sanders e risolvere in modo mirato ed efficace il problema è possibile prenotare una visita specialistica gratuita. Basta chiamare il numero verde 800283838 o compilare il form nella pagina di richiesta visita.

Per conoscere la sede Istituto Helvetico Sanders più vicina visita la pagina dove siamo. Questa la lista completa con le 22 sedi in Italia: Bologna, Genova, Milano, Padova, Torino, Treviso, Trieste, Verona, Ancona, Firenze, Perugia, Pescara, Roma, Bari, Cagliari, Catania, Cosenza, Lecce, Napoli, Palermo, Reggio Calabria, Salerno.

Previous

Come cucinare le zucchine: ricette facili e veloci

Next

Come eliminare le occhiaie: cause e rimedi naturali efficaci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe Interessarti Anche