Fluimucil Mucolitico®: farmaco contro le malattie catarrali dell’apparato respiratorio.

0
57
Fluimucil Mucolitico®: foglietto illustrativo, a cosa serve, prezzo, controindicazioni, effetti collaterali. Scopri a cosa serve Fluimucil Mucolitico bustine o sciroppo, per quali malattie si usa, come assumerlo, la posologia per bambini e adulti, le controindicazioni e gli effetti collaterali del medicinale Fluimucil Mucolitico.
Fluimucil Mucolitico® (proprietà dell’immagine: Zambon - Italia, www.fluimucil.it)

Fluimucil Mucolitico® è un farmaco utile a fluidificare le secrezioni catarrali respiratorie.

GENERALITA’

Forme di somministrazione

1. Sciroppo (flacone da 200 ml)

Principi attivi: N-Acetilcisteina 600 mg/15 ml.

Eccipienti: Metile para-idrossibenzoato, propile para-idrossibenzoato, disodio edetato, carmellosa, saccarina sodica, aroma granatina, aroma fragola, sorbitolo, idrossido di sodio, acqua depurata.

2. Granulato per soluzione orale (confezione da 10 bustine)

Principi attivi: N-Acetilcisteina 600 mg.

Eccipienti: Aspartame, Aroma arancia, Sorbitolo.

Obbligo di ricetta

Fluimucil Mucolitico® è un farmaco da banco, di libera vendita nelle parafarmacie e farmacie, senza obbligo di ricetta medica.

Prezzo di listino:

  • Fluimucil Mucolitico® sciroppo 600 mg/15 ml (200 ml) € 11,00;
  • Fluimucil Mucolitico® granulato 600 mg (10 bustine) € 9,90.

*La spesa è detraibile dalla dichiarazione dei redditi.

Rimborsabilità del S.S.N.

Fluimucil Mucolitico® non è rimborsato dal S.S.N.

Azienda

Zambon – Italia (MI)

Fluimucil Mucolitico® (proprietà dell’immagine: Zambon – Italia, www.fluimucil.it)

DESCRIZIONE

Fluimucil Mucolitico® è un farmaco utilizzato per trattare le affezioni delle vie respiratorie, quando queste presentano (come sintomo) una componente secretoria molto abbondante e densa (catarro, o ”espettorato”); esempi di queste affezioni sono le tracheiti e le bronchiti (acute o croniche).

Queste affezioni sono generalmente sostenute da infezioni microbiche e dalla conseguente reazione infiammatoria delle mucose respiratorie (del cavo orale, della trachea e dei bronchi). Quando in queste sedi si instaura un’infezione, le mucose reagiscono con la risposta infiammatoria (caratterizzata primariamente da un aumento della produzione e della densità del muco, allo scopo di proteggere le vie respiratorie profonde ed eliminare i microbi); il muco diviene dunque più abbondante e denso, e può essere spinto verso l’esterno mediante il riflesso della tosse (tosse grassa) che viene in aiuto all’attività mucociliare espulsiva (compromessa dall’affezione).

Questo muco abbondante e denso (catarro, o espettorato) non solo provoca la tosse grassa, ma rende anche difficoltosa la respirazione; il catarro può essere di diversi tipi, Fluimucil Mucolitico® è indicato soprattutto per il tipo ”mucoso” (composto prevalentemente da muco) e per il tipo ”muco-purulento” (composto anche da germi e globuli bianchi).

Fluimucil Mucolitico® è infatti un farmaco a base di ”N-Acetil-L-Cisteina” (o NAC) che è una molecola appartenente alla categoria dei ”mucolitici”; la NAC fluidifica l’espettorato catarrale mucoso (o muco-purulento) rendendolo meno denso, dunque ne facilita l’eliminazione attraverso i movimenti muco-ciliari e la tosse (che diviene, di conseguenza, meno intensa).

L’effetto terapeutico è dunque quello di facilitare l’espulsione del muco, migliorando così la respirazione, diminuendo la tosse grassa, rallentando la stasi dei germi che potrebbero aggravare l’infezione.

