venerdì, Luglio 19 2024

La dermatite seborroica del cuoio capelluto è un disturbo che colpisce molte persone, una condizione che può essere molto spiacevole, non solo a causa dei sintomi associati, ma anche per il disagio estetico che provoca nel soggetto che deve convivere con questo problema.

Scopriamo quali sono le cause della dermatite del cuoio capelluto e i rimedi più efficaci per trattarla.

Cos’è la dermatite seborroica?

La dermatite seborroica è una condizione cutanea cronica e infiammatoria che colpisce principalmente l’area del cuoio capelluto, ma può anche manifestarsi in altre parti del corpo, come il viso, le orecchie, il petto e la schiena.

L’infiammazione è dovuta alla moltiplicazione troppo veloce delle cellule della pelle e da un’altissima attività delle ghiandole sebacee.

È possibile notare il problema soprattutto all’attaccatura dei capelli e dietro l’orecchio, sulle sopracciglia, ma anche sul tronco, sui genitali e intorno al naso e alle labbra.

Con questo approfondimento, ci focalizziamo sulla manifestazione della dermatite sul cuoio capelluto.

Dermatite cuoio capelluto: le cause

La dermatite seborroica può interessare tutti, in particolare, gli uomini di età compresa tra i 30 e i 40 anni.

Le cause esatte della dermatite seborroica non sono completamente comprese, ma si ritiene che una combinazione di fattori genetici, ormonali e ambientali, giochi un ruolo nella sua insorgenza.

L’eccessiva produzione di sebo (l’olio prodotto dalle ghiandole sebacee della pelle) e la presenza del lievito Malassezia sulla pelle, sono considerati i fattori scatenanti più importanti.

Questi fanno scattare la risposta immunitaria che provoca l’irritazione della pelle. Quando le cellule si sfaldano velocemente, producono squame gialle e unte, le tipiche crosticine che compaiono sul cuoio capelluto.

La dermatite seborroica può anche essere il primo sintomo della psoriasi o della rosacea, motivo per il quale, capita spesso di confondere le varie condizioni. Inoltre, alcuni studi evidenziano che è maggiormente frequente nelle persone con disturbi neurologici e nei pazienti con HIV.

Sintomi della dermatite seborroica sul cuoio capelluto

Il cuoio capelluto è la zona tendenzialmente più colpita dalla dermatite seborroica, la sintomatologia è varia e, in base alla gravità della condizione, può essere più accentuata e creare maggiori disturbi.

  • Desquamazione della pelle con formazione di piccole scaglie di colore bianco o giallastro (forfora).
  • Pelle arrossata e irritata
  • Prurito e bruciore d’intensità variabile

Nei casi gravi, è possibile compaiano papule squamose rosse-giallastre alla base dei capelli o si verifichi una blefarite sulle palpebre, causata dall’irritazione delle ghiandole sebacee alla base delle ciglia.

Rimedi dermatite seborroica tra i capelli

La dermatite seborroica è una malattia cronica e recidivante, i trattamenti disponibili servono a gestire i sintomi. Chi ne è affetto, vive periodi di benessere alternati a fase di riacutizzazioni.

La diagnosi viene fatta dal dermatologo tramite osservazione clinica delle lesioni, ed eventuale esame citologico o istologico su un campione di tessuto.

Non c’è una cura definitiva per la dermatite seborroica, farmaci e prodotti sono realizzati con sostanze che limitano la produzione di sebo e l’azione dei lieviti.

Solitamente, si tratta di creme ad uso topico o compresse a base di solfuro di selenio, zinco piritione o il ketoconazolo. I cortisonici sono utilizzati solo nelle fasi particolarmente acute, con manifestazione sintomatica molto forte, e vengono prescritti per brevi periodi.

Per il cuoio capelluto, sono disponibili shampoo e balsami ad azione antimicotica e sebo regolatrice, da utilizzare 1-2 volte a settimana, in base alle indicazioni del dermatologo.

Buone abitudini per prevenire riacutizzazioni

Usare creme, shampoo e lozioni apposite per trattare la dermatite seborroica in testa permette di gestire i sintomi, ma non di evitare le fasi di riacutizzazione del problema.

Per prevenire la ricomparsa o evitare di aggravare i sintomi:

  • Evita di grattarti, perché ostacola la guarigione delle placche.
  • Non usare shampoo, balsamo e lozioni per capelli troppo aggressivi.
  • Preferisci prodotti senza profumi e tensioattivi, delicati e ad azione lenitiva.
  • Assicurati che il cuoio capelluto sia sempre pulito e idratato, ma evita l’uso eccessivo di prodotti per lo styling, che possono ostruire le ghiandole sebacee.

In ogni caso, ti consigliamo di seguire sempre le indicazioni dettate del tuo dermatologo di fiducia.

Previous

Peperoncino: si può mangiare piccante in gravidanza?

Next

Deltacortene®: farmaco contro gli episodi dolorosi delle infiammazioni croniche (specie se autoimmuni).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe Interessarti Anche