domenica, Luglio 21 2024

Il ciclo in anticipo raramente desta preoccupazioni, è un fenomeno comune che, il più delle volte, si presenta senza alcun significato clinico. Le mestruazioni in anticipo sono caratterizzate dall’accorciamento del periodo intermestruale. Di solito, l’intervallo tra un flusso mestruale e il successivo è di circa 28 giorni, ma una frequenza dai 25 ai 36 giorni è considerata normale. Se però il ciclo anticipa regolarmente e sono presenti altri sintomi, potrebbe essere necessario approfondire tramite una visita ginecologica.

Ciclo in anticipo: cause

In alcuni casi è possibile anche che si verifichi un anticipo del ciclo di 10/ 15 giorni, in particolare dopo i 40 anni, e può essere un segnale che ci si sta avvicinando alla menopausa. Infatti, prima che le mestruazioni scompaiano del tutto, la donna entra nella fase della premenopausa, che può avere una durata anche di 3-5 anni. In questo periodo, i cicli sono molto irregolari, possono arrivare in anticipo oppure in ritardo, con sintomi molto più marchi e flussi, a volte abbondanti, altre più leggeri.

Ma vediamo quali sono le altre cause del ciclo in anticipo:

  • Cambiamenti nel livello di ormoni che possono provocare anche ritardi.
  • Situazioni di stress emotivo o ansia che influenzano il sistema endocrino e causano alterazioni del ciclo mestruale.
  • Il periodo della pubertà, durante il quale il ciclo mestruale è molto irregolare, mentre il corpo si adatta alle nuove fluttuazioni ormonali.
  • Disturbi alimentari come l’anoressia o la bulimia.
  • Alcune condizioni mediche, come la sindrome dell’ovaio policistico l’endometriosi o la tiroide iperattiva.
  • Cambiamenti significativi di peso, sia aumento che perdita.

I sintomi delle mestruazioni in anticipo

Le mestruazioni in anticipo possono manifestarsi con vari sintomi, a volte anche d’intensità maggiore rispetto a quando il ciclo è regolare.

  • Flusso mestruale più abbondante del solito
  • Crampi addominali
  • Stanchezza
  • Cambiamenti dell’umore
  • Sensibilità e/o dolore al seno

Sebbene le mestruazioni in anticipo siano spesso benigne e non causano complicazioni, in alcuni casi possono indicare la presenza di un disordine del ciclo mestruale o di altre condizioni mediche. Se si verificano sintomi gravi, come flusso mestruale troppo abbondante o dolori intensi, bisogna approfondire le indagini.

Come capire perché il ciclo è in anticipo

Se il ciclo in anticipo si presenta troppo spesso e vuoi capire qual è la causa che sta provocando il problema, dovrai sottoporti a una visita ginecologica e ad alcuni test. Il medico può richiedere un esame del sangue per valutare i livelli ormonali e un’ecografia pelvica o transvaginale per escludere eventuali anomalie strutturali o condizioni mediche sottostanti. È sempre importante riferire al ginecologo tutti i sintomi e le variazioni nel ciclo mestruale per permettergli di avere le informazioni necessaria per fare una diagnosi accurata.

Cosa fare se il ciclo è in anticipo?

Se la causa dell’anticipo delle mestruazioni è di origine medica, sarà il ginecologo a dare il trattamento specifico adeguato. Ad esempio, può decidere di prescrivere farmaci per regolare i livelli ormonali o di intervenire chirurgicamente per trattare condizioni come i fibromi uterini e l’endometriosi.

Se invece sono escluse patologie sottostanti, potrebbe essere utile apportare delle modifiche allo stile di vita: prova a ridurre lo stress, migliora l’alimentazione e fai attività fisica tutti i giorni. Questo cambiamento potrebbe aiutarti, nel tempo, ad avere un ciclo più regolare.

Previous

Dolore dente del giudizio: quali rimedi?

Next

Il latte fa male al fegato?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe Interessarti Anche