N.B. Fluidificare troppo il muco può far venir meno la sua azione protettiva nei confronti delle vie respiratorie profonde; i mucolitici vanno dunque utilizzati in condizioni di secrezioni catarrali particolarmente dense, e bisogna valutare (insieme al medico) l’opportunità di associarli a farmaci ”curativi” dell’affezione, come per es. antimicrobici (se la causa è un’infezione).

LA SUA AZIONE

Fluimucil Mucolitico® è un farmaco a base di ”N-Acetil-L-Cisteina” (o NAC) che è una molecola derivata dall’aminoacido Cisteina; questo principio attivo è un ”mucolitico” ed è dunque in grado di fluidificare le secrezioni catarrali delle vie respiratorie, favorendo così l’espettorazione.

La NAC è ben assorbita per via orale e raggiunge picchi plasmatici entro due o tre ore; il principio attivo agisce con una duplice azione:

Azione mucolitica

La NAC (in virtù della presenza di un gruppo tiolico libero nella sua struttura) scinde i legami disolfuro responsabili dell’aggregazione della componente proteica del muco, in questo modo ne diminuisce la viscosità aumentandone dunque la fluidità e la facilità di eliminazione. Inoltre la NAC agisce anche sull’eventuale componente purulenta del muco depolimerizzandone gli acidi nucleici.

Favorire l’espettorazione è utile a migliorare la respirazione quando la secrezione catarrale è troppo densa, inoltre diminuisce il riflesso tussivo e facilita l’allontanamento dei germi patogeni; ricordiamo, però, che l’uso dei mucolitici deve essere riservato ai casi di secrezioni particolarmente dense, tali da ostacolare la respirazione (vedi sopra).

Azione antiossidante

Quest’azione è sostenuta primariamente dalla stessa molecola della NAC (azione antiossidante diretta) in virtù del gruppo tiolico libero (-SH): questo gruppo inattiva i radicali liberi ossidanti (responsabili della degenerazione di importanti strutture delle vie respiratorie). La NAC (per esempio) inattiva il radicale ipocloroso dei fagociti attivati, questo ossidante è in grado di inattivare un importante enzima: l’antitripsina; la NAC (dunque) protegge l’antitripsina che, a sua volta, è in grado di inattivare le elastasi e le collagenasi (responsabili della degradazione di alcune componenti dell’apparato respiratorio).

Altra azione antiossidante della NAC è di tipo indiretto: la molecola attraversa le membrane delle cellule dove libera la cisteina, che è indispensabile per la produzione del Glutatione (GSH); questa molecola rappresenta il principale sistema antiossidante endogeno difensivo (contro le degradazioni dei radicali liberi e delle sostanze citotossiche); la NAC (dunque) potenzia le difese cellulari.

UTILIZZO

Fluimucil Mucolitico® è disponibile in sciroppo con bicchierino dosatore da 15 ml (corrispondenti a 600 mg di acetilcisteina), oppure in granulato per soluzione orale in bustine (ogni bustina contiene 600 mg di acetilcisteina).

Sciroppo

Si può assumere un misurino da 15 ml intero, oppure frazionato nell’arco delle 24 ore.

Bustine

Si può assumere il contenuto di una bustina intero, oppure frazionato nell’arco delle 24 ore. Il contenuto della bustina va sciolto in un bicchiere d’acqua prima dell’assunzione.

N.B. La dose massima nell’arco delle 24 ore è 600 mg di acetilcisteina, l’assunzione deve avvenire preferibilmente la sera. La durata della terapia non dovrebbe superare i 5-10 giorni consecutivi.

POSSIBILI EFFETTI INDESIDERATI

Fluimucil Mucolitico® può comportare i seguenti effetti indesiderati:

  • mal di testa, rumori percepiti dall’orecchio (tinnito, o acufene);
  • aumento del battito cardiaco (tachicardia);
  • respirazione difficoltosa o ”fame d’aria” (dispnea), broncospasmo;
  • nausea, vomito, diarrea, indigestione, dolori addominali;
  • infiammazioni del cavo orale (stomatiti);
  • aumento della temperatura corporea (piressia);
  • orticaria, rash, angioedema, prurito.

N.B. In caso di alterazioni della pelle o delle mucose, l’assunzione del farmaco va interrotta e deve essere tempestivamente avvertito un medico.

Le misurazioni della pressione arteriosa possono essere falsate durante la terapia con il farmaco.

Alcune ricerche hanno evidenziato una possibile riduzione dell’aggregazione delle piastrine del sangue.

Il sorbitolo contenuto in Fluimucil Mucolitico® può avere effetto lassativo.

CONTROINDICAZIONI E CAUTELE

Consiglio

Nessun farmaco (o integratore) deve essere utilizzato dietro consiglio di persone che non siano professionisti sanitari qualificati (per es. farmacisti, medici, biologi, erboristi).

Non utilizzate farmaci (o integratori) dietro consiglio di persone non qualificate, solo perché esse ne hanno avuto giovamento: ognuno di noi è un caso “unico” che può essere valutato solo da un professionista.

Pediatria – Gravidanza – Allattamento

Per i bambini esistono formulazioni di Fluimucil Mucolitico® specifiche.

Fluimucil Mucolitico® può essere assunto in gravidanza o in allattamento (ma solo dietro consiglio del medico).

Malattie in atto o passate

Il granulato per soluzione orale in bustine contiene una fonte di fenilalanina, questa è potenzialmente dannosa per i soggetti affetti dal fenilchetonuria.

Per allergie, intolleranze, o ipersensibilità vedi sotto.

Cautele

Particolare cautela deve essere osservata nei pazienti affetti da asma bronchiale, tali soggetti devono essere seguiti da un medico per scongiurare l’eventualità di un broncospasmo.

Data l’azione gastrolesiva del farmaco, i pazienti affetti da ulcera o con storia di ulcera devono prestare massima attenzione.

Lo sciroppo contiene sodio, di ciò si deve tenere conto nei pazienti con ridotta funzionalità renale, o che seguono una dieta a basso contenuto di sodio.

N.B. La somministrazione del farmaco può aumentare il volume delle secrezioni da espettorare, se il paziente non è in grado di farlo autonomamente (ed efficacemente) deve essere avvisato il medico.

Allergie, ipersensibilità, intolleranze

Si raccomanda di osservare la composizione insieme al farmacista, sia riguardo i principi attivi sia riguardo gli eccipienti. Non somministrare il prodotto se siete allergici (o ipersensibili, o intolleranti) ad uno dei componenti.

Le manifestazioni allergiche (o di ipersensibilità, o di intolleranza) possono comparire anche per la somministrazione di sostanze che sono SIMILI CHIMICAMENTE a quelle che dovreste evitare. Le persone con tendenza a queste reazioni devono verificare anche la presenza di queste sostanze, insieme al farmacista o al medico.

N.B. Lo sciroppo contiene metile para-idrossibenzoato e propile para-idrossibenzoato, queste possono causare reazioni allergiche, anche ritardate.

N.B. Sia il granulato in bustine sia lo sciroppo contengono sorbitolo, dunque i pazienti affetti da problemi di intolleranza al fruttosio non devono assumere Fluimucil Mucolitico®.

INTERAZIONI CON ALTRE SOSTANZE

Fluimucil Mucolitico® può interagire con le seguenti categorie di medicinali:

  • farmaci antitussivi (non assumere in contemporanea);
  • carbone attivo (può ridurre l’effetto);
  • antibiotici per via orale (devono essere assunti a due ore di distanza dal farmaco);
  • nitroglicerina.

Alcuni esami diagnostici possono essere falsati:

  • misurazione della pressione arteriosa;
  • determinazione dei salicilati;
  • determinazione dei chetoni nelle urine.

In generale si consiglia di non assumere altri farmaci insieme a Fluimucil Mucolitico® o comunque di avvertire il medico, o il farmacista.

CONSIGLI FINALI

Si consiglia di conservare il prodotto ad una temperatura non superiore ai 25°C. Tenere fuori dalla portata dei bambini.

N.B. Il prodotto è un medicinale. Per ulteriori dubbi sul suo utilizzo raccomando di leggere il foglietto illustrativo allegato nella confezione, e di rivolgervi al vostro farmacista o al vostro medico curante.

Fluimucil Mucolitico® sciroppo (dopo la prima apertura) va assunto entro 15 giorni.

Come per l’utilizzo di qualsiasi prodotto (integratore o farmaco che sia) consiglio SEMPRE di riferire al farmacista, o al medico, eventuali malattie in atto PRIMA dell’acquisto e della somministrazione.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